Secondo piatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una bistecca alla fiorentina, un tipico secondo di carne
Il mosciame di tonno, un secondo di pesce servito anche come antipasto

Un secondo piatto è un piatto - in genere a base di carne, pesce o uova - consumato dopo che, nel corso di un pasto, è stato servito un primo. Alcuni piatti possono fungere a seconda della quantità servita e/o delle diverse usanze locali da secondo oppure da antipasto (ad esempio molti salumi, il carpaccio oppure le sarde in saor[1]).

Aspetti nutrizionali[modifica | modifica sorgente]

In genere il secondo piatto consumato nei pasti principali risulta ad alto contenuto proteico e si contrappone ad un primo più ricco di carboidrati.[2]

Ristorazione tradizionale[modifica | modifica sorgente]

Nella ristorazione tradizionale italiana il secondo è di solito accompagnato da un contorno servito separatamente in un piatto di dimensioni più piccole di quello che contiene la portata principale.[3]

Nel menù francese il secondo piatto italiano viene in genere assimilato al plat principal [4] o plat de résistance.[5] In genere però quello che in Italia viene considerato un contorno è servito nello stesso piatto del secondo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sarde In Saor, scheda su www.ricette-tipiche.com
  2. ^ Alimentazione del bambino, pagina su www.paginemamma.it
  3. ^ L'Italia verso Il Duemila, Ugo Skubikowski; University of Toronto Press, 1997; capitolo Mangiare all'italiana, pagina 27; Google boooks: L'Italia Verso Il Duemila - Ugo Skubikowski - Google Libri
  4. ^ Piatto, voce sul Dizionario Collins on-line
  5. ^ Secondo, voce sul Dizionario Collins on-line

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina