Villa Chiericati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°30′11.3″N 11°38′38″E / 45.503139°N 11.643889°E45.503139; 11.643889

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Villa Chiericati
(EN) City of Vicenza and the Palladian Villas of the Veneto
VillaChiericati 2007 07 18 2.jpg
Tipo Architettonico
Criterio C (i) (ii)
Pericolo Nessuna indicazione
Riconosciuto dal 1996
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Villa Chiericati è una villa sita a Vancimuglio di Grumolo delle Abbadesse (Provincia di Vicenza) progettata da Andrea Palladio nel 1550 e ultimata postuma nel 1584.

Villa Chiericati a Vancimuglio segna una tappa fondamentale nell'evoluzione del linguaggio palladiano perché per la prima volta un vero e proprio pronao di tempio antico viene applicato al corpo di una villa, dando origine a un motivo che diventerà una soluzione classica nei progetti successivi (per esempio nel caso della Rotonda e della Malcontenta).

Lato destro
Sezione (Ottavio Bertotti Scamozzi, 1781)

Il committente della villa è Giovanni Chiericati, fratello di Girolamo, per il quale negli stessi anni Palladio sta realizzando il palazzo all’Isola di Vicenza. Con buona probabilità il progetto per la villa è pressoché contestuale a quello per palazzo Chiericati, e quindi da far risalire ai primi anni cinquanta, anche se nel 1554 il cantiere non risulta ancora aperto. Nel 1557, un anno prima della morte del committente, la villa è largamente incompiuta, tanto che nel 1564 risulta coperta ma ancora priva di solai e finestre, e non abitata. Acquistata da Ludovico Porto nel 1574, la villa è ultimata nel 1584 (quattro anni dopo la morte dell'architetto), ad opera di Domenico Groppino, abituale collaboratore palladiano.

Alcuni disegni e schizzi autografi conservati a Londra documentano il progetto originale palladiano per la villa, sensibilmente modificato in fase esecutiva: è sparito infatti il salone centrale biabsidato a favore di un semplice vano cubico. Il cambiamento di programma ha portato alla chiusura di una finestra termale posteriore ancora visibile nel progetto. In uno schizzo di studio si coglie anche una prima soluzione per un pronao con colonne anche sui fianchi, poi sostituita dall’attuale muro forato da un arco, garanzia di irrigidimento della struttura, secondo l’esempio antico del portico di Ottavia. L'esecuzione appare comunque molto poco controllata da Palladio, che sicuramente non avrebbe mai realizzato colonne prive di entasi, come invece appaiono. Inoltre la distribuzione interna a due sale frontali obbliga a porre la finestra in prossimità degli angoli della fabbrica: una disposizione sconsigliata anche nei Quattro libri dell'architettura perché indebolisce eccessivamente l'angolo dell'edificio che, infatti, mostra visibili segni di cedimento.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]