Tragedie shakespeariane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shakespeare scrisse le tragedie fin dall'inizio della sua carriera. Una delle sue prime opere fu la tragedia romana Tito Andronico, che fu seguito qualche anno dopo da Romeo e Giulietta. Comunque, le sue tragedie più famose furono scritte nei sette anni compresi tra il 1601 e il 1608, durante il quale scrisse anche le sue quattro tragedie maggiori Amleto, Otello, Re Lear e il Macbeth, accompagnate dall'Antonio e Cleopatra e le meno conosciute Timone di Atene e Troilo e Cressida.

Tragedie[modifica | modifica wikitesto]

Molti hanno collegato queste opere ai precetti aristotelici sulla tragedia: i protagonisti hanno un carattere ammirevole ma imperfetto; il pubblico è capace di capire e simpatizzare con i protagonisti. Sicuramente, tutti i protagonisti delle opere tragiche shakespeariane sono capaci di fare sia del bene che del male. Il drammaturgo insiste molto sull'operazione della dottrina del libero arbitrio; l'(anti)eroe sa sempre fare un passo indietro, per redimersi. Ma, secondo dettami dell'autore, essi si muovono inesorabilmente verso il loro tragico destino.

Tragedie d'amore[modifica | modifica wikitesto]

Romeo e Giulietta, Antonio & Cleopatra, e l'Otello possono essere considerate tragedie d'amore. Queste tragedie si differenziano dalle altre in quanto gli amanti non sono destinati all'errore da loro stessi, ma a causa di qualche ostacolo nel mondo che li circonda. In queste opere, la morte è quasi una sorta di compimento del loro amore, come se l'amore non potesse avere successo in un mondo tragico.

Lista delle tragedie shakespeariane[modifica | modifica wikitesto]