Raffigurazioni di Shakespeare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Possibili volti di Shakespeare

Numerosi sono i dipinti o le sculture che raffigurano William Shakespeare, tuttavia nella maggior parte dei casi si tratta di opere posteriori alla sua morte, realizzate da artisti che mai videro il vero volto di Shakespeare. Le uniche due raffigurazioni di cui è accettato il valore documentario sono la statua del monumento funebre e il l'incisione presente sul First Folio del 1623.[1]

Raffigurazioni chiaramente identificate come Shakespeare[modifica | modifica wikitesto]

L'incisione di Martin Droeshout[modifica | modifica wikitesto]

L'incisione di Martin Droeshout

L'incisione che illustra il frontespizio dell'in-folio fu realizzata nel 1623, sette anni dopo la morte di Shakespeare. L'autore, Martin Droeshout, è probabile che non abbia mai visto Shakespeare in vita e che si sia basato per la sua incisione di un disegno o di un ritratto a noi non pervenuto[nb 1].; tuttavia il volto venne ritenuto accettabile dagli amici di Shakespeare John Heminge ed Henry Condell che lo inserirono sul frontespizio della prima edizione omnia delle opere teatrali scespiriane, il First Folio, inoltre Ben Jonson lodò l'incisone quando fu pubblicata.

Il busto scolpito da Gheerart Janssen[modifica | modifica wikitesto]

Il busto scolpito da Gheerart Janssen

Il busto posto sopra la tomba di Shakespeare alla Holy Trinity Church di Stratford fu realizzato tra il 1616 e il 1623; pur non avendo documenti al riguardo, si ritiene che sia stato commissionato e approvato dalla famiglia Shakespeare. Janssen fu attivo dal 1600 in poi nei pressi del Globe Theatre, è probabile pertanto che abbia almeno conosciuto di vista Shakespeare[nb 1].

Raffigurazioni effettuate con Shakespeare in vita[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto Chandos[modifica | modifica wikitesto]

Il ritratto Chandos

Il più famoso dei ritratti shakespeariani; a differenza delle due opere precedenti, è stato dipinto dal vivo[nb 1] intorno al 1610. Tuttavia non è certo che l'uomo raffigurato sia William Shakespeare. Il ritratto deve il suo nome a James Brydges (1673-1744), primo Duca di Chandos, il primo padrone documentato del ritratto.
Tradizionalmente è ritenuto opera di Richard Burbage (1567–1619), attore amico di Shakespeare, che l'avrebbe successivamente donato a Joseph Taylor. Gli studiosi moderni non ritengono credibile questa tradizione, anche perché Burbage e Taylor non fecero mai parte contemporaneamente della stessa compagnia[nb 1].
Il primo riferimento rigaurdante il ritratto si trova in una nota di George Vertue (1684-1756)[2] che dichiara che fu dipinto da John Taylor, un membro della Painter-Stainers' company, e che prima dell'acquisto da parte del Duca di Chandos, il ritratto era appartenuto al presunto figlioccio di Shakespeare, William Davenant (1606–1668)[nb 2].
Sino all'Ottocento il ritratto fu ritenuto attendibile, tanto da essere utilizzato come base per il busto di Peter Scheemakers installato a Westminster nel 1740. Nel 1856 fu donato - prima opera della collezione - alla British National Portrait Gallery di Londra in occasione della sua fondazione, dove si trova ancora oggi.
Nel 2006, Tarnya Cooper della National Portrait Gallery ha terminato uno studio di tre anni relativo ai presunti ritratti di Shakespeare, giungendo alla conclusione che il ritratto Chandos sia la rappresentazione più attendibile del drammaturgo. La Cooper punta l'attenzione sull'orecchino e sulla cravatta slegata del modello, segni emblematici dei poeti (il poeta John Donne e il Conte di Pembroke, patrono di Shakespeare, sfoggiavano un look simile). Tuttavia, la Cooper ammette senza difficoltà che l'autenticità del dipinto non può essere dimostrata[nb 3].

Ritratto Cobbe[modifica | modifica wikitesto]

Il ritratto Cobbe

Recentemente vi si è aggiunto il quadro posseduto dalla famiglia Cobbe[nb 4][nb 5], appartenuto al terzo conte di Southampton, uno dei mecenati che finanziarono la messa in scena delle opere di Shakespeare. A questo ritratto si sarebbe ispirato il Ritratto di Gheerart Janssen ,un pittore fiammingo che lavorò in Inghilterra nella prima metà del XVII secolo, nell'eseguire il ritratto del Bardo alcuni anni dopo la morte di Shakespeare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel 2012 si "scopre" un ritratto giovanile di Shahespeare: La Stampa: Ritratto di Shakespeare giovane
  2. ^ Un noto incisore e antiquario del XVIII secolo che molto si adoperò nel campo della ricerca scespiriana; si veda ad esempio: Samuel Schoenbaum, Shakespeare. Sulle tracce di una leggenda

Note bibliografiche[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Tutto il teatro di William Shakespeare. Testo inglese a fronte. Con CD-ROM, Garzanti Libri, 2000
  2. ^ Cooper, Tarnya; Pointon, Marcia; Shapiro, James; Wells, Stanley (2006). Searching for Shakespeare. Yale University Press. p. 48. ISBN 030011611X.
  3. ^ Charlotte Higgins, The only true painting of Shakespeare - probably in The Guardian, 2 marzo 2006. URL consultato il 13 luglio 2008.
  4. ^ Fonte: La Repubblica, 09.03.2009, "Shakespeare, risolto il mistero. Londra svela il suo vero volto"
  5. ^ Fonte: La Repubblica, 10.03.2009, "Ecco il vero volto di William Shakespeare"
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura