Tokyo Tapes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tokyo Tapes
Artista Scorpions
Tipo album Live
Pubblicazione febbraio 1979
Durata 85 min : 07 s (2 CD)
78 min : 12 s (1 CD)
Dischi 2
1 (remaster 2001)
Tracce 18
17 (remaster 2001)
Genere Hard rock
Heavy metal
Etichetta Polydor Records
RCA Records
Produttore Dieter Dierks
Registrazione 24 - 27 aprile 1978 al Sun Plaza Hall di Tokyo.
Note Ultimo album con Ulrich Roth, secondo album per Herman Rarebell, quest'album ha consacrato gli Scorpions tra le migliori band per quanto riguarda i live.
Certificazioni
Dischi d'oro Francia Francia (1)[1]
(vendite: 150 000+)
Scorpions - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1979)

Tokyo Tapes è il primo live album della band Hard rock/Heavy metal tedesca Scorpions, pubblicato con il famoso produttore Dieter Dierks dall'etichetta internazionale Polydor Records nel febbraio del 1979.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Approfittando del loro primo tour in Giappone nel 1978, dove sono già stelle, il gruppo decise di registrare il loro primo live album dopo l'enorme riscontro di pubblico presente ai concerti tenuti dal 24 al 27 aprile presso la Sun Plaza Hall di Tokyo, concerti a cui sono intervenuti più di 120.000 fans.

L'album contiene brani estratti da tutti i precedenti lavori in studio della band (da Lonesome Crow del 1972 fino al recente Taken by Force dell'anno precedente), ma è aperto dal brano All Night Long (un inedito pubblicato anche come singolo) e nel finale prevede anche Kojo No Tsuki, un inno tradizionale giapponese dedicato al pubblico entusiasta. L'esibizione è inoltre arricchita da due classici rock degli anni 50: Long Tally Sally di Little Richard e Hound Dog di Elvis Presley.

Nel 2001, Tokyo Tapes (che fino a quel momento era disponibile nella versione doppio-CD) è stato ripubblicato (come tutto il catalogo della band fino a quel momento) in una versione rimasterizzata a CD singolo: tale operazione a comportato l'esclusione del brano Polar Night (brano però inserito nella versione remaster di Taken by Force) e la pubblicazione di un libretto di 12 pagine con foto inedite.

Tracce (versione 2CD)[modifica | modifica wikitesto]

CD1:

  1. All Night Long - 3:43
  2. Pictured Life - 3:15
  3. Backstage Queen - 3:40
  4. Polar Nights - 6:55
  5. In Trance - 5:31
  6. We'll Burn the Sky - 8:12
  7. Suspender Love - 3:39
  8. In Search of the Peace of Mind - 3:07
  9. Fly to the Rainbow - 9:45

CD2:

  1. He's a Woman She's a Man - 5:28
  2. Speedy's Coming - 3:37
  3. Top of the Bill - 6:44
  4. Hound Dog - 1:22
  5. Long Tall Sally - 2:30
  6. Steamrock Fever - 3:52
  7. Dark Lady - 4:09
  8. Kojo No Tsuki - 3:46
  9. Robot Man - 5:52

Singolo[modifica | modifica wikitesto]

  • All Night Long (b-sides: Fly to the Rainbow, Speedy's Coming, In Trance)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EL) Scorpions - BVMI Certifications, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 14 ottobre 2014.
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal