Taken by Force

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Taken by Force
Artista Scorpions
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 dicembre 1977
Durata 37 min : 40 s (1977)
47 min : 51 s (2001)
Dischi 1
Tracce 8 (edizione 1977)
10 (remaster 2001)
Genere Hard rock
Heavy metal
Etichetta Polydor Records
RCA Records
Produttore Dieter Dierks
Registrazione Tra il giugno e ottobre 1977
Note Fu l'ultimo album in studio di Uli John Roth con la band, fu anche il primo album con il batterista Herman Rarebell.
Certificazioni
Dischi d'oro 2
Dischi di platino 1
Scorpions - cronologia
Album precedente
(1976)
Album successivo
(1978)

Taken By Force è il quinto album della band Hard rock/Heavy metal tedesca Scorpions pubblicato alla fine del 1977 e prodotto da Dieter Dierks per l'etichetta internazionale Polydor Records.

Registrazioni[modifica | modifica sorgente]

Registrato tra il giugno e ottobre 1977, questo album fu il primo del gruppo a essere abbastanza fortemente promosso negli Stati Uniti, così come il primo registrato con Herman Rarebell, l'emblematico batterista degli Scorpions. Originariamente musicista di studio in Inghilterra, Herman entrò a far parte del gruppo, quando il loro batterista Rudy Lenners si ammalò. Presto, Rarebell impose il proprio marchio all'interno del gruppo.

Il Disco[modifica | modifica sorgente]

L'album contiene alcune delle più belle canzoni del periodo di Uli Jon Roth come "The Sails Of Charon", il singolo "He's a Woman, She's a Man", e soprattutto "We'll Burn the Sky", una delle migliori canzoni degli Scorpions, in cui i testi sono stati scritti in memoria di Jimi Hendrix da Monika Dannemann, la sua ex-fidanzata (fu compagna di Uli Jon Roth). [senza fonte]

Come nei precedenti album, la copertina originale di Taken by Force, raffigurante un cimitero, venne censurata in tutto il mondo tranne che in Giappone e sostituita dall'ennesima foto di gruppo. Nel 2001 è stata pubblicata una versione rimasterizzata dell'album contenente un libretto di 12 pagine con foto inedite e, soprattutto, due brani in più: Suspender Love (già pubblicata come b-side nel singolo He's a Woman - She's a Man) e una versione live di Polar Nights (quella presente anche sul successivo Tokyo Tapes).

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Steamrock Fever (Schenker, Meine) – 3:35
  2. We'll Burn the Sky (Schenker, Dannemann) – 6:27
  3. I've Got to Be Free (Roth) – 4:00
  4. Riot of Your Time (Schenker, Meine) – 4:10
  5. Sails of Charon (Roth) – 4:24
  6. Your Light (Roth) – 4:30
  7. He's a Woman - She's a Man (Schenker, Meine, Rarebell) – 3:14
  8. Born to Touch Your Feelings (Schenker, Meine) – 7:20

Bonus tracks edizione 2001

  • 9. Suspender Love (Schenker, Meine) – 3:17
  • 10. Polar Nights (Live "Tokyo Tapes" version) (Roth) – 6:54

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal