Sting in the Tail

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sting In The Tail
Artista Scorpions
Tipo album Studio
Pubblicazione 2010
Durata 44 min : 20 s
Tracce 12 (13 nell'edizione giapponese)
Genere Heavy metal
Hard rock
Etichetta Sony Music Germany
Produttore Mikael "Nord" Andersson & Martin Hansen
Registrazione 2009
Certificazioni
Dischi di platino Germania Germania[1]
(vendite: 200 000+)
Scorpions - cronologia
Album precedente
(2007)
Album successivo
(2011)

Sting in the Tail è il 17º album registrato in studio della band tedesca Hard rock/Heavy metal Scorpions. È stato pubblicato nel 2010, il 19 marzo in Europa (14 marzo in Grecia[2]) e il 23 marzo nel Nord America.[3]

Questo dovrebbe essere l'ultimo album della band in quanto gli Scorpions hanno annunciato il loro ritiro dalle scene alla fine del tour 2010-2011.[4]

L'album sembra racchiudere buona parte delle molteplici esperienze musicali della band, da brani prettamente Heavy metal come Sting In The Tail o Slave Me, a struggenti ballate quali Lorelei e SLY. Nell'album compare anche un duetto con la cantante Finlandese Tarja Turunen nel brano The Good Die Young.[5]

Un titolo sperimentale per l'album era Humanity: Hour II, un evidente riferimento alla loro precedente pubblicazione studio, che tuttavia fu scartato.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Raised on Rock - 3:57 (Musica: Andersson, Hansen / Testo: Hansen, Meine)
  2. Sting in the Tail - 3:12 (Meine, Schenker / Meine)
  3. Slave Me - 2:44 (Schenker / Meine, Jabs, Bazilian)
  4. The Good Die Young (feat. Tarja Turunen) - 5:14 (Schenker, Kolonovits / Meine)
  5. No Limit - 3:24 (Meine, Schenker, Bazilian / Meine, Schenker, Bazilian)
  6. Rock Zone - 3:17 (Meine, Andersson, Hansen / Meine)
  7. Lorelei - 4:31 (Schenker, Thomander, Wikström / Meine, Bazilian, Thomander, Wikström)
  8. Turn You On - 4:25 (Schenker, Andersson, Hansen / Meine)
  9. Let's Rock - 3:22 (Schenker, Meine, Bazilian / Meine, Bazilian)
  10. SLY - 5:15 (Meine, Schenker / Meine)
  11. Spirit of Rock - 3:43 (Schenker, Bazilian / Meine, Schenker, Bazilian)
  12. The Best Is Yet to Come - 4:34 (Bazilian, Thomander, Wikström / Schenker, Bazilian, Thomander, Wikström)
  • Bonus track della versione giapponese
    • Thunder and Lightning (Schenker, Meine, Kolonovits / Meine)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2010) Posizione
Europa[15] 79
Germania[16] 29
Svizzera[17] 64

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  2. ^ http://www.realnews.gr/uploads/cover/cover.pdf
  3. ^ Scorpions: New Album Title Announced
  4. ^ Scorpions: 'We Have Reached The End Of The Road'
  5. ^ The Gauntlet: Interview with Scorpions in 01-27-2010
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) Scorpions - Sting in the Tail, Ultratop.be. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  7. ^ a b c d e (EN) Allmusic (Scorpions charts and awards), All Media Network.
  8. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - European Albums, Billboard, 3 aprile 2010, p. 55. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  9. ^ (JA) Japan Charts – Scorpions – Sting in the Tail, Oricon Style. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  10. ^ (PL) OLiS - Sales for the period 22.03.2010 - 28.03.2010, OLiS. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  11. ^ (EN) Chart Archive – Scorpions – Sting in the Tail, Chart Stats. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  12. ^ (CS) Hitparáda – Týden – 11. 2010.. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  13. ^ (EN) Scorpions – Chart History (top sales), Billboard. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  14. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, 11 aprile 2010. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  15. ^ (EN) Year End Charts – European Top 100 Albums, Billboard, 2010. URL consultato il 20 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2009).
  16. ^ (DE) Album – Jahrescharts 2010, offiziellecharts.de. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  17. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2010 su Hitparade.ch, Hung Medien. URL consultato il 20 dicembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]