Tardo autunno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tardo autunno
Tardo autunno.jpg
Setsuko Hara
Titolo originale 秋日和, Akibiyori
Lingua originale Giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1960
Durata 128 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,37 : 1
Genere commedia drammatica
Regia Yasujiro Ozu
Soggetto Satomi Ton
Sceneggiatura Yasujiro Ozu, Kōgo Noda
Produttore Shizuo Yamanouchi
Casa di produzione Shochiku
Fotografia Yūharu Atsuta
Montaggio Yoshiyasu Hamamura
Musiche Kojun Saito
Scenografia Tetsuo Hamada
Costumi Toshikazu Sugiyama
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Tardo autunno (秋日和 Akibiyori?) è un film del 1960 diretto da Yasujiro Ozu.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In occasione del settimo anniversario della morte di Miwa, tre suoi amici di mezza età, Mamiya, Taguchi e Hirayama, ricordano alcuni momenti della loro gioventù, in particolare quando erano tutti e tre invaghiti della bellissima Akiko, quarantacinquenne vedova del defunto. Lei e sua figlia Ayako da ormai sette anni vivono da sole, traendo sostegno l'una dall'altra, ma è opinione di molti che per la ventiquattrenne Ayako sia giunta l'ora di sposarsi. Ma a nulla servono i tentativi di Mamiya, Taguchi e Hirayama di trovarle un partner, né il desiderio di Akiko di vederla finalmente realizzata; Ayako non ne vuole sapere di maritarsi per poi lasciare sola sua madre.

È a questo punto che i tre amici capiscono che l'unico modo per convincerla è trovare un marito anche ad Akiko: Hirayama, vedovo anche lui da diversi anni, è il partito ideale. Ma i tre non hanno fatto i conti né con la donna, che vive ancora nel ricordo dell'amato marito e per questo non si vuole risposare, né con Ayako, che nel frattempo si è innamorata del giovane Goto. La ragazza, ricevuta la falsa notizia dell'imminente matrimonio tra sua madre e Hirayama, va su tutte le furie, credendola ancora legata al defunto marito; chiarito alla fine l'equivoco e fatta la pace con sua madre, Ayako convola a nozze con Goto, per la felicità e la soddisfazione di tutti.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

  • Sceneggiatura: basata sul soggetto di Tarda primavera[1], la sceneggiatura del film fu scritta da Ozu in collaborazione con Satomi Ton, che vi incluse alcune parti delle sue opere[1].
  • Riprese: le riprese del film, effettuate tra il luglio e il novembre 1960, subirono un'interruzione a causa di una controversia finanziaria dovuta alla scrittura di Yoko Tsukasa, ingaggiata in prestito dalla Toho[1].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

Divieti[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato sottoposto a limitazioni in Portogallo, dove la visione è vietata ad un pubblico minore di dodici anni[4].

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Indicato anche con il titolo Giorni sereni d'autunno[4], il film ha subìto un adattamento in italiano a cura di Gianfranco Bellini e Alfredo Medori[5].

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Critica[modifica | modifica sorgente]

  • È una variazione sui temi di Tarda primavera con una componente umoristica in più (...) Terzultimo film di Ozu, sempre coerente con sé stesso nella magistrale semplicità del suo linguaggio. Commento del dizionario Morandini che assegna al film tre stelle su cinque di giudizio.[6]
  • Il dizionario Farinotti assegna al film tre stelle su cinque di giudizio[7]
  • Rotten Tomatoes assegna al film un punteggio di 8.3/10.[8]
  • Il Mereghetti. Dizionario dei film (1993): ***
«Ozu... infittisce i richiami ai propri film precedenti... il senso della "serena accettazione dell'ineluttabile" è sempre espresso con uno stile semplice e rigoroso che lascia ammirati.»

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Late Autumn su Ozu-san
  2. ^ 笠智衆 su JMDB.com
  3. ^ a b c Date di uscita per: Giorni sereni d'autunno su Internet Movie Database
  4. ^ a b (EN) Tardo autunno in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  5. ^ Enrico GhezziFuori orario. Cose (mai) viste, Raitre, 15 novembre 2003.
  6. ^ Commento de Il Morandini su Mymovies.it
  7. ^ Pino Farinotti, Il Farinotti 2009, Newton Compton Editori 2008 - pag 1963
  8. ^ Tardo autunno su Rotten Tomatoes

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema