Una gallina nel vento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una gallina nel vento
Titolo originale Kaze no naka no mendori
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1948
Durata 84 min
Colore b/n
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Yasujiro Ozu
Sceneggiatura Yasujiro Ozu, Ryôsuke Saitô
Fotografia Yûharu Atsuta
Montaggio Yoshiyasu Hamamura
Musiche Senji Itô
Interpreti e personaggi

Una gallina nel vento è un film del 1948, diretto da Yasujiro Ozu.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tokyo, immediato dopoguerra: con il marito Shoichi non ancora ritornato dal fronte, Tokiko vive in una condizione di estrema povertà ed è costretta ad arrangiarsi come meglio può per trovare il cibo necessario per sé e per suo figlio Hiro. L'improvvisa malattia di Hiro, colpito da una colite acuta, mette Tokiko con le spalle al muro; non avendo il denaro per pagare le spese mediche, la donna è costretta a prostituirsi in una casa d'appuntamenti. Hiro, dopo alcuni giorni, guarisce e con i soldi guadagnati dopo aver intrattenuto un cliente, Tokiko riesce a pagare i debiti ospedalieri, promettendosi di non fare più quel lavoro. Passato del tempo, Shoichi torna dalla guerra e nella famiglia Amamiya ritorna finalmente un po' di felicità, dopo un lungo periodo buio. Una sera Tokiko si vede costretta a rivelare al marito della malattia di Hiro e di come ha sostenuto le spese mediche; Shoichi rimane sconvolto dalla notizia e se ne va di casa, infuriato con la moglie. Nei giorni seguenti Shoichi racconta la situazione al suo collega di lavoro Satake, il quale prende subito le difese di Tokiko e lo invita a perdonarla immediatamente, ma lui non ne vuole sapere e sfoga la sua frustrazione in casa, picchiando la moglie. Dopo essersi fatto dare da Tokiko l'indirizzo della casa d'appuntamenti, Shoichi decide di farvi visita per poi incontrarci con una ragazza, costretta anche lei, come aveva fatto Tokiko, a prostituirsi per mantenere la sua famiglia. Soltanto dopo essere tornato a casa ed aver malmenato sua moglie dopo l'ennesimo litigio ed averla quasi uccisa, Shoichi capisce di aver oltrepassato il limite e le implora perdono per non averla compresa prima. Tokiko e Shoichi si perdonano a vicenda e torna così serenità nella loro famiglia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]