Steve Gibb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve Gibb
Fotografia di Steve Gibb
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Alternative rock
Pop rock
Bluegrass
Sludge metal
Metalcore
Hardcore punk
Hard rock
Stoner rock
Groove metal
Periodo di attività 1988 – in attività
Strumento Voce
Chitarra
Basso
Pianoforte
Gruppo attuale Barry Gibb
58
Gruppi precedenti Kingdom of Sorrow
Crowbar
Black Label Society
Bee Gees
The Underbellys
SkilletHead
ZEX
Album pubblicati 5
Studio 3
Live 2
Opere audiovisive 1
Gruppi e artisti correlati The Smithereens
Sito web

Stephen Thadius Crompton Gibb, noto semplicemente come Steve Gibb (Londra, 1º dicembre 1973), è un musicista e cantante britannico, figlio di Barry Gibb, uno dei fondatori dei Bee Gees.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Steve cominciò a studiare pianoforte all'età di 3 anni, ma a 13 decise di passare alla chitarra, dopo aver assistito ad un concerto dei Van Halen.

Nel 1988 Gibb e nove suoi compagni di scuola formarono un complesso musicale sotto la guida di Isaac Ersoff (loro docente di matematica con un passato da musicista), che si esibì nella loro scuola per la prima volta il 14 ottobre. Il gruppo suonò in diverse occasioni per eventi speciali della scuola, finché questa non chiudette nella prima metà del 1989. Quello stesso anno, insieme agli amici Mike Wolofsky e Matt Ackerman (con lui nel complesso scolastico), fondò la sua prima band, chiamata NNY (abbreviazione di "No Name Yet") e poi ZEX, con cui a febbraio si esibì al Woody's di Miami, locale di proprietà di Ronnie Wood, chitarrista dei Rolling Stones. Poco dopo la band si sciolse, e Steve lavorò per i Bee Gees come tecnico delle chitarre di suo padre e suo zio Maurice. Due anni dopo (1991) Steve si iscrisse ad un istituto musicale di Miami, dove si diplomò. È in questo periodo che cominciò a scrivere i primi brani: Whiskey Jam, Shadow of Your Dreams (con Emerson Forth e Deniz Kose), Hole In My Soul (con Kose) e Ren and Stevie (con Scott Glasel e la sua fidanzata, Amanda Green); quest'ultima divenne la sigla della serie animata The Ren & Stimpy Show. Nel 1992 fondò una nuova band, insieme a Forth, chiamata SkilletHead; la band suonò per alcuni anni in numerosi locali a Miami e dintorni. Quello stesso anno Steve accompagnò i Bee Gees come chitarrista. Nel febbraio 1997 entrò nei The Underbellys come chitarrista; la band, di cui facevano parte anche Billy Velvet (voce), Joel Dasilva (chitarra), Sean Gerovitz (basso) e Randy Blitz (batteria) si esibì in numerosi e rinomati locali, tra cui il Viper Room di Los Angeles; il gruppo comunque si sciolse nel giro di pochi mesi. Il 14 novembre si esibì con i Bee Gees nel grande concerto al MGM Grand di Las Vegas, pubblicato l'anno successivo sotto il nome One Night Only. Tra la fine del 1997 e l'inizio del 1998 accompagnò in tour i The Smithereens.

Nel 2000 si unì ai 58[1], gruppo alternative rock fondato da Nikki Sixx (basso) e Dave Darling (produzione), come chitarrista e cantante; oltre ai tre, fa parte della band anche Bucket Baker (batteria). Il loro album di debutto, Diet for a New America, è stato pubblicato il 16 maggio dello stesso anno. Sempre nel 2000 si unì ai Black Label Society come bassista, con i quali registrò il live Alcohol Fueled Brewtality, pubblicato il 16 gennaio 2001; lascerà la band poco dopo.

Nel 2003 interpretò un cameo nel film Bad Boys II, comparendo nella scena iniziale[2]. Quello stesso anno partecipò alla colonna sonora del film The Dr. Jekyll & Mr. Hyde Rock 'n Roll Musical, componendo il brano Stormy.

Nel 2004 entrò nella sludge metal band Crowbar, nella quale militò per cinque anni, lasciandola nel 2009[3]. Con loro ha registrato un album, Lifesblood for the Downtrodden, pubblicato l'8 febbraio 2005, e un DVD, Live: With Full Force, pubblicato nel 2007[4].

Nel 2007, insieme a suo padre e suo fratello Ashley, scrisse il singolo Drown On the River, incluso l'anno successivo nella colonna sonora del film Deal.

Contemporaneamente alla sua militanza nei Crowbar, Steve ha fatto parte di un'altra sludge metal band, i Kingdom of Sorrow: militando nelle sue file dal 2007 al 2010, registrò il loro album di debutto, l'omonimo Kingdom of Sorrow, pubblicato il 19 febbraio 2008[5][6].

Steve partecipa spesso a concerti benefici per la fondazione "Love and Hope" per la ricerca contro il diabete (di cui è socio onorario dal 2008 insieme ai genitori e ai fratelli[7]), sia da solo che con suo padre, com'è capitato nelle edizioni 2009[8], 2012[9] e 2014[10]. Nell'edizione 2009 ha eseguito un suo brano inedito, Living in the Rain, dedicandolo alla moglie Gloria Levas.

Dal 2013 è chitarrista solista per il gruppo spalla del padre Barry Gibb, intraprendendo il Mythology Tour in supporto al box set Mythology[11][12][13][14][15]. Durante il tour ha cantato in duo col padre la hit dei Bee Gees I've Gotta Get a Message to You, e da solo On Time e Fight (No Matter How Long).

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Steve è il figlio primogenito di Barry Gibb e della sua seconda moglie, Linda Gray. Ha tre fratelli (Ashley, nato nel 1977; Travis, nato nel 1981; Michael, nato nel 1984) e una sorella (Alexandra, nata nel 1991). I cantanti Maurice, Robin e Andy Gibb erano suoi zii. Il compositore e attore Robin-John Gibb è suo cugino.

Steve ha sposato Gloria Levas nel novembre 2002. Hanno avuto una figlia (Nina Lyn, nata il 27 dicembre 2002) e un figlio (Angus Miles, nato il 6 febbraio 2006). Attualmente vivono a Miami.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Bee Gees[modifica | modifica wikitesto]

58[modifica | modifica wikitesto]

Black Label Society[modifica | modifica wikitesto]

Crowbar[modifica | modifica wikitesto]

Barry Gibb[modifica | modifica wikitesto]

Kingdom of Sorrow[modifica | modifica wikitesto]

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Odd Couple: The unlikely pairing of Nikki Sixx and Barry Gibb's son Steven have got a band together...
  2. ^ IMDB "[1]"
  3. ^ Crowbar Officially Splits with Guitarist Steve Gibb; Replacement Announced
  4. ^ Caren Gibson, Crowbar: Live With Full Force, The Metal Den. URL consultato il 27 marzo 2007.
  5. ^ KOS resume work on debut album
  6. ^ KOS Tour Dates announced
  7. ^ 34th Annual Love & Hope, SocialMiami.com.
  8. ^ The Love & Hope Royal Ball, DRI Foundation.
  9. ^ Love & Hope Ball A Family Affair, DRI Foundation.
  10. ^ Barry Gibb Rocks Crowd at 40th Anniversary Ball, DRI Foundation.
  11. ^ Sharyn Hamey, Review: Barry Gibb Sydney Entertainment Centre, Rock Club 40.
  12. ^ Dave Simpson, Barry Gibb – Review LG Arena Birmingham, The Guardian.
  13. ^ Joseph Brennan, Gibb Songs.
  14. ^ Anthony Mason, Barry Gibb on CBS May 25th 2014, CBS, WUSA.
  15. ^ Barry Gibb performs 'Jive Talkin', Tumblr.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]