Runaway: A Road Adventure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Runaway: A Road Adventure
RunawayTitolo.png
Sviluppo Pendulo Studios
Pubblicazione Dinamic Multimedia, FX Interactive
Data di pubblicazione Spagna 6 luglio 2001
Germania novembre 2002
Francia 21 marzo 2003
Italia 26 maggio 2003
Stati Uniti 28 agosto 2003
Polonia 24 ottobre 2003
Regno Unito 15 maggio 2007
Genere Avventura grafica
Tema Umoristico
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Microsoft Windows
Supporto 3 CD-ROM, DVD-ROM
Periferiche di input Mouse, Tastiera
Seguito da Runaway 2: The Dream of the Turtle

Runaway: A Road Adventure è un'avventura grafica sviluppata dai Pendulo Studios nel 2001. Il gioco riprende la lunga tradizione dei punta e clicca a due dimensioni, ispirandosi palesemente ai primi episodi della serie Broken Sword.

Un secondo episodio, Runaway 2: The Dream of the Turtle, è stato rilasciato in Germania e in Francia nel 2006. Nel 2007 è stato rilasciato nel Regno Unito, in Spagna, negli Stati Uniti e in Italia. Il terzo episodio, Runaway: A Twist of Fate, è uscito il 19 marzo 2010.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Brian Basco lascia New York per andare in California, per intraprendere il suo sogno, ma prima della partenza deve fare una veloce sosta in libreria. Sulla strada investe una fuggitiva che perde conoscenza. Brian la porta in ospedale, dove scopre che il suo nome è Gina Timmins e che è stata testimone dell'omicidio di suo padre, causato dalla famiglia Sandretti della mafia. Brian la salva dai killer, ma ormai è costretto anche lui a fuggire.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Brian Basco è il protagonista ed unico personaggio controllato dal giocatore. È uno studente venticinquenne originario di New York laureato in fisica ed è appena stato accettato a Berkeley, University of California. Ragazzo alto, biondo, dagli occhi azzurri, il personaggio di Brian è ritratto come timido e distaccato, quasi impacciato, sebbene i suoi sentimenti per Gina lo costringano spesso ad alcune azioni coraggiosissime.
  • Gina Timmins è una ragazza molto attraente che Brian investe accidentalmente con la sua auto e di cui si innamora immediatamente. Donna bellissima, alta e castana, Gina lavora come cantante (che nel corso della storia si scoprirà che non lo è) e ballerina in un night club di New York chiamato Iguana Rosa, dove è entrata in possesso di un misterioso artefatto, cioè un antico e misterioso crocifisso, e dove è stata testimone dell'omicidio di suo padre, o almeno così lei dice. Un velo di oscurità nasconde le motivazioni di Gina, ma...
  • Don Roberto Sandretti è il settantenne boss mafioso italo-americano che fa uccidere il padre di Gina dai suoi due scagnozzi Gustav e Feodor. È il più pericoloso boss di New York, insieme a suo fratello Carlo, ma le sue attività illegali si estendono fino all'Arizona. Domina e controlla polizia, magistrati, FBI e persino la CIA, grazie alle grosse tangenti che può permettersi. Capo della famiglia mafiosa Sandretti, è spietato e sadico, ma sempre freddo, razionalissimo e dai modi distinti. Gestisce il suo impero criminale dalla sua villa di Brooklyn insieme al fratello Carlo. Fisicamente è magro, di bassa statura, ha gli occhi castani e i capelli bianchi. Alla fine del primo capitolo, infuriato per il tradimento (escogitato da Sushi Douglas) dei suoi scagnozzi non riuscirà a toccare neppure un centesimo del denaro di Johnny l'Indiano (ucciso dagli stessi).
  • Don Carlo Sandretti è il fratello minore di Don Roberto e suo sottoposto. Elemento di secondo piano della cosca, sa tuttavia imporsi al fratello maggiore grazie al suo fisico corpulento, che mette un po' tutti in soggezione. Violento come il fratello, è però molto più impulsivo e meno razionale: venuto a conoscenza del tradimento di Gustav e Feodor, infuriato e sentendosi preso in giro, Carlo non esita a crivellarli di proiettili con la sua mitraglietta automatica, mandando all'aria tutti i piani di Roberto di recuperare il denaro di Johnny. Tuttavia lui risponde che hanno già denaro a sufficienza.
  • Gustav (Gustav Kotic) e Feodor (Feodor H. Klavenov) sono due scagnozzi mafiosi al servizio dei Sandretti. Nel duo, Gustav sembra essere il capo, mentre Feodor è molto avventato e propenso ad atti brutali. Entrambi sono sulle tracce di Brian e Gina, ma che poi verranno uccisi dai Sandretti per via di uno stratagemma escogitato da Sushi e Brian.
  • Clive Johnson è un vecchio compagno di scuola di Brian, ora direttore del Museo di archeologia e storia naturale di Chicago. Quando Brian gli si rivolge per avere notizie sul crocifisso di Gina, Clive lo invia dalla dottoressa Susan Olivaw per il restauro, avvertendolo comunque dell'impossibilità di effettuarlo in breve tempo. Clive non esiterà a tradirlo consegnando lui e Gina a Gustav e Feodor, che li avevano rintracciati. Clive viene tuttavia ucciso dai due scagnozzi.
  • Susan Olivaw è la restauratrice del Museo di archeologia e storia naturale di Chicago. Brian chiederà aiuto a lei per restaurare il crocifisso, ma al momento è occupata a restaurare tutti i reperti dei Maya che verranno esposti al museo tra 36 ore. Quindi Brian dovrà escogitare dei piani per accontentare la sua richiesta.
  • Willy (William P. Dustin) è un giovane addetto alle pulizie del Museo di archeologia e storia naturale di Chicago. Uomo laborioso, ma di pessimo carattere, accede a materiale riservato del museo mascherandosi da direttore e operatore di un'attività inesistente (cioè di un'azienda che si occupa di materiale da laboratorio). Grazie alla sua incompetenza Brian riesce a entrare nel laboratorio di ricerca e a fare un'analisi completa del crocifisso, che si rivela un oggetto di origine Hopi, un'antica tribù di nativi americani dell'Arizona. Willy viene ucciso da Gustav e Feodor, dopo che li ha visti armati nel museo.
  • Carla, Lula e Mariola sono le “Divas”, trio di cantanti drag queen abbandonate sul loro pullman nel bel mezzo di un loro tour nazionale, nel deserto dell'Arizona, dal loro autista Jules. Il trio, all'inizio, chiesero aiuto a Jules per il loro soccorso in cerca d'aiuto, ma che poi si resero conto che fu proprio Jules il responsabile di tutto: lui sabotò il pullman e scappò via con i loro soldi che le hanno dato. Inizialmente Carla e Mariola costituivano un duo, ma dopo dieci anni si è unita a loro Lula. Brian le incontra dopo essere riuscito a fuggire dal capannone in cui è stato rinchiuso insieme a Gina da Gustav e Feodor. Grazie alle cantanti, Brian organizzerà la fuga di Gina e del trio sull'elicottero di Gustav e Feodor. Di Mariola non si conosce niente sulla sua vera identità, mentre invece quelle vere di Lula e Carla sono rispettivamente:
    • Lou Lamerre (per il primo): Ex campione di basket dell'NBA per tre anni di fila, ma che sbagliò l'ultimo canestro nelle finali del '95. Lou dice che quello era fallo, e che l'arbitro di quella partita non se ne era accorto;
    • Sgt. Hewitt (per il secondo): Ex marine degli Stati Uniti e pilota da ricognizione Bravo appartenente al reggimento Windward e al secondo battaglione Charly.
  • Rocco Wallace è un culturista a guardia del granaio in cui è custodito l'elicottero di Gustav e Feodor. Sarà proprio l'elicottero l'unica via di fuga per Brian, Gina e il trio dal deserto in cui sono bloccati. Ma per fare questo Brian dovrà prima immobilizzare per alcune ore, con l'aiuto di Lula, il culturista per mezzo di una pillola su una lattina che lui beve senza accorgersene e, quando verrà quel momento, le Divas si prenderanno cura di lui e che lo porteranno sulla strada giusta.
  • Sushi Douglas è la discendente dell'ultimo sindaco della città fantasma di Douglasville. Giovane e ricchissima, lei e i suoi amici telematici (l'hippy Rutger e lo scienziato mancato Saturn) sono gli unici abitanti della città dei suoi avi. Aiuta Brian a trovare l'antica miniera che conduce al vicino villaggio Hopi, nei cui pressi si trova la cripta sacra che racchiude il mistero del crocifisso e dove uno stregone indiano di nome Wupuchim consegnerà a Brian un altrettanto misterioso dito conservato in una bottiglia di formaldeide, chiave per accedere ai 20 milioni di dollari di Johnny custoditi nella Mojave Bank. Sushi aiuterà Brian a recuperarli con l'aiuto di Gina, a fuggire e a sbarazzarsi definitivamente dei killer Gustav e Feodor.
  • Saturn (Kevin Anderson) è l'amico di Sushi trasferitosi con lei e Rutger a Douglasville per dedicarsi alle sue attività preferite: la scienza e la tecnica. Alto e con i capelli tinti di blu, è un bravo ragazzo piuttosto ingenuo. Grazie ai suoi attrezzi Brian riesce a soddisfare le richieste del pazzo Joshua. Il personaggio di Saturn è ispirato al famoso inventore Gregory Hithman.
  • Rutger è l'altro amico di Sushi, trasferitosi a Douglasville e insediatosi nel saloon, dove coltiva la sua passione preferita: il giardinaggio. Costantemente in giro, rientra al saloon solo dopo il ritorno di Brian dalla miniera. Suo è il decotto con cui Brian raggiunge la condizione di medium nella seduta spiritica di Mama Dorita.
  • Joshua è un simpatico vecchietto con qualche problema mentale che si improvvisa ricercatore e crede di essere in grado di comunicare con esseri extraterrestri chiamati Trantoriani. Il suo nome significa “liberazione”. Uno sbalordito Brian, che non vuole contraddirlo perché lo ritiene “mentalmente instabile”, lo aiuta a rimettere in funzione la macchina delle comunicazioni e lo vede scomparire misteriosamente dopo averla attivata, lasciando il suo elmetto telepatico (che successivamente Brian darà a Saturn) e un mucchietto di terra bruciata. Non è chiaro se Joshua sia stato vittima di un rapimento alieno, ma il contesto sembra spingere in tale direzione.
  • Mama Dorita è la medium e guaritrice messicana che vive alla periferia di Douglasville. Brian si rivolge a lei per curare la gamba che Gina si è rotta cadendo in una buca nel deserto. Per partecipare a una sua seduta spiritica, ingerisce uno speciale decotto di Rutger che lo rende idoneo all'esperimento e cade in trance, rivelando il segreto di Johnny l'Indiano, un nativo Hopi ucciso dai Sandretti sotto gli occhi di Gina. Brian si arrabbia molto quando viene a sapere che non era stato il padre di Gina ad essere ucciso, ma Johnny appunto, un criminale al soldo dei Sandretti.
  • Oscar è il guardiano e assistente di Mama Dorita. Corpulento, altissimo e dalla forza sovrumana, aiuta Brian ad accedere all'antica miniera spostando un masso enorme. Apparentemente mansueto, in realtà ha avuto qualche problema con la giustizia, ma Brian lo nomina sceriffo di Douglasville con il consenso di Sushi Douglas, e riesce a catturare nel caravan di Johnny Gustav e Feodor e a rinchiuderli nella prigione della cittadina fino al loro incastramento da parte di Sushi e Brian.
  • Wupuchim è uno stregone indiano Hopi ed ultimo capo tribù. Brian lo incontra all'inizio vicino all'ingresso di una miniera. Egli gli dice di non rassegnarsi per la perdita di Gina, e che la risposta sta nel proseguire la sua missione, e gli spiega anche che quel crocifisso è in realtà una chiave per accedere alla sacra cripta degli Hopi. Alla fine Brian lo rincontra proprio all'interno della sacra cripta, e che darà a lui un misterioso dito umano conservato in una bottiglia di formaldeide, che sarà la chiave per accedere al denaro di Johnny l'Indiano del valore di 20 milioni di dollari, custoditi in una banca chiamata Mojave Bank.

Tecnologia[modifica | modifica wikitesto]

Il motore grafico del gioco è sviluppato in modo da integrare modelli tridimensionali a fondali interattivi disegnati a mano. Per i modelli poligonali, un particolare filtro (cel shading) permette il rendering in due dimensioni. Ciò fa sì che il comparto grafico del gioco assomigli a quello di un cartone animato, permettendo comunque l'uso di alcuni effetti visivi avanzati come l'illuminazione in tempo reale, i cambi di prospettiva e la visione panoramica.

Hidden Runaway[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del decennale dell'uscita del gioco la Pendulo, in associazione con l'editore BulkyPix, ha pubblicato una versione hidden object del gioco. Il lancio è avvenuto su App Store il 18 ottobre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]