Rivetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il rivetto (chiamato anche ribattino) è un giunto meccanico non smontabile, che serve alla giunzione di due o più lamiere, in particolare metalliche. Si usa anche per la giunzione di compositi, tra i quali non è possibile realizzare saldature ma solo giunzioni meccaniche o incollaggi. Il rivetto è un giunto non smontabile, ovvero l'accoppiamento meccanico è definitivo e può essere disassemblato solo distruggendo il rivetto stesso.

Sezione di rivettatura tra due lamiere.
Rivetti da ribaditura.

I giunti rivettati sono realizzati in lamiere metalliche dove il rivetto subisce solo sforzi di taglio. Prima di essere installato, il rivetto è costituito da un cilindro metallico con una testa da un lato. Il rivetto è inserito in un foro realizzato precedentemente con un trapano, e quindi l'estremità senza testa viene ribadita, ovvero deformata plasticamente a formare la controtesta. I fori in cui inserire il rivetto devono essere di diametro calibrato, maggiore del diametro del gambo del rivetto non deformato, che si espanderà fino a riempire tutto il foro all'atto della realizzazione della controtesta. L'area libera deve essere di diametro di circa una volta e mezzo il foro, per permettere la corretta formazione della controtesta. Il foro deve essere eseguito a un angolo di 90° nelle lamiere. Per prevenire disallineamenti o l'allontanamento tra le lamiere durante l'esecuzione del foro, queste devono essere opportunamente bloccate insieme. Se le lamiere dovessero allontanarsi, dei trucioli metallici potrebbero infilarsi nello spazio vuoto che si verrebbe a creare tra loro. Se le lamiere dovessero scorrere tra loro, il foro sarebbe non allineato e non sarebbe possibile l'inserimento del rivetto.

Tre rivetti ciechi in alluminio,da 1/8", 3/32", e 1/16".

Le controteste possono essere formate a freddo o caldo, con vibratori o presse pneumatiche. Spesso è preferibile formare le teste per pressatura, per evitare di danneggiare le lamiere nell'intorno del foro. La forma della controtesta è determinata dalla forma della coppa metallica dell'utensile di pressatura.

I rivetti possono essere utilizzati per giunzioni a fila singola, doppia, tripla, a catena o a zig zag. La zona in cui avviene la rivettatura può essere rinforzata da piastre, dette doubler, per preservare l'integrità delle lamiere giuntate. Il carico è distribuito tra i rivetti per cui moltiplicandone il numero si riduce la sollecitazione a cui sono sottoposti, ma i rivetti di estremità sono sempre i più sollecitati.

I rivetti sono forniti in una varietà di dimensioni e materiali. Una delle caratteristiche peculiari è la forma della testa che può essere piatta, a bottone, semisferica, o in altre geometrie. Per applicazioni aeronautiche si utilizza, sulla faccia esterna dell'aeromobile, la cosiddetta testa svasata; infatti la superficie esterna dell'aeromobile deve essere il più liscia possibile, per preservare le caratteristiche aerodinamiche. È necessario quindi ricavare, oltre al foro, una depressione concentrica, la svasatura appunto, per l'alloggiamento della testa del rivetto. I pannelli alari sono solitamente rivettati con rivettatrici automatiche che formano una o entrambe le teste del rivetto. La controtesta è sporgente, in quanto situata all'interno della struttura.

Strumento per la rivettatura a strappo.

I rivetti a strappo o rivetti ciechi sono un tipo di rivetti utilizzati qualora non sia disponibile l'accesso per formare la controtesta. Il cilindro del rivetto è cavo, e contiene una spina, che viene strappata, deformando plasticamente l'estremità, in virtù di una zona finale con diametro maggiore. Tali rivetti sono installati con un apposito attrezzo che, mentre trattiene la testa con un collare, garantendo il corretto posizionamento del rivetto, tira verso l'esterno la spina per formare la controtesta; dopodiché, la spina viene rotta a trazione, essendo dotata di un'apposita zona di rottura.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Ingegneria Portale Ingegneria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ingegneria