Reti di trasporto trans-europee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le reti di trasporto trans-europee (in acronimo TEN-T, dall'inglese Trans-European Networks - Transport), pongono la loro base giuridica sul Trattato di Amsterdam siglato il 2 ottobre 1997. Tuttavia il loro sviluppo in fase avanzata è dovuto al Trattato di Maastricht. Il libro bianco sui Trasporti, lo sviluppo futuro della politica comune dei trasporti, pubblicato nel dicembre del 1992. Esse comprendono:

Le reti TEN-T sono parte di un più ampio sistema di "reti trans-europee" (TEN) che, oltre alle reti di trasporto, includono anche le "reti di telecomunicazioni trans-europee" (eTEN) e le "reti energetiche trans-europee" (TEN-E).

Oltre alle TEN-T, esistono i corridoi paneuropei che sono vie di collegamento tra le maggiori città e i maggiori porti dell'Europa orientale.

Assi e progetti prioritari[modifica | modifica sorgente]

Il Consiglio europeo di Essen del 1994 ha approvato un elenco di 14 specifici progetti TEN-T elaborato da un gruppo presieduto dall'allora vicepresidente della Commissione europea Henning Christophersen. In seguito alle raccomandazioni del 2003 del gruppo ad alto livello sulle TEN-T di Karel Van Miert[1], la Commissione europea ha compilato nel 2005 un nuovo elenco di 30 progetti prioritari da avviare prima del 2010[2].

Qui di seguito sono elencati i 30 assi e progetti prioritari[3]:

N. Asse o progetto prioritario Rete TEN-T
1 Asse ferroviario Berlino - Verona/Milano – Bologna – Napoli – Messina – Palermo[4] Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
2 Asse ferroviario ad alta velocità Paris – Brussels – Cologne – Amsterdam – London[5] Rete ferroviaria ad alta velocità trans-europea
3 Asse ferroviario ad alta velocità dell'Europa sud-occidentale[6] Rete ferroviaria ad alta velocità trans-europea
4 Asse ferroviario ad alta velocità dell'est[7] Rete ferroviaria ad alta velocità trans-europea
5 "Betuweroute/Betuwe line"[8]
6 Asse ferroviario Lione – Trieste – Divača/Koper – Divača – Lubiana – Budapest – confine ucraino[9] Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
7 Asse autostradale Igoumenitsa/Patras – Athens – Sofia – Budapest[10] Rete stradale trans-europea
8 Asse multimodale Portugal/Spain – resto d'Europa[11]
9 Asse ferroviario Cork – Dublin – Belfast – Stranraer[12] Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
10 Aeroporto di Malpensa[13]
11 "Øresund fixed link"[14]
12 Asse ferroviario/stradale del triangolo nordico[15]
13 Asse stradale Regno Unito/Irlanda/Benelux[16] Rete stradale trans-europea
14 "West Coast Main Line"[17]
15 Sistema di posizionamento Galileo[18] Rete di posizionamento e navigazione satellitare trans-europea
16 Asse ferroviario merci Sines/Algeciras - Madrid - Paris[19]
17 Asse ferroviario Paris – Strasbourg – Stuttgart – Vienna – Bratislava[20] Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
18 Asse fluviale Rhine/Meuse – Main – Danube[21] Rete fluviale trans-europea
19 Interoperabilità ferroviaria ad alta velocità nella penisola iberica[22]
20 Asse ferroviario del ponte Fehmarn Belt[23]
21 Autostrade del mare[24] Rete marittima trans-europea
22 Asse ferroviario Athens – Sofia – Budapest – Vienna – Prague – Nuremberg/Dresden[25] Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
23 Asse ferroviario Danzica – Varsavia – Brno – Bratislava – Vienna[26] Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
24 Asse ferroviario Lione/Genova – Basilea – Duisburg – Rotterdam/Anversa[27] ("il ponte dei due mari") Rete ferroviaria convenzionale trans-europea
25 Asse autostradale Danzica – Brno – Bratislava – Vienna[28] Rete stradale trans-europea
26 Asse ferroviario/stradale Ireland/United Kingdom/Europa continentale[29]
27 Asse "Rail Baltica" Varsavia – Kaunas – Riga – Tallinn – Helsinki[30]
28 "Eurocaprail" sull'asse ferroviario Brussels – Luxembourg – Strasbourg[31]
29 Asse ferroviario del corridoio intermodale Ionio/Adriatico[32]
30 Via navigabile Seine – Scheldt[33]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito dell'UE
  2. ^ Elenco dettagliato con relative mappe di tutti i 30 assi e progetti prioritari TEN-T così come stabiliti nel 2005 - Documento PDF
  3. ^ Mappa in formato PDF che mostra i 30 progetti
  4. ^ Mappa in formato PDF
  5. ^ Mappa in formato PDF
  6. ^ Mappa in formato PDF
  7. ^ Mappa in formato PDF
  8. ^ Mappa in formato PDF
  9. ^ Mappa in formato PDF
  10. ^ Mappa in formato PDF
  11. ^ Mappa in formato PDF
  12. ^ Mappa in formato PDF
  13. ^ Mappa in formato PDF
  14. ^ Mappa in formato PDF
  15. ^ Mappa in formato PDF
  16. ^ Mappa in formato PDF
  17. ^ Mappa in formato PDF
  18. ^ Mappa in formato PDF
  19. ^ Mappa in formato PDF
  20. ^ Mappa in formato PDF
  21. ^ Mappa in formato PDF
  22. ^ Mappa in formato PDF
  23. ^ Mappa in formato PDF
  24. ^ Mappa in formato PDF
  25. ^ Mappa in formato PDF
  26. ^ Mappa in formato PDF
  27. ^ Mappa in formato PDF
  28. ^ Mappa in formato PDF
  29. ^ Mappa in formato PDF
  30. ^ Mappa in formato PDF
  31. ^ Mappa in formato PDF
  32. ^ Mappa in formato PDF
  33. ^ Mappa in formato PDF

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]