Remi Adefarasin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Remi Adefarasin (Londra, 2 febbraio 1948) è un direttore della fotografia britannico.

Per il suo lavoro in Elizabeth (1998) è stato candidato al Premio Oscar, ha vinto il Premio BAFTA, il premio della British Society of Cinematographers e la Rana d'oro del festival specializzato Camerimage.

Ha curato la fotografia di dieci episodi delle miniserie televisive sulla Seconda guerra mondiale Band of Brothers - Fratelli al fronte (2001) e The Pacific (2010), ricevendo in entrambi i casi una candidatura al Premio Emmy.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Adefarasin si forma nel corso degli anni ottanta nella divisione Playhouse della BBC,[1] fotografando numerosi film e miniserie per la televisione, diretti da registi quali Mike Leigh (Four Days in July del 1985) e Angela Pope (Dream Baby del 1989).

Arrivato al cinema negli anni novanta, direttore della fotografia della seconda unità[1] del film Il paziente inglese (1996), raggiunge il successo nel 1998 con la commedia romantica Sliding Doors e soprattutto con il kolossal storico Elizabeth, caratterizzato visivamente da un'«equilibrata gestione di una tavolozza cromatica sgargiante, in una cornice luministica fatta di penombre espressioniste»,[1] per il quale riceve il Premio BAFTA e la candidatura al Premio Oscar.

A metà degli anni duemila cura la fotografia di due dei tre film di ambientazione britannica diretti da Woody Allen, Match Point e Scoop.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 31 dicembre 2011[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Stefano Masi, Dizionario mondiale dei direttori della fotografia, Vol. A-K p. 15
  2. ^ London Gazette: (Supplement) no. 60009. p. 8. 31 dicembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Masi, Dizionario mondiale dei direttori della fotografia, Recco, Le Mani, 2007. ISBN 88-8012-387-4 Vol. A-K pp. 15-16

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85731967 LCCN: no2002011479