Una casa per Oliver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una casa per Oliver
Titolo originale Hollow Reed
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1996
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Angela Pope
Soggetto Neville Bolt
Sceneggiatura Paula Milne
Produttore Nick Powell
Fotografia Remi Adefarasin
Montaggio Sue Wyatt
Musiche Anne Dudley
Interpreti e personaggi

Una casa per Oliver (Hollow Reed) è un film drammatico inglese del 1996 diretto da Angela Pope, incentrato sul mondo della violenza familiare e della ghettizzazione dell'omosessualità.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il giovane Oliver (Sam Bould) vive una drammatica situazione familiare: il convivente della madre, Frank Donally (Jason Flemyng) lo picchia selvaggiamente. La madre, Hannah Wyatt (Joely Richardson), è separata dall'ex marito e padre di Oliver, Martyn (Martin Donovan), poiché quest'ultimo ha scoperto la sua omosessualità ed è andato a convivere con il suo nuovo compagno. Quando Martyn scopre che il figlio viene picchiato dal compagno dell'ex moglie cerca di ottenere legalmente l'affidamento di suo figlio, e si troverà così di fronte ad un muro di gomma burocratico e legislativo basato sui pregiudizi verso la sua omosessualità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema