Stephen Merchant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stephen Merchant nel 2009

Stephen James Merchant (Bristol, 24 novembre 1974) è uno sceneggiatore, regista, attore e comico britannico.

È noto soprattutto per la sua collaborazione con Ricky Gervais, assieme al quale ha sceneggiato e diretto le serie televisive The Office, Extras e Life's Too Short e ha condotto il programma radiofonico The Ricky Gervais Show e l'omonima serie animata.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Merchant è nato a Bristol, in Inghilterra, figlio di Jane Elaine (nata Hibbs), un'educatrice di asilo nido, e Ronald John Merchant, un agente assicurativo.[1] Ha frequentato la Hanham High School e si è laureato presso l'Università di Warwick.

Merchant ha iniziato la sua carriera come comico stand-up esibendosi presso il Comedy Box di Bristol. Nel 1997 è inoltre apparso come concorrente nel game show televisivo Blockbusters e per un breve periodo ha lavorato come DJ per Radio Caroline. Nel 1997 ha incontrato per la prima volta Ricky Gervais, il quale lo assunse per lavorare come suo assistente per l'emittente radiofonica XFM London. Insieme hanno condotto la trasmissione radiofonica del sabato pomeriggio, dal gennaio all'agosto del 1998, quando entrambi hanno abbandonato XFM, dopo che questa era stata acquistata dal Capital Radio Group.

Dopo aver lasciato XFM, Merchant ha iniziato un corso di produzione presso la BBC. Come parte del suo corso, ha ingaggiato Gervais per recitare in un cortometraggio di 30 minuti, Seedy Boss, che diventò la prima ispirazione per la loro sitcom The Office. Inoltre i due hanno collaborato per l'episodio pilota di una sitcom, intitolato Golden Years, su un manager in crisi di mezza età; il pilota è stato trasmesso come parte della serie Comedy Lab di Channel 4 nel settembre del 1998, ma non ebbe successo e la serie non fu realizzata.

The Office e The Ricky Gervais Show[modifica | modifica wikitesto]

A metà del 2001, BBC Two mandò in onda la prima stagione della sitcom The Office, co-sceneggiata e co-diretta da Gervais e Merchant, e interpretata da quest'ultimo nel ruolo di David Brent, manager degli uffici di un'impresa cartaria. La serie ha avuto inizialmente bassi risultati d'ascolto. A partire da settembre, Gervais e Merchant hanno fatto ritorno a XFM come co-conduttori di The Ricky Gervais Show, un altro programma del sabato pomeriggio, che ha portato alla feconda collaborazione con il produttore Karl Pilkington.

A metà del 2002 hanno interrotto temporaneamente il programma radiofonico, per occuparsi delle riprese la seconda stagione di The Office, trasmessa in quell'anno. Oltre a sceneggiare e dirigere la serie, Merchant è apparso in un cameo nell'episodio Charity.

Nel 2003 Gervais e Merchant hanno continuato a condurre The Ricky Gervais Show, prendendo un'altra pausa per realizzare uno speciale natalizio di The Office, andato in onda a dicembre. Nel gennaio del 2004 il programma radiofonico è stato sospeso a tempo indeterminato. Nel corso del 2004, Merchant ha interpretato il ruolo di uno chef in un episodio nella serie televisiva Garth Marenghi's Darkplace ed è apparso in un cameo nella sitcom Green Wing; inoltre ha lavorato come consulente al copione di un episodio della sitcom Nathan Barley. Nello stesso anno, The Office è andato in onda negli Stati Uniti: la serie è stata acclamata dalla critica e ha vinto un Golden Globe come miglior serie commedia o musicale.

Nel 2005 The Ricky Gervais Show riprese con una quarta stagione, composta da sei episodi. Nel marzo dello stesso anno iniziò ad essere trasmessa versione statunitense di The Office, con Merchant e Gervais accreditati come produttori esecutivi. In seguito i due hanno co-diretto l'episodio della terza stagione La prigione, e Merchant ha diretto l'episodio della quinta stagione Customer Survey.

Nel dicembre del 2005, con la sponsorizzazione di The Guardian, Merchant, Gervais e Pilkington hanno iniziato a registrare un podcast settimanale (anch'esso intitolato The Ricky Gervais Show).[2] Durante la sua prima stagione il podcast ha avuto un'enorme popolarità, arrivando ad essere certificato da Guinness World Records come il più scaricato di tutti i tempi.[3][4] Nel 2006 sono state registrate altre due stagioni e tre puntate speciali (la Podfather Trilogy) e, alla fine del 2008, altre quattro puntate e una serie di audiolibri.

Extras e Life's Too Short[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio e nell'agosto del 2005, dopo un breve ritorno ai microfoni di XFM, è stata trasmessa da BBC Two una nuova sitcom ideata scritta e diretta da Gervais e Merchant, Extras. Nella serie Merchant recita il ruolo di Darren Lamb, l'agente incompetente di Andy Millman, interpretato da Gervais. La seconda stagione di Extras è andata in onda alla fine del 2006, seguita da uno speciale natalizio nel dicembre del 2007. Negli Stati Uniti la serie è stata trasmessa da HBO. Nel 2006, Merchant ha vinto un British Comedy Award come miglior attore televisivo per la sua interpretazione in Extras.[5]

Tra il 2010 e il 2011 Gervais e Merchant lavorano alla scrittura e alle riprese di una nuova serie televisiva da loro ideata, Life's Too Short, successivamente trasmessa nel 2011 da BBC Two. Si tratta di una sitcom in stile falso documentario nella quale i due interpretano un ruolo secondario, mentre il protagonista è l'attore Warwick Davis. Per il 2013 è prevista la messa in onda di una seconda stagione.[6]

Hello Ladies[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 settembre 2013 Merchant debutta con la propria sitcom Hello Ladies su HBO. Si tratta di un adattamento del suo omonimo spettacolo comico, al quale non è coinvolto Ricky Gervais, ma è invece sceneggiata da Merchant insieme a Lee Eisenberg e Gene Stupnitsky. La serie è stata trasmessa per un'unica stagione, e sarà conclusa da un episodio speciale.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Stephen Merchant nel 2011

Nel gennaio del 2007 Merchant ha iniziato ha condurre un proprio programma radiofonico su BBC 6 Music, in onda settimanalmente di domenica pomeriggio.[7] Anziché sulla comicità, The Steve Show si concentra sulla musica e in particolare sulla "musica nuova", quella che Merchant definisce la «musica che non avete mai sentito». Molte delle canzoni della trasmissione sono suggerite dagli ascoltatori e dai co-conduttori. Il programma è andato in onda per quattro stagioni ed è terminato nel maggio del 2009.

Merchant ha inoltre avuto piccole parti nei film Hot Fuzz e Run Fatboy Run del 2007, e ne Il primo dei bugiardi del 2009, diretto e interpretato da Ricky Gervais. Sempre nel 2009 ha avuto un ruolo secondario nel film L'acchiappadenti. Nello stesso anno Merchant e Gervais hanno collaborato nella direzione del film L'ordine naturale dei sogni, uscito nelle sale nel 2010 ed ambientato nell'Inghilterra degli anni settanta. Nel 2011 Merchant ha avuto un ruolo minore in Libera uscita dei fratelli Farrelly.

In televisione, Merchant è apparso nel 2007 in un cameo nel primo episodio della sesta stagione di 24. Nel settembre del 2010 ha prodotto, assieme a Ricky Gervais, una serie televisiva interpretata da Karl Pilkington e intitolata An Idiot Abroad.

Dal 2009 Merchant è la voce fuori campo degli spot pubblicitari di Barclays e Waterstone's. Nel 2011 ha partecipato al doppiaggio del film d'animazione Gnomeo e Giulietta; nello stesso anno, ha prestato la voce al robot Wheatley del videogioco della Valve Corporation Portal 2. Il suo personaggio ha ottenuto un forte apprezzamento da parte dei recensori.[8][9]

Nel settembre del 2011, dopo l'iniziale esperienza di scarso successo alla fine degli anni novanta, Merchant ha ripreso ad esibirsi come comico stand-up nel suo primo tour nazionale nel Regno Unito dal titolo Hello Ladies..., con una tappa a New York.[10]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Family detective: Stephen Merchant, The Telegraph, 18 agosto 2007. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  2. ^ (EN) Plumplard.com, Ricky Gervais... Obviously, Rickygervais.com, agosto 2004. URL consultato il 17 marzo 2010.
  3. ^ (EN) John Plunkett, Gervais podcast in the record books, The Guardian, 6 febbraio 2006. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  4. ^ (EN) The Ricky Gervais Show, Ricky Gervais, HBO. URL consultato il 26 dicembre 2011.
  5. ^ (EN) Owen Gibson, Tate and Merchant win comedy awards, Media, The Guardian, 14 dicembre 2006. URL consultato il 17 marzo 2010.
  6. ^ (EN) Tom Eames, Ricky Gervais confirms 'Life's Too Short' renewal, 'Idiot' special, Digital Spy, 21 dicembre 2011. URL consultato il 22 dicembre 2011.
  7. ^ (EN) Stephen Merchant presents new show for BBC 6 Music, BBC. URL consultato il 17 marzo 2010.
  8. ^ (EN) Phil Kollar, Portal 2 Has A Release Date And A New Voice Actor, Game Informer Magazine, 18 agosto 2010. URL consultato il 13 maggio 2011.
  9. ^ (EN) John Young, 'Portal 2' Videogame Review: Physics is Phunny, Entertainment Weekly, 20 aprile 2011. URL consultato il 20 aprile 2011.
  10. ^ (EN) Rick Fulton, Beanpole funnyman Stephen Merchant hopes stand-up lines will help him bag a girlfriend, Daily Record, 16 marzo 2011. URL consultato il 26 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 49481834 LCCN: nb2003009360