Terence Davies

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Terence Davies (Liverpool, 10 novembre 1945) è un regista e sceneggiatore inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Davies nasce e cresce a Liverpool, in una numerosa famiglia della classe operaia. Dopo aver lavorato dieci anni come commesso in un'agenzia di spedizioni e come ragioniere in uno studio contabile, nel 1971 entra nella Coventry School of Drama, dove scrive e dirige il suo primo cortometraggio, Children, finanziato dal Production Board del British Film Institute. Entrato poi alla National Film School, realizza come film di diploma Madonna and Child (1980). Con il successivo Death and Transfiguration (1983) conclude quella che viene poi presentata nei festival cinematografici internazionali come The Terence Davies Trilogy (1984).

Nel 1988 scrive e dirige il suo primo lungometraggio, Voci lontane... sempre presenti (Distant Voices, Still Lives), vincitore del Pardo d'oro al Festival di Locarno e del premio FIPRESCI al 41º Festival di Cannes, nella Quinzaine des Réalisateurs.

Seguono Il lungo giorno finisce (The Long Day Closes) (1992), Serenata alla luna (The Neon Bible) (1995), tratto da un romanzo di John Kennedy Toole, entrambi in concorso al Festival di Cannes, e La casa della gioia (The House of Mirth) (2000), tratto da un romanzo di Edith Wharton.

Passano otto anni prima che Davies presenti la sua successiva opera cinematografica, Of Time and the City, documentario sulla sua città natale, presentato come proiezione speciale nella selezione ufficiale del Festival di Cannes 2008.

Nel 2011 realizza The Deep Blue Sea, trasposizione dell'omonima opera teatrale di Terence Rattigan.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 113244965 LCCN: no93001876