La casa dei fantasmi (film 2003)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La casa dei fantasmi
La casa dei fantasmi.jpg
Titolo originale The Haunted Mansion
Paese di produzione USA
Anno 2003
Durata 85 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, fantastico, horror
Regia Rob Minkoff
Sceneggiatura David Berenbaum
Produttore Andrew Gunn, Don Hahn
Fotografia Remi Adefarasin
Montaggio Priscilla Nedd-Friendly
Effetti speciali CIS Hollywood
Musiche Mark Mancina
Scenografia Rosemary Brandenburg
Costumi Mona May
Trucco Michelle Garbin, Camille Henderson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La casa dei fantasmi è una commedia del 2003, ispirato alla Haunted Mansion, un'attrazione presente in tutti i parchi di divertimento Disney, diretto da Rob Minkoff e con protagonisti Eddie Murphy, Terence Stamp, Jennifer Tilly, Marsha Thomason e Nathaniel Parker.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il giorno dell'anniversario di nozze, l'agente immobiliare Jim Evers, sempre troppo preso dal lavoro, e sua moglie Sara ricevono una strana telefonata da un uomo chiamato Ramsley. Costui richiede che Sara si rechi al misterioso Maniero Gracey. Jim decide di accettare fiutando la possibilità che il maniero si possa rivelare un grande investimento, ma per sedare le lamentele di Sara (arrabbiata per il fatto che Jim non sta mai con la famiglia e pensa solo al lavoro), decide di accettare per concedersi un "viaggio di famiglia", portando con loro anche i figli. Una volta sul posto la famiglia Evers vede un cimitero ma mentre sta osservando la casa dall'esterno arriva un inaspettato temporale. Gli Evers bussano alla porta d'ingresso, ma sul momento nessuno risponde bussano una seconda volta e la porta si apre da sola e compare dal buio il maggiordomo Ramsley che insiste che la famiglia rimanga per la notte, considerando l'imminente arrivo di un temporale. Gli Evers durante la cena vengono presentati al signor Edward Gracey, che sembra essere stranamente ossessionato da Sara. Ramsley accompagna i bambini all'interno di una stanza e poi accompagna Jim e Sara all'interno di un'altra. Mentre Sara è chiusa in bagno Jim ne approfitta per uscire e chiedere a Gracey di poter comprare il maniero, ma invece si trova all'interno dello studio del signor Gracey da solo, durante l'attesa Jim scopre un passaggio segreto, mentre i bambini si mettono all'inseguimento di una strana sfera fluttuante, quando scoprono un quadro che ritrae una donna identica a Sara, mentre osservano il quadro vengono trovati da due maggiordomi che li nascondono da Ramsley venuto a cercarli.

In seguito Jim e i ragazzi scoprono tramite Madame Leota (una testa all'interno di una sfera di cristallo) l'oscuro segreto che si nasconde dietro al maniero. Madame Leota rivela loro che Sara è in pericolo e per salvarla devono spezzare la maledizione che incombe sul maniero: Ramsley, infatti, aveva avvelenato Elizabeth (la ragazza nel quadro), facendo però passare l'omicidio per un suicidio. Così anche Edward si tolse la vita e ora vaga per il maniero sotto forma di fantasma alla ricerca della sua amata. Quando Jim scopre che per salvare Sara deve trovare una chiave, s'avventura all'interno del cimitero della casa, ma entra a contatto con teste di statue parlanti, che non aiutano Jim che sta cercando la chiave all'interno di un mausoleo. Quando Jim e i suoi figli trovano il mausoleo riescono a risalire alla chiave. Quando Jim e i suoi figli stanno per rientrare nella casa i bambini vengono chiusi all'interno di un baule e Jim viene cacciato dalla casa con Madame Leota da Ramsley. Quando Jim riesce a rientrare in casa va subito a salvare i suoi figli, poi va ad impedire il matrimonio tra Sara ed Edward. Quando Jim entra nella sala dove si svolge il matrimonio riesce ad impedirlo, ed il maggiordomo Ramsley viene risucchiato dagli inferi, mentre Edward ed Elizabeth entrano in paradiso e alla famiglia Evers viene donato il maniero.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema