Pasquale Macchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pasquale Macchi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Macchi montini.jpg
Pasquale Macchi, alla destra del Pontefice, mentre sorregge Paolo VI all'uscita dall'udienza generale del 29 giugno 1978
Archbishop CoA PioM.svg
Nato 9 novembre 1923 a Varese
Ordinato presbitero 15 giugno 1946
Consacrato arcivescovo 6 gennaio 1989 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto 5 aprile 2006 a Milano

Pasquale Macchi (Varese, 9 novembre 1923Milano, 5 aprile 2006) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Varese il 9 novembre 1923, ricevette l'ordinazione presbiterale il 15 giugno 1946 all'età di 22 anni. Dopo aver conseguito la laurea in Lettere moderne presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dal 1954 al 1978 fu segretario personale di Giovanni Battista Montini, prima quale Arcivescovo di Milano e poi, dal 21 giugno 1963, in veste di Sommo Pontefice con il nome di Paolo VI.

Successivamente alla morte di Papa Montini, sopravvenuta il 6 agosto 1978, Mons. Macchi fece ritorno nella propria terra natia come arciprete del santuario del Sacro Monte di Varese.

Il 10 dicembre 1988 Giovanni Paolo II lo nominò Arcivescovo Prelato di Loreto, ricevendo la consacrazione episcopale nella Basilica Vaticana, per le mani dello stesso Pontefice, il 6 gennaio 1989 e rimanendo in quella sede fino al 7 ottobre 1996, quando rassegnò le proprie dimissioni diventando Arcivescovo Prelato emerito di Loreto.

Trascorse gli ultimi anni ritirato in un monastero nella provincia di Lecco, a Perego, da dove custodì e fece conoscere, attraverso un'assidua collaborazione con l'Istituto Paolo VI di Brescia, la figura di Papa Montini. Nel dicembre 2000, inaugura il nuovo oratorio di Imbersago, intitolato a Papa Paolo VI.

Dopo una lunga malattia, morì in una clinica di Milano il 5 aprile 2006, all'età di 82 anni.

Dopo le solenni esequie, celebrate l'8 aprile, nel Duomo di Milano, e presiedute dal cardinale arcivescovo Dionigi Tettamanzi, venne sepolto nel cimitero di Casciago (Varese).

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dati riportati su www.catholic-hierarchy.org alla pagina [1]
  • P. Macchi, Paolo VI nella sua parola, Ed. Morcelliana, Brescia 2003
  • Paolo VI e la tragedia di Moro. 55 giorni di ansie, tentativi, speranze e assurda crudeltà, a c. di Pasquale Macchi, Ed. Rusconi, Milano 1998.
Predecessore Segretario particolare del Sommo Pontefice Successore Coat of Arms of Pope Paul VI.svg
Loris Francesco Capovilla 21 giugno 1963 - 6 agosto 1978 Diego Lorenzi
Predecessore Organizzatore dei Viaggi Papali Successore Emblem Holy See.svg
- 5 gennaio 1964 - 24 dicembre 1968 Jacques-Paul Martin
Predecessore Prelato di Loreto
(titolo personale di arcivescovo)
Successore Archbishop CoA PioM.svg
Loris Francesco Capovilla 10 dicembre 1988 - 7 ottobre 1996 Angelo Comastri
Predecessore Delegato pontificio per il Santuario lauretano Successore Ancona loreto.jpg
Loris Francesco Capovilla 10 dicembre 1988 - 7 ottobre 1996 Angelo Comastri

Controllo di autorità VIAF: 34578408 LCCN: n85379246