Attilio Nicora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attilio Nicora
cardinale di Santa Romana Chiesa
Attilio Nicora.jpg
Coat of arms of Attilio Nicora.svg
Ubi caritas libera servitus
Titolo Cardinale presbitero di San Filippo Neri in Eurosia
Incarichi attuali Legato Pontificio per le Basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi
Nato 16 marzo 1937 (77 anni) a Varese
Ordinato presbitero 27 giugno 1964 dall'arcivescovo Giovanni Colombo (poi cardinale)
Consacrato vescovo 28 maggio 1977 dal cardinale Giovanni Colombo
Elevato arcivescovo 1º ottobre 2002
Creato cardinale 21 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II

Attilio Nicora (Varese, 16 marzo 1937) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Riceve l'ordine sacro il 27 giugno 1964. Dopo aver proseguito gli studi a Roma, insegna diritto canonico e diritto pubblico ecclesiastico nel Seminario Maggiore di Milano, del quale diventa rettore il 7 ottobre 1970 per nomina dell'allora arcivescovo di Milano cardinale Giovanni Colombo.[1][2]

Eletto vescovo titolare di Forno Minore da papa Paolo VI il 16 aprile 1977 con l'incarico di ausiliare dell'arcidiocesi di Milano, riceve l'ordinazione episcopale il 28 maggio 1977.

Il 15 novembre 1984, negli anni del governo Craxi, firma con il prof. Francesco Margiotta Broglio, l'accordo di modifica del Concordato fra Stato italiano e Chiesa cattolica.

Il 30 giugno 1992 viene nominato vescovo di Verona. Il 18 settembre 1997 rinuncia all'ufficio e rientra a Roma.

Nel 2000 assume la vicepresidenza della Commissione Episcopale della Comunità Europea.

Il 1º ottobre 2002 viene nominato presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica ed elevato alla dignità arcivescovile.

Nel concistoro del 21 ottobre 2003 viene elevato al rango di cardinale da papa Giovanni Paolo II.

Nel 2005 partecipa al conclave che ha eletto papa Benedetto XVI.

Il 21 febbraio 2006 è nominato legato pontificio per le basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi[3].

Il 19 gennaio 2011 papa Benedetto XVI lo nomina primo presidente dell'Autorità di Informazione Finanziaria, un organismo di nuova istituzione voluto dal pontefice perché controlli ogni operazione finanziaria vaticana. Ciò adegua anche lo Stato della Città del Vaticano alle nuove norme antiriciclaggio introdotte dall'Unione Europea.

È inoltre membro del Consiglio della II Sezione della Segreteria di Stato, della Congregazione per i Vescovi, della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, del Pontificio Consiglio per i testi legislativi e della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano.

Il 7 luglio 2011 papa Benedetto XVI accoglie la sua richiesta di essere sollevato dall'incarico di presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica per potersi dedicare in modo esclusivo alla conduzione dell'Autorità di Informazione Finanziaria del Vaticano. Gli succede l'arcivescovo Domenico Calcagno.

Il 12 e il 13 marzo 2013 partecipa, in qualità di cardinale elettore, al Conclave che vedrà l'elezione al ministero petrino di papa Francesco.

Il 30 gennaio 2014 papa Francesco accoglie la sua richiesta di essere sollevato dall'incarico di presidente dell'Autorità di Informazione Finanziaria.

Il 12 giugno 2014 opta per l'ordine presbiterale, mantenendo invariata la diaconia elevata pro illa vice a titolo presbiterale.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nomina del Rettore del Seminario Teologico, Rivista Diocesana Milanese, anno 58, n. 10, ottobre 1970, pag. 616
  2. ^ Arcidiocesi di Milano, Cancelleria del Protocollo Generale n. 1773/70
  3. ^ Acta Apostolicae Sedis, XCVIII (2006) 295

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Forno Minore Successore BishopCoA PioM.svg
Georges-Louis Mercier 16 aprile 1977 - 30 giugno 1992 Henryk Marian Tomasik
Predecessore Vescovo di Verona Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Amari 30 giugno 1992 - 18 settembre 1997 Flavio Roberto Carraro
Predecessore Presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica Successore Emblem Holy See.svg
Agostino Cacciavillan 1º ottobre 2002 - 7 luglio 2011 Domenico Calcagno
Predecessore Cardinale diacono e presbitero di San Filippo Neri in Eurosia Successore CardinalCoA PioM.svg
Alfred Bengsch dal 21 ottobre 2003
Titolo presbiterale pro illa vice dal 12 giugno 2014
in carica
Predecessore Legato pontificio per le Basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi Successore COA basilica.svg
Lorenzo Antonetti dal 21 febbraio 2006 in carica
Predecessore Presidente dell'Autorità di Informazione Finanziaria Successore Emblem Holy See.svg
- 19 gennaio 2011 - 30 gennaio 2014 Giorgio Corbellini
(ad interim)

Controllo di autorità VIAF: 7516851 LCCN: n/86/123050