Michelle Akers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michelle Akers
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Attaccante
Ritirata 2000
Carriera
Giovanili
1985–1988 UCF Knights
Squadre di club1
1990 Tyreso Tyresö  ? (?)
1992 Tyreso Tyresö  ? (?)
1994 Tyreso Tyresö  ? (?)
Nazionale
1985-2000 Stati Uniti Stati Uniti 153 (105)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Atlanta 1996
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Stati Uniti 1991
Oro Stati Uniti 1999
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Michelle Akers (Santa Clara, 1º febbraio 1966) è un'ex calciatrice statunitense.

Ritenuta una delle migliori giocatrici di calcio di tutti i tempi, è inserita nel FIFA 100 e nella National Soccer Hall of Fame.

Fece parte della Nazionale femminile statunitense. Con la selezione del suo paese fu protagonista dei Giochi olimpici del 1996 e migliore marcatrice ai primi Campionati mondiali femminili, nel 1991, vinto dalla sua nazionale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Seattle, giocò per la Shorecrest High School; durante questo periodo fu scelta per tre volte come All-American[1]. Frequentò poi la University of Central Florida, venendo scelta per quattro volte dalla NCAA come All-America[1], fu Central Florida's Athlete of the Year nel 1988-1989, vinse l'Hermann Trophy in 1988[1] ed ebbe la sua maglia numero 10 ritirata dalla scuola.

Fu convocata per la prima partita della nazionale statunitense nell'agosto 1985 e giocò nella seconda partita segnando contro la Danimarca, nel pareggio per 2-2[1].

Poco dopo le Olimpiadi del 2000 si ritirò, diventando all'epoca secondo miglior cannoniere della nazionale dopo Mia Hamm) con 105 gol e 37 assist in 153 incontri internazionali.

È una delle due donne ad essere entrata nella FIFA 100, la lista dei migliori 125 calciatori-calciatrici di tutti i tempi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1990, 1991, 1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Elizabeth D Schafer, Great Athletes, a cura di Dawn P Dawson, vol. 1, Revised, Salem Press [1992], 2002, pp. 26–28, ISBN 1-58765-008-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 117272681