Mezmerize

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mezmerize
Artista System of a Down
Tipo album Studio
Pubblicazione 17 maggio 2005
Durata 36:12
Dischi 1
Tracce 11
Genere Alternative metal[1]
Nu metal[1]
Hard rock[2]
Etichetta American, Columbia
Produttore Rick Rubin, Daron Malakian
Registrazione 2004-2005
The Mansion, Laurel Canyon (California)
Akademie Mathematique of Philosophical Sound Research, Los Angeles (California)
Formati CD, LP, download digitale
System of a Down - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2005)
Singoli
  1. B.Y.O.B.
    Pubblicato: 29 marzo 2005
  2. Question!
    Pubblicato: 29 agosto 2005

Mezmerize è il quarto album in studio del gruppo musicale statunitense System of a Down, pubblicato il 17 maggio 2005 dalla American Recordings.

L'album ricevette numerosi riconoscimenti, entrando con cinque nomination ai Kerrang! Awards 2005 e centrando ogni possibile candidatura: miglior album, miglior canzone e miglior videoclip con B.Y.O.B., migliore band dal vivo e migliore band del pianeta. Inoltre il video di B.Y.O.B. ricevette la nomination anche per gli MTV Video Music Awards 2005 e vinse il premio come Best Alternative Video agli MTV Europe Music Awards 2005 di Lisbona. Il disco ha venduto un complessivo di 10 milioni di copie in tutto il mondo.[senza fonte]

La copertina dell'album è stata realizzata dal padre di Daron Malakian, il pittore Vartan Malakian.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Mezmerize fu registrato in contemporanea con il successivo Hypnotize (uscito anch'esso nel 2005) e con questo album, i System of a Down portarono avanti quello che consideravano il loro "impegno politico".[1] Questo album denota una svolta decisiva nelle sonorità del gruppo: prendono piede sonorità più melodiche, in modo che il disco risulti un po' più accessibile a un pubblico più vasto, svolta che il gruppo aveva già accennato nell'album Toxicity.[2] In alcuni brani rimane ancora la rabbia musicale che caratterizzò i precedenti album, con parti caratterizzate dalla batteria di John Dolmayan, a tratti compare un'inattesa ispirazione pop rock (è proprio questa a rendere più orecchiabile il lavoro nel suo complesso). Resta comunque la solita sperimentalità musicale e la fusione di stili musicali tipica del gruppo, che non consente di collocare l'album in un genere ben definito.[2] Da questo album diventa più marcato anche l'intervento del chitarrista Daron Malakian come cantante e compositore dei testi: in molti brani infatti il suo apporto vocale viene equamente diviso col cantante Serj Tankian, mentre dal punto di vista della composizione i brani Soldier Side - Intro, Radio/Video, Violent Pornography e Old School Hollywood sono stati interamente composti da lui.

Nei concerti per il lancio dell'album negli Stati Uniti donarono tutti i biglietti VIP ad Amnesty International in modo che quest'ultima li mettesse all'asta per il proprio autofinanziamento. Prima dell'uscita ufficiale del disco, sul loro sito ufficiale venne pubblicata la tracklist che inizialmente avrebbe dovuto contenere anche la traccia fantasma Lonely Day, la quale fu successivamente inserita in Hypnotize.

Le canzoni[modifica | modifica wikitesto]

La traccia di apertura, Soldier Side - Intro, presenta già la tendenza dell'album ad un approccio più mediato, con un sound dal gusto malinconico. Ma l'attacco di B.Y.O.B. induce già a ricredersi: metal duro alternato da tratti pop-rock e ritornelli etnici: il pezzo ricorda molto i vecchi lavori del gruppo. Il brano è stato composto in collaborazione con Casey Chaos degli Amen, anche se quest'ultimo non compare nei crediti del booklet, ed è stato pubblicato come singolo nel 2005.

Revenga si presenta come un amalgama di alternative rock e metal, dove le voci di Tankian e Malakian si sovrappongono. Cigaro è invece un brano caratterizzato da un testo molto critico nei confronti della società, ma anche ironico e volgare; Radio/Video è invece caratterizzata da un'atmosfera folk-reggae con voci e tratti orientaleggianti, dovuti forse alle influenze di folk armeno del gruppo. Si alternano tratti "arrabbiati" e "festosi", mentre il testo sembra essere una critica all'invasione mediatica della nostra società. This Cocaine Makes Me Feel Like I'm on This Song risulta una canzone di sfogo tipicamente metal. Violent Pornography ha un andamento generalmente rockeggiante, con inserti veloci e vocali coinvolgenti. Question! ha invece un andamento metal-progressive mentre Sad Statue è un pezzo caratterizzato da un ritmo che cambia più volte nel corso del brano. Old School Hollywood è una canzone con forti influenze new wave, il cui testo venne interamente composto da Malakian per ricordare i tempi del liceo; Lost in Hollywood è una ballata il cui testo parla del degrado di Los Angeles e del mondo in generale.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Soldier Side - Intro – 1:04 (Daron Malakian)
  2. B.Y.O.B. – 4:15 (Daron Malakian, Serj Tankian – Daron Malakian)
  3. Revenga – 3:48 (Daron Malakian, Serj Tankian – Daron Malakian)
  4. Cigaro – 2:12 (Daron Malakian, Serj Tankian – Daron Malakian)
  5. Radio/Video – 4:09 (Daron Malakian)
  6. This Cocaine Makes Me Feel Like I'm on This Song – 2:08 (Daron Malakian, Serj Tankian – Daron Malakian)
  7. Violent Pornography – 3:31 (Daron Malakian)
  8. Question! – 3:21 (Serj Tankian – Serj Tankian, Daron Malakian)
  9. Sad Statue – 3:26 (Daron Malakian, Serj Tankian – Daron Malakian)
  10. Old School Hollywood – 2:57 (Daron Malakian)
  11. Lost in Hollywood – 5:21 (Daron Malakian, Serj Tankian – Daron Malakian)

N.B. Il brano Lost in Hollywood in realtà è stata scritta dal solo Malakian ma nel libretto viene erroneamente accreditato anche Tankian. Tuttavia, nello stesso anno uscì una riedizione del disco che non presenta l'errore.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti
  • Mark Mann – arrangiamento strumenti ad arco

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2005) Posizione
massima
Australia[4] 1
Austria[4] 1
Belgio (Fiandre)[4] 6
Belgio (Vallonia)[4] 4
Canada[5] 1
Danimarca[4] 3
Finlandia[4] 2
Francia[4] 1
Germania[4] 1
Italia[4] 4
Norvegia[4] 2
Nuova Zelanda[4] 1
Paesi Bassi[4] 5
Portogallo[4] 9
Regno Unito[6] 2
Spagna[4] 12
Stati Uniti[7] 1
Svezia[4] 1
Svizzera[4] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Mezmerize in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ a b c Riccardo Bertoncelli, Cris Thellung, Ventiquattromila dischi. Guida a tutti i dischi degli artisti e gruppi più importanti, Baldini Castoldi Dalai, 2006, p. 1175., ISBN 978-88-6018-151-0, ..
  3. ^ a b (EN) Guitar World Interview with Daron Malakian: "A Scar Is Born", SOADFans.com, 2008. URL consultato l'11 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2009).
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) System of a Down - Mezmerize, Ultratop. URL consultato l'11 agosto 2013.
  5. ^ (EN) System of a Down - Chart history (Canadian Albums), Billboard. URL consultato l'11 agosto 2013.
  6. ^ (EN) 2005 Top 40 Official UK Albums Archive - 28th May 2005, Official Charts Company. URL consultato l'11 agosto 2013.
  7. ^ (EN) System of a Down - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato l'11 agosto 2013.