Medieval: Total War

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medieval: Total War
Sviluppo The Creative Assembly
Pubblicazione Activision
Serie Total War
Data di pubblicazione 19 agosto 2002
Genere Videogioco tattico in tempo reale, Strategia a turni
Tema Medioevo
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Microsoft Windows
Supporto CD-ROM
Requisiti di sistema processore 350 MHz,

128 MB RAM, scheda video 8 MB, 1,7 GB disco fisso

Periferiche di input Mouse, Tastiera
Espansioni Viking Invasion
Preceduto da Shogun: Total War
Seguito da Rome: Total War

Medieval: Total War è un videogioco strategico sviluppato dallo studio The Creative Assembly per Microsoft Windows. Il gioco permette di assumere la guida di una fazione medievale europea e nord africana in un periodo di circa 300 anni.

Si divide nella parte strategica, ricca di eventi, economia, commerci, sotterfugi, crociate, jihad, scomuniche, assassinii e matrimoni, visualizzata come un'antica carta geografica divisa in regioni dove le truppe e le altre unità sono visualizzate come pedine e nella parte tattica in tempo reale, visualizzata in tre dimensioni secondo una riproduzione realistica che permette di giocare battaglie controllando anche migliaia di uomini.

È il secondo episodio della serie Total War; segue Shogun: Total War e precede Rome: Total War, Medieval II: Total War, Empire: Total War, Napoleon: Total War e Shogun 2: Total War.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Fazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fazioni giocabili[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera Fazione Descrizione
Bandera de Bakio.svg Almohadi Con territori posti ai margini e facilmente difendibili, presentano le unità di milizia immediatamente disponibili ma non possiedono unità d'elitè.
Aragon Arms.svg Aragonesi Sono compressi fra gli spagnoli, gli almohadi, i francesi e gli inglesi.
Flag of PalaeologusEmperor.svg Bizantini Sono dotati di ricco ed esteso territorio, di truppe specializzate e di cavalleria pesante. Tuttavia l'Impero Bizantino rischia di trovarsi esposto in prima linea contro le orde della steppa mentre contemporaneamente saranno impegnati su più fronti (Europa balcanica contro ungheresi e polacchi, Medio-Oriente contro egiziani e turchi).
Flag of Denmark.svg Danesi Partono dalla scandinavia per poi poter cercare di espandersi in Russia o in Inghilterra. Nell'alto medioevo si disporrà delle unità vichinghe.
Fatimid flag.svg Egiziani Possiedono economia fiorente ed un territorio esteso.
France Ancient.svg Francesi Partono circondati da inglesi, tedeschi, aragonesi, spagnoli, e potenzialmente anche dagli italiani.
Flag of England.svg Inglesi Partono dall'Inghilterra, difendibile tramite flotta ma singolarmente una terra povera. Possono però addestrare i roncolieri, unità esclusiva che con i fanti italiani rappresenta l'armata con il miglior rapporto qualità-prezzo.
Flag of Republic of Venice.png Italiani Questa fazione rappresenta un'ucronica confederazione dei comuni e principati nell'Italia settentrionale, più le isole di Sardegna e Corsica. I territori (tranne le isole) sono ricchi e possono sviluppare un florido commercio. Inoltre, possono addestrare rapidamente i fanti italiani, una tra le più forti e versatili unità da combattimento, con un ottimo rapporto qualità-prezzo.
Choragiew Krakowska.png Polacchi Iniziano nella zona dell'Europa orientale, con numerosi territori neutrali conquistabili ad est e fazioni inizialmente poco ostili a sud (Ungheria) e ad ovest (Sacro Romano Impero). I polacchi dispongono di cavalleria anche con arco, ma non hanno unità d'élite paragonabili a quelle degli altri regni occidentali. Con l'avanzare del gioco i regni confinanti si faranno più ostili e si aggiungerà anche il principato di Novgorod/Russia fra chi ha mire espansionistiche sulla Polonia.
Flag of Russia 1668.png Russi Possono essere usati solo nel Tardo Medioevo, hanno unità di cavalleria, tra cui i cavalieri pesanti con arco. Hanno parecchi territori ribelli da conquistare, devono temere solo l'espansione polacca a sud-ovest, l'arrivo dell'Orda d'Oro da est ed eventualmente i bizantini da sud.
Bandiera del Regno di Sicilia 4.svg Siciliani Controllano la Sicilia e, nelle campagne più tarde, l'Italia meridionale (che nel periodo iniziale è controllata dai bizantini).
Estandarte del Reino de Castilla.png Spagnoli Possiedono unità di cavalleria e truppe con armi da fuoco; iniziano circondati da fazioni ostili (musulmani a sud, aragonesi ad est, francesi ed inglesi a nord).
Holy Roman Empire.PNG Tedeschi Rappresentano il Sacro Romano Impero. Non partono da una posizione con sbocchi sul Mar Mediterraneo, e soprattutto la posizione centrale, che li renderà attaccabili su ogni fronte, da italiani, inglesi, francesi, polacchi, ungheresi e danesi. A differenza delle altre fazioni il sovrano è eletto dai nobili che costituiscono il regno, pertanto in caso dovessero mancare principi ereditari del re sarà possibile che un generale di gran fama possa diventare monarca facendo sopravvivere la fazione (nelle altre fazioni l'estinzione della linea dinastica causa la sconfitta della fazione).
Ottoman Sultanate1453-1844.png Turchi Iniziano nella parte orientale della penisola anatolica, possiedono unità di fanteria potenti ma poco corazzate.
Flag of Hungary (1867-1918).svg Ungheresi Iniziano nella zona centrale dell'Europa, compressi fra tedeschi, polacchi e se si espandono bizantini. Hanno eserciti numerosi e ben nutriti, ma non dispongono di truppe d'élite. Le fazioni con cui entreranno in conflitto dipende dalla disponibilità dei territori confinanti: se i balcani saranno liberi, gli ungheresi tenteranno subito di accedervi, entrando in attrito con italiani e bizantini; altrimenti potrebbero tentare di sfondare in Polonia o di attacchare i tedeschi.

Fazioni non giocabili[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera Fazione Descrizione
Flag of the Papal States (pre 1808).svg Fazione papale Lo Stato Pontificio è situato nell'Italia centrale, generalmente non attacca mai nessuno tranne vicini confinanti che il papa ha scomunicato. La fazione papale può scomunicare una fazione cristiana in caso essa vada contro un ordine del pontefice (solitamente l'invito a sospendere le ostilità verso un "fratello cristiano", anche nel caso sia stato quest'ultimo ad attaccare a tradimento per primo). Una fazione scomunicata può essere attaccata dai suoi vicini e le sue provincie diventano bersagli per possibili crociate. Le crociate divengono disponibili subito nel gioco, dopo che il papa ha lanciato l'appello ai fedeli per riconquistare la Terra Santa. Se la fazione papale viene sconfitta, tutte le precedenti scomuniche vengono invalidate ed inoltre non è più possibile lanciare crociate.
Flag of Switzerland (Pantone).svg Svizzeri Sono presenti solo nell'ultimo scenario ambientato nel tardo medioevo. Dispongono di picchieri e di una provincia facilmente difendibile dalle incursioni nemiche.
Flag of the Mongol Empire.svg Mongoli Sono rappresentati dall'Orda d'Oro e compaiono nella prima metà del XIII secolo nelle pianure russe a nord del Mar Caspio ed eventualmente anche in Armenia (in entrambi i casi ai confini della mappa di gioco). Dispongono di un grosso numero di unità di cavalleria e di fanteria. Affrontano sempre i russi (e i polacchi se si sono spinti abbastanza ad est), mentre l'offensiva che parte dall'Armenia si scontra con bizantini, turchi ed eventualmente egiziani.
Flag of None.svg Ribelli Rappresentano tutti quei regni e principati autonomi che non costituiscono una fazione a sé, così come eserciti costituiti da briganti, tentativi d'insurrezione popolare e resti di fazioni sconfitte. Le zone ribelli maggiormente estese si trovano in Lituania ed Ucraina.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Viking Invasion[modifica | modifica wikitesto]

Espansione che aggiunge alcune novità (l'olio bollente negli assedi e svariate unità in dotazione ai danesi nella campagna principale) ed una nuova campagna ambientata in Inghilterra, in cui si potrà scegliere una fazione anglosassone, oppure la fazione dei vichinghi; l'obbiettivo sarà la conquista di tutti i territori (Inghilterra, Norvegia e Danimarca). Le fazioni sono:

  • I Pitti: situati al nord, in Scozia; non hanno nessun guerriero eccezionale, tranne i balestrieri.
  • Gli Scozzesi: situati in Scozia e in Irlanda, hanno i guerrieri delle highlands, poco costosi e abbastanza buoni, senza contare il terreno montagnoso che renderà facile la difesa.
  • I Northumbriani: situati tra pitti, scozzesi, e merciani (senza contare le scorrerie vichinghe) avranno vita difficile.
  • I Merciani: situati sotto la Northumbria, hanno una terra abbastanza ricca e dispongono di unità sassoni (che sono molto più potenti di quelle inglesi).
  • I Sassoni: situati nell'estremo sud dell'Inghilterra, hanno un'ottima posizione geografica e sono tra i pochi che hanno dei guerrieri in grado di infastidire i vichinghi sul campo di battaglia.
  • I Gallesi: situati a ovest, hanno buoni arceri.
  • Gli Irlandesi: il fatto di stare su un'isola in questo caso è più uno svantaggio che altro, perché le incursioni vichinghe potrebbero arrivare in qualsiasi punto. Le unità speciali saranno i kern: che prima di buttarsi in mischia lanceranno dei giavellotti, e i gallowglass, potenti unità da mischia.
  • I Vichinghi: i vichinghi partiranno in una situazione economica catastrofica, ma avranno tanti vantaggi:
  • avranno subito parecchie navi;
    • le loro navi si possono muovere di 3 territori marini a turno (invece che uno solo);
  • potranno partire in nave da un qualsiasi territorio, senza bisogno di un porto;
    • i proventi dovuti al saccheggio sono triplicati per i vichinghi (se saccheggiando una città, un inglese guadagna 1000 fiorini, un vichingo ne guadagnerà 3000).
    • hanno delle unità di fanteria incredibilmente potenti, nessuna fazione può reggere il confronto con la fanteria vichinga. Scarseggiano comunque di una buona arceria e come unica unità di cavalleria avranno i razziatori vichinghi, utili solamente a inseguire i nemici in rotta;
    • oltretutto è praticamente impossibile che qualcuno riesca a invadere i territori vichinghi, perché molto difficilmente una fazione inglese riuscirà a permettersi una flotta navale che riesca a infastidire le navi vichinghe, senza contare che i porti verranno continuamente distrutti dalle incursioni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]