Matematica pura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La matematica pura è costituita dalle aree della matematica che si occupano dei concetti completamente astratti. A partire dal diciottesimo secolo, la matematica pura, inizialmente chiamata anche matematica speculativa,[1] ha iniziato ad essere riconosciuta come categoria a sé stante di attività matematiche, distanziandosi dalle ricerche matematiche nate per rispondere ai problemi di navigazione, astronomia, fisica, ingegneria e molte altre. Un'altra possibile definizione della matematica pura è semplicemente quella di matematica non necessariamente applicata.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si vedano, per esempio, i titoli delle opere pubblicate da Thomas Simpson verso la metà del diciottesimo secolo: Essays on Several Curious and Useful Subjects in Speculative and Mixed Mathematicks, Miscellaneous Tracts on Some Curious and Very Interesting Subjects in Mechanics, Physical Astronomy and Speculative Mathematics.[1]
  2. ^ Andy Magid, Letter from the Editor, in Notices of the AMS, Novembre 2005, American Mathematical Society, p.1173. [2]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica