Mani lorde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mani lorde
Titolo originale The Undercover Man
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1949
Durata 85 min
Colore bianco e nero
Audio sonoro
Rapporto 1.37 : 1
Genere poliziesco, drammatico, noir, romantico
Regia Joseph H. Lewis
Soggetto Frank J. Wilson
Sceneggiatura Jack Rubin, Sydney Boehm, Malvin Wald
Produttore Robert Rossen
Casa di produzione Columbia Pictures Corporation
Fotografia Burnett Guffey
Montaggio Al Clark
Musiche George Duning
Scenografia Walter Holscher (art director)
William Kiernan (set decorator)
Costumi Jean Louis
Trucco Greta Ardine, Robert J. Schiffer
Interpreti e personaggi

Mani lorde (The Undercover Man) è un film del 1949 diretto da Joseph H. Lewis. Il film è conosciuto in Italia anche con il titolo Il capo della gang.[1]

È un film poliziesco statunitense a sfondo noir con Glenn Ford, Nina Foch e James Whitmore.

È basato sull'articolo del 26 aprile 1947 Undercover Man: He Trapped Capone dell'agente federale Frank J. Wilson (apparso su Collier) prima parte della autobiografia Undercover Man.n agente federale che intende porre fine alle attività di un potente boss del crimine organizzato (nel film l'ambientazione storica è stata cambiata dall'era del proibizionismo al dopoguerra, Chicago è diventata una metropoli senza nome e il nome "Capone" non viene mai enunciato).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, diretto da Joseph H. Lewis su una sceneggiatura di Jack Rubin, Sydney Boehm e Malvin Wald con il soggetto di Frank J. Wilson, fu prodotto da Robert Rossen[2] per la Columbia Pictures Corporation[3] e girato dal 4 maggio al 16 giugno 1948. Il titolo di lavorazione fu Chicago Story.[4]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito con il titolo The Undercover Man negli Stati Uniti dal 20 aprile 1949[5] (première il 21 marzo[4]) dalla Columbia Pictures.[3]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Svezia il 10 ottobre 1949 (Lagens fiende nr. 1)
  • in Danimarca il 2 novembre 1949 (Edderkoppen)
  • in Finlandia il 3 febbraio 1950 (Lain vihollinen)
  • in Norvegia il 22 giugno 1950
  • in Francia il 19 luglio 1950 (Le maître du gang)
  • in Portogallo il 1º novembre 1950
  • in Germania Ovest il 19 febbraio 1952
  • in Spagna il 17 marzo 1952 (Relato criminal)
  • in Austria nel dicembre del 1952 (Alarm in der Unterwelt)
  • in Portogallo il 18 settembre 2009 (Todos Os Que Falaram Morreram, Cinemateca Portuguesa)
  • in Brasile (O Czar Negro)
  • in Grecia (O ypokosmos tou Chicagou)
  • in Italia (Mani lorde)

Critica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il Morandini il film è "un poliziesco girato con lo stile semidocumentaristico in voga a Hollywood alla fine degli anni '40" caratterizzato però da diversi pregi tipici del regista, quali la sceneggitura asciutta, risvolti "onirici e grotteschi" e i tratti romantici.[1]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Le tagline sono:[6]

  • "TOLD WITH THE SNARL OF A MACHINE GUN! (original ad - all caps) ".
  • "Terrifying Criminal Rule! ".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b MYmovies. URL consultato il 25 aprile 2013.
  2. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 25 aprile 2013.
  3. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie. URL consultato il 25 aprile 2013.
  4. ^ a b (EN) American Film Institute. URL consultato il 25 aprile 2013.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Date di uscita. URL consultato il 25 aprile 2013.
  6. ^ (EN) IMDb - Tagline. URL consultato il 25 aprile 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema