Collier (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Collier's Weekly
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua inglese
Fondazione 1888
Chiusura 1957
 

Collier è stato un magazine statunitense.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Fondata da Peter Fenelon Collier (1849-1909) nel 1888 con il nome di Collier's Weekly, titolo accorciato poi a Collier in seguito. Collaborò anche il figlio Robert J. Collier a partire dal 1898, dal 1914 il nome della rivista cambiò in Collier's: The National Weekly. Alla morte di padre e figlio (nel 1918) la società venne data ai loro amici: Samuel Dunn, Harry Payne Whitney e Francis Patrick Garvan.

Collaborarono Charles Addams, Carl Anderson, Jan Berenstain, Sam Berman, Chesley Bonestell, Howard Chandler Christy, Sam Cobean, Harrison Fisher, James Montgomery Flagg, Robert Fawcett, A. B. Frost, Dave Gerard, Charles Dana Gibson, Denver Gillen, Vernon Grant, Jay Irving, Crockett Johnson, Hank Ketcham, Percy Leason, George Lichty, David Low, Paul Martin, Bill Mauldin, John Alan Maxwell, John Cullen Murphy, Virgil Partch, Frederic Remington, Mischa Richter, John Sloan, Frederic Dorr Steele, William Steig, Richard Taylor, Gluyas Williams e Gahan Wilson.

Termina la sua pubblicazione nel 1957.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]