Luisa Margherita di Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Luisa Margherita di Guisa)
Luisa Margherita di Lorena
Louise Marguerite de Lorraine Conty Anonyme Chantilly.jpg
Principessa di Conti
Nascita Castello di Blois, Francia, 1588
Morte Castello d'Eu, Francia, 30 aprile 1631
Luogo di sepoltura Collegiale Notre Dame et Saint Laurent, Eu, Francia
Padre Enrico di Lorena, Duca di Guisa
Madre Caterina di Clèves
Coniugi Francesco di Borbone
François de Bassompierre

Luisa Margherita di Lorena (Blois, 1588Eu, 30 aprile 1631) era la figlia ultimogenita del Duca di Guisa e membro del Casato di Lorena, sposata in prime nozze con Francesco di Borbone-Conti (1558-1614) e in seconde nozze con François de Bassompierre (1579-1646).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Luisa Margherita ricevette i suoi nomi di battesimo in onore delle sue due madrine, la regina di Francia Luisa di Lorena e la regina di Navarra Margherita di Valois. Non conobbe mai il padre e fu cresciuta dalla madre e dalla nonna paterna, Anna d'Este, nipote di Lucrezia Borgia e di Alfonso I d'Este.

Il 24 luglio 1605, per volere di Enrico IV, convolò a nozze nel castello di Meudon con Francesco di Borbone, principe di Conti. Il contratto matrimoniale era stato firmato il 1º maggio di quello stesso anno con l'intenzione di riunire in un forte vincolo l'antica dinastia di Lorena, da sempre cattolica, con la dinastia dei Borbone, di fede protestante.[1]

L'8 maggio 1610, al palazzo del Louvre, Luisa Margherita diede alla luce l'unico frutto di quel matrimonio: una bambina battezzata Maria che morì dopo dodici giorni dalla nascita e che fu sepolta nell'abbazia di Saint-Germain-des-Prés.

La morte di Francesco, avvenuta il 3 agosto 1614, rese vedova a ventisei anni Luisa Margherita, che da quel momento si dedicò con grande zelo allo studio della letteratura. Sostenne in veste di patrona molti scrittori del suo tempo, tra i quali vi erano François de Malherbe e Nicolas Renouard, che le dedicarono molte delle loro opere.

La principessa di Conti stessa scrisse delle opere: la prima ad essere pubblicata nel 1620 con lo pseudonimo di Sieur de Pilouse fu Roman Royale ou Adventures de la Cour, un libro sulla morale dei cortigiani francesi e in particolare sulle relazioni amorose di Enrico IV. Nel romanzo, basato su fatti reali, mescolò a questi eventi liberamente inventati.

Nel 1654 pubblicò il romanzo Histoire des Amours du Grand Alcandre, questa volta con il suo vero nome.

Luisa Margherita ebbe modo di scrivere circostanze che poteva osservare direttamente, poiché ricopriva il ruolo di dama d'onore, dapprima di Maria de' Medici, poi di Anna d'Austria, avendo modo di vivere per lungo tempo nella corte reale.

Durante gli scontri tra Maria de' Medici e il cardinale Richelieu, Luisa Margherita sostenne la regina-madre e quando la causa dei devoti fu sconfitta il 10 novembre 1630 (celebre giorno noto come: journée des dupes, la giornata degl'ingannati), la principessa cadde in disgrazia e fu esiliata nei suoi possedimenti materni a Eu. Vi morì il 30 aprile 1631.

In data non nota, tra il 1614 e il 1630, la principessa sposò il marchese François de Bassompierre, dal quale, stando a ciò che scrive Tallemant des Réaux, ebbe un figlio chiamato Francesco de la Tour, che morì subito dopo il padre.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Guisa
Duchi di Guisa
Armoiries ducs de Guise.svg

Claudio I (1528-1550)
Francesco I (1550-1563)
Enrico I (1563-1588)
Carlo I (1588-1640)
Enrico II (1640-1664)
Luigi Giuseppe I (1664-1671)
Francesco Giuseppe (1671-15675)
Maria I (1675-1688)
Modifica
Luisa Margherita di Guisa Padre:
Enrico di Guisa
Nonno paterno:
Francesco I di Guisa
Bisnonno paterno:
Claudio I di Guisa
Trisnonno paterno:
Renato II di Lorena
Trisnonna paterna:
Filippina di Gheldria
Bisnonna paterna:
Antonia di Borbone-Vendôme
Trisnonno paterno:
Francesco di Borbone-Vendôme
Trisnonna paterna:
Maria di Lussemburgo
Nonna paterna:
Anna d'Este
Bisnonno paterno:
Ercole II d'Este
Trisnonno paterno:
Alfonso I d'Este
Trisnonna paterna:
Lucrezia Borgia
Bisnonna paterna:
Renata di Francia
Trisnonno paterno:
Luigi XII di Francia
Trisnonna paterna:
Anna di Bretagna
Madre:
Caterina di Clèves
Nonno materno:
Francesco I di Nevers
Bisnonno materno:
Carlo II di Nevers
Trisnonno materno:
Engilberto di Nevers
Trisnonna materna:
Carlotta di Borbone-Vendôme
Bisnonna materna:
Maria d'Albret
Trisnonno materno:
Giovanni d'Albret
Trisnonna materna:
Carlotta di Valois-Borgogna
Nonna materna:
Margherita di Vendôme
Bisnonno materno:
Carlo IV di Borbone-Vendôme
Trisnonno materno:
Francesco I di Borbone-Vendôme
Trisnonna materna:
Maria di Lussemburgo-Saint-Pol
Bisnonna materna:
Francesca d'Alençon
Trisnonno materno:
Renato d'Alençon
Trisnonna materna:
Margherita di Lorena-Vaudémont

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

In lingua francese:

  • Jean Baptiste Joseph Boulliot, Biographie ardennaise. Ou Histoire des Ardennais qui se sont fait remarquer par leurs écrits, leurs actions, leurs vertus ou leurs erreurs. Volume 2. Paris 1830, S. 147–149 (PDF; 21,8 MB).
  • Hilarion de Coste, Les Éloges et les vies des reynes, des princesses, et des dames illustres en pieté, en courage & en doctrine, qui ont fleury de nostre temps, & du temps de nos peres. Volume 1. Cramoisy, Parigi 1647.
  • Jean Chrétien Ferdinand Hoefer, Nouvelle biographie générale depuis les temps les plus reculés jusqu'à nos jours, avec les renseignements bibliographiques et l'indication des sources à consulter. Volume 11. Firmin Didot, Parigi 1856, S. 663 – 665 (PDF; 94,9 MB).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le Historiettes di Gédéon Tallemant des Réaux sostengono che Enrico IV abbia considerato l'opzione di sposare la principessa della casa di Guisa, ma che in seguito vi avrebbe rinunciato per amore di Gabrielle d'Estrées. Nel 1591 infatti, quando il re conobbe Gabrielle, Luisa Margherita non aveva che circa tre anni, un'età inappropriata per un matrimonio.

Controllo di autorità VIAF: 44316813 LCCN: n85035387