Luigi's Mansion 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Luigi's Mansion 2
Luigi's Mansion 2 - copertina.png
Copertina europea
Titolo originale Luigi's Mansion: Dark Moon
Sviluppo Nintendo, Next Level Games
Pubblicazione Nintendo
Serie Mario
Data di pubblicazione Giappone 20 marzo 2013
Flags of Canada and the United States.svg 24 marzo 2013
Zona PAL 28 marzo 2013
Genere Azione
Modalità di gioco Giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Nintendo 3DS
Fascia di età ESRB: E
PEGI: 7
USK: 6
Preceduto da Luigi's Mansion

Luigi's Mansion 2 (ルイージマンション2 Ruīji Manshon 2?), conosciuto in Nord America con il nome di Luigi's Mansion: Dark Moon, è un videogioco d'azione per Nintendo 3DS, appartenente alla serie di Mario. È il sequel del videogioco per Nintendo GameCube Luigi's Mansion, uscito nel 2002. Il protagonista è Luigi, il fratello di Mario, che per la terza volta nella serie è il personaggio principale (dopo Mario Is Missing! e Luigi's Mansion).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La Luna Scura, un misterioso corpo celeste, appare nel cielo di Cupavalle. Essa ha il potere di calmare i fantasmi e di renderli amichevoli e meno aggressivi (pur mantenendo la loro natura scherzosa) e il professor Strambic ne approfitta per socializzare con loro e studiarli. Una sera, però, Re Boo rompe la Luna Scura coi suoi poteri e la sparge per tutta Cupavalle. Senza la Luna Scura, gli spiriti ritrovano la loro natura aggressiva e quelli che stavano aiutando Strambic lo attaccano, costringendolo a rifugiarsi in un bunker anti-spettro. Toccherà a Luigi salvare la disastrosa situazione nella quale grava Cupavalle grazie al Poltergust 5000 e impedire a Re Boo di formare la sua spettrale armata di fantasmi con lo scopo di conquistare il Regno dei Funghi. Luigi verrà inoltre aiutato da Strambic grazie al "Doppio Strillo" (Double Scream), che lo guiderà attraverso il gioco fornendogli la posizione dell'obiettivo da raggiungere o consigli sul da farsi. Luigi dovrà affrontare tutte le sue paure per recuperare i cinque dei sei frammenti mancanti di Luna Scura rubati dagli spettri e per salvare Mario (rinchiuso in un quadro dai Boo) e il Regno dei Funghi.

Le magioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco, a differenza del predecessore, Luigi dovrà disinfestare dai fantasmi non più una, ma ben cinque magioni; ognuna con una sua ambientazione. Le ville sono le seguenti:

  • Maniero Tenebroso (Gloomy Manor): è la prima villa che Luigi deve disinfestare. Dentro vi lavorava Strambic per studiare i fantasmi ed è dove Luigi trova il Poltergust 5000 e il secondo frammento di Luna Scura. Ha un'ambientazione medievale.
  • Torri Tetre (Haunted Towers, lett. "Torri Infestate"): è la seconda villa che Luigi deve disinfestare. È piena di piante e ciò fa pensare che sia un vecchio laboratorio botanico. Qui Luigi recupererà il terzo frammento di Luna Scura. Ha un'ambientazione basata sulla giungla.
  • La fabbrica di orologi (Old Clockworks, lett. "Antica orologeria"): è la terza villa che Luigi deve disinfestare per trovare il quarto frammento di Luna Scura. Come dice il nome è una vecchia e abbandonata fabbrica di orologi. Ha un'ambientazione desertica.
  • La miniera segreta (Secret Mine): è la quarta villa che Luigi disinfesta, e nella quale Luigi trova il quinto frammento di Luna Scura. Prima era una ricca e fiorente miniera di cristalli e carbone, ma, abbandonata per motivi sconosciuti, è diventata il luogo dove i fantasmi si potenziano grazie ai cristalli energizzanti trovati lì. Ha un'ambientazione basata sul clima glaciale e d'alta montagna.
  • Villa Villana (Treacherous Mansion, lett. "Villa Infida"): la quinta e ultima magione che Luigi disinfesta. È il quartier generale di Re Boo ed è da lì che Re Boo intende cominciare l'invasione. Villa Villana era (ed è) un museo e si trova su un precipizio; ed è qui che Luigi combatte Re Boo e trova il sesto e ultimo frammento di Luna Scura. L'ambientazione di Villa Villana è ripresa in parte dalle altre magioni; essendo un museo su Cupavalle.

Novità[modifica | modifica wikitesto]

La novità principale che riguarda la trama del gioco è la possibilità di disinfestare più ville, mentre in Luigi's Mansion era possibile disinfestare un'unica villa.

Un'altra grande novità riguarda il multiplayer. Infatti si potrà giocare fino a quattro giocatori online, in locale o in Modalita Download, permettendo così di giocare anche con chi non ha la cartuccia di gioco. Grazie alla "Torre del Caos" (Thrill Tower), sono disponibili tre modalità:

  • Modalità "Cacciatore": i Cacciaspettri dovranno disinfestare il piano della Torre dai fantasmi entro un tempo limite
  • Modalità tempo: i Cacciaspettri dovranno trovare la stanza con una botola che permette l'accesso al piano superiore
  • Modalità "Poltercuccioli": i Cacciaspettri, grazie all'Arcobaluce, dovranno trovare il cosiddetto "poltercucciolo" (un cane fantasma) entro un tempo limite.

Ogni volta che si completa un piano della Torre verrà offerta al giocatore la possibilità di raccogliere quattro monete rosse; così facendo si otterrà un potenziamento o un accessorio che aiuterà i giocatori nell'impresa.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è stato presentato per la prima volta il 7 giugno 2011 all'E3 da Shigeru Miyamoto. È uscito in Europa il 28 marzo 2013. Pertanto durante il mese di febbraio, e anche prima, fu annunciato il gioco al "Nintendo 3DS Direct".

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è stato accolto assai positivamente sia dalla critica italiana che da quella estera:

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'introduzione del gioco, poco prima che il professor Strambic chiami Luigi, si può vedere il manifesto che indicava il palazzo vinto da Luigi in Luigi's Mansion
  • In Super Smash Bros. per Nintendo 3DS e Wii U il nuovo Smash finale di Luigi consiste proprio nell'usare il Poltergust 5000 contro gli avversari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione Multiplayer.it. URL consultato il 6 aprile 2013.
  2. ^ Recensione GameRepublic. URL consultato il 6 aprile 2013.
  3. ^ Recensione Metacritic. URL consultato il 6 aprile 2013.
  4. ^ Recensione IGN. URL consultato il 6 aprile 2013.
  5. ^ Recensione GameInformer. URL consultato il 6 aprile 2013.
  6. ^ Recensione Nintendolife. URL consultato il 6 aprile 2013.
  7. ^ Recensione GamesVillage. URL consultato il 6 aprile 2013.
  8. ^ Recensione GameSurf. URL consultato il 21 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]