Litocranius walleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gerenuk
Lightmatter gerenuk.jpg
Gerenuk femmina
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Genere Litocranius
Specie L. walleri
Nomenclatura binomiale
Litocranius walleri
Brooke, 1878
Sinonimi

gherenuc, gazzella giraffa, antilope giraffa

Il gerenuk o gherenuc (Litocranius walleri) è un'antilope dell'Africa orientale. Ha un collo pronunciato e mangia le foglie più alte degli alberi, cosa che la rendono simile alla giraffa; per questo motivo viene anche chiamata gazzella giraffa o antilope giraffa. Anche i nomi locali riflettono questa similitudine: "gerenuk", in somalo, significa "col collo da giraffa", e il nome swahili swala twiga significa proprio "gazzella giraffa".

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il gerenuk può pesare fino a 52 kg e superare l'altezza di 1 m al garrese, ed è in grado di reggersi sulle zampe posteriori per brucare le foglie più alte degli alberi. Durante la stagione dell'accoppiamento, il collo del maschi può apparire notevolmente ingrossato. I maschi hanno corte corna che ricordano i bracci di una lira. Il manto è rossiccio sul dorso, più chiaro sui fianchi e bianco nelle parti inferiori del corpo.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Gerenuk al pasto nella Samburu National Reserve, Kenya

I gerenuk sono timidi e difficili da avvicinare. Se spaventati, corrono con il collo abbassato in avanti, in modo da poter passare sotto i rami. Si spostano in branchi dai 3 ai 10 individui.

A differenza delle altre antilopi, i gerenuk non si nutrono di vegetazione bassa, ma delle foglie degli alberi.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Una delle aree naturali protette con una popolazione di gerenuk più significativa è la Samburu National Reserve, in Kenya. L'animale si trova anche in alcune zone di Tanzania, Somalia ed Etiopia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi