Berbera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Berbera
città
Barbara
Berbera – Veduta
Localizzazione
Stato Somalia Somalia
Regione Saaxil
Distretto Non presente
Territorio
Coordinate 10°26′N 45°01′E / 10.433333°N 45.016667°E10.433333; 45.016667 (Berbera)Coordinate: 10°26′N 45°01′E / 10.433333°N 45.016667°E10.433333; 45.016667 (Berbera)
Altitudine m s.l.m.
Abitanti 242 000 (2005)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Somalia
Berbera

Berbera è una città della regione (gobolka) del Sahel della Somalia, parte della Repubblica del Somaliland (stato non riconosciuto a livello internazionale). Berbera è anche un importante scalo marittimo, dato che è il solo porto riparato che si trova nella parte meridionale del Golfo di Aden; nel 2005 contava approssimativamente su una popolazione di 240.000 abitanti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La città fu descritta per la prima volta, con il nome di Malao, nel Periplus maris erythraei, un documento risalente al I secolo[1], e successivamente, con il nome di Bobali, da mercanti cinesi e arabi, che parlano di un fiorente mercato di schiavi, avorio e ambra grigia. Nel 1518 fu saccheggiata dal capitano portoghese Antonio de Saldanha, e poco dopo (1546) cadde sotto il dominio dell'Impero Ottomano, che le preferì però la vicina Zeila come capitale della Somalia nordoccidentale[2].

In epoca coloniale Berbera fu capitale della Somalia britannica fino al 1940, quando venne temporaneamente occupata dalle vicine forze italiane presenti nell'Africa Orientale Italiana. Nel 1941 venne riconquistata dai britannici.

Nel periodo post-indipendenza, Berbera è stata somministrata nella provincia di Woqooyi Galbeed della Somalia. Dopo il crollo del governo centrale somalo e l'inizio della guerra civile nel Somailand molti edifici della città sono stati rovinati, tuttavia ultimamente sono in corso diverse ristrutturazioni.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Situata su una strategica rotta petrolifera, Berbera ha inoltre delle strutture portuali in alto mare, che sono state completate nel 1969. Punto terminale delle strade da e per Hargheisa e Burao; i principali prodotti che vengono esportati dal suo scalo sono pecore, gomma arabica, franchincenso e mirra.

Dopo la guerra tra Eritrea ed Etiopia, la città è inoltre diventata il maggiore porto per le esportazioni provenienti dall'Etiopia, e tutt'oggi queste esportazioni costituiscono la principale risorsa economica del Somaliland.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Prima della guerra civile, Berbera contava anche di un piccolo arsenale militare, costruito dai sovietici e utilizzato anche dagli americani, che oggi comunque è inglobato nel porto commerciale.

Nelle vicinanze della città, è presente inoltre una pista per gli atterraggi di emergenza degli Space Shuttle americani.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Periplus of the Erythraean Sea, ch. 8
  2. ^ I.M. Lewis, A Modern History of the Somali, fourth edition (Oxford: James Currey, 2002), p.21

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]