Uebi Scebeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo sommergibile della Regia Marina, vedi Uebi Scebeli (sommergibile).
Uebi Scebeli
Stati Etiopia Etiopia
Somalia Somalia
Suddivisioni Oromia (Etiopia)
Somali (Etiopia)
Hiran (Somalia)
Medio Scebeli (Somalia)
Basso Scebeli (Somalia)
Medio Giuba (Somalia)
Basso Giuba (Somalia)
Lunghezza 2,050 km
Portata media 3 000-1 m³/s
Bacino idrografico 194.000 km²
Altitudine sorgente 2.680 m s.l.m.
Nasce Acrocoro Etiopico
Sfocia Shab Giuba
Mappa del fiume

L'Uebi Scebeli (con numerose variazioni del nome, tra cui Shebelle, Shabele e Shabell; in somali Shabeelle) è un fiume che nasce nell'Acrocoro Etiopico e scorre verso sudest entrando in Somalia, per poi passare non molto distante da Mogadiscio. Il nome significa "fiume dei leopardi". La sua esplorazione avvenne nel corso del XIX secolo, ma solo nel 1928/29 ne fu eseguito un rilievo sistematico dalle sorgenti alla foce da parte del Duca degli Abruzzi. Il Duca ne rimase così colpito che chiese, alla sua morte, di essere sepolto vicino alla sua riva.

Vicino a Mogadiscio gira in una netta curva verso sudovest a causa delle dune costiere e si mantiene parallelo alla costa per quasi 400 chilometri. La portata del fiume diventa periodica; nella stagione delle piogge arriva a confluire con il Giuba e quindi a sfociare nell'Oceano Indiano, ma talvolta si prosciuga prima.

È lungo 2050 km, di cui 1150 in Etiopia e 900 in Somalia e la sua portata è piuttosto ampia, considerata la media africana, anche se torrentizia. Durante il periodo coloniale le sue acque furono utilizzate per l'irrigazione di vasti comprensori nella zona di Villabruzzi e di Genale.