International Commission for Optics

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La International Commission for Optics (ICO) è stata creata nel 1947 con l'obiettivo di contribuire al progresso e alla diffusione della conoscenza nel campo dell'ottica.

È un Scientific Associate dell'International Council for Science (ICSU) e un Affiliated Commission della International Union of Pure and Applied Physics (IUPAP).

Storia[modifica | modifica sorgente]

La riunione preparatoria, decisa durante l'assemblea generale dell'International Union of Pure and Applied Physics (IUPAP), in cui si sono gettate le basi della commissione, è avvenuta nel giugno 1947 a Praga in Cecoslovacchia ed erano presenti 15 delegati di otto nazionalita' diverse (Belgio, Cecoslovacchia, Francia, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Svezia) e si era registrato l'interresamento di altre cinque nazioni i cui delegati none rano riusciti a partecipare (Danimarca, Finlandia, Norvegia, Svizzera e Stati Uniti d'America).

Il primo congresso è avvenuto nel luglio 1948 a Delft, in Olanda Meridionale e ha visto 11 nazioni divenire le fondatrici della commissione: Belgio, Cecoslovacchia, Francia, Gran Bretagna, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Svezia, Svizzera e USA.

Negli anni altre nazioni si sono aggiunte e nel 1996 facevano parte della commissione: USA (con 18 rappresentanti), Francia (15 rappresentanti), Gran Bretagna (13 rappresentanti), Paesi Bassi, Germania e Giappone (8 rappresentanti ognuno), Italia (7 rappresentanti), Polonia (6 rappresentanti), Australia e Spagna (5 rappresentanti ognuna), Cecoslovacchia, Svezia e Canada (4 rappresentanti ognuna), Ungheria, URSS (Russia), Messico, Corea, Cina (Chinese Optical Society) e Finlandia (2 rappresentanti ognuno), Belgio, Austria, Taiwan (Optical Engineering Society di Taipei) e Israele (1 rappresentante ognuno).[1]

Obbiettivi[modifica | modifica sorgente]

Tra le attività dell'ICO vi è l'organizzazione e la sponsorizzazione di congressi e incontri nelle scuole. Organizza un Traveling Lecturer Program e tre premiazioni annuali, gli ICO awards (ICO Prize, Galileo Galilei Award, ICO/ICTP Award); oltre a questo pubblica una newsletter periodica e una serie di libri, sempre nel campo dell'ottica.

Presidenza dell'ICO[modifica | modifica sorgente]

  • 1947-1948: Prof. Thomas Smith, Londra, Gran Bretagna
  • 1949-1955: Prof A.C.S. van Heel, Olanda
  • 2005-2008: Prof. Ari T. Friberg, Royal Institute of Technology, Department of Microelectronics and Information Technology, Stoccolma, Svezia.

Vincitori degli ICO Awards[modifica | modifica sorgente]

ICO Prize[modifica | modifica sorgente]

Creato nel 1982, premia gli studiosi che hanno pubblicato ricerche di elevato interesse nelc ampo dell'ottica prima dei 40 anni.

  • 1982 Antoine Labeyrie, Francia
  • 1983 James R. Fienup, USA
  • 1984 J. Christopher Dainty, Regno Unito
  • 1985 Sergei I. Stepanov, USSR
  • 1986 Kensuke Ikeda, Giappone
  • 1987 Alain Aspect, Francia
  • 1988 non è stato assegnato nessun premio
  • 1989 Demetri Psaltis, USA
  • 1990 Rosario Martinez-Herrero, Spagna
  • 1991 David A.B. Miller, Regno Unito e USA
  • 1992 Wolfgang Peter Schleich, Germania
  • 1993 Aleksander K. Rebane, Estonia
  • 1994 Emmanuel Desurvire, Francia
  • 1995 Tony F. Heinz, USA
  • 1996 Vladimir Buzek, Slovacchia
  • 1997 Andrew M. Weiner, USA
  • 1998 David Mendlovic, Israele e Haldun Ozaktas, Turchia
  • 1999 Hugo Thienpont, Belgio
  • 2000 Stefan W. Hell, Germania
  • 2001 Nabeel A. Riza, Pakistan e USA
  • 2002 Prize not accorded
  • 2003 Benjamin J. Eggleton, Australia
  • 2004 Ashok V. Krishnamoorthy, India e USA
  • 2005 Immanuel Bloch, Germania
  • 2006 Hideyuki Sotobayashi, Giappone

ICO Galileo Galilei Award[modifica | modifica sorgente]

Il premio viene dato a chi ha effettuato contributi di eccezionale interesse nel campo dell'ottica, in regioni con condizioni economiche e sociali particolarmente difficoltose e scarso accesso ad attrezzature e informazioni scientifiche. La medaglia d'argento raffigurante Galileo Galilei che viene assegnata ai vincitori del premio è donata dalla Società Italiana di Ottica e Fotonica italiana.

  • 1994 Ion N. Mihailescu, Romania
  • 1995 Rajpal S. Sirohi, India
  • 1996 Daniel Malacara, Messico
  • 1997 Natalyia D. Kundikova, Russia
  • 1998 Ajoy K. Ghatak, India
  • 1999 Mario Garavaglia, Argentina
  • 2000 Vladimir P. Lukin, Russia
  • 2001 Kehar Singh, India
  • 2002 Rashid A. Ganeev, Uzbekistan
  • 2003 Cid B. de Araujo, Brasile
  • 2004 Milivoj Belic, Serbia e Montenegro e Caesar Saloma, Filippine, ex aequo
  • 2005 Valentin Vlad, Romania
  • 2006 Mohammed M. Shabat, Gaza, Palestina

ICO/ICTP Award[modifica | modifica sorgente]

Riservato ai giovani ricercatori (meno di 40 anni) dei paesi in via di sviluppo che hanno effettuato ricerche nel campo dell'ottica nelle loro nazioni.

  • 2000: Arbab Ali Khan, Pakistan
  • 2001: Arashmid Nahal, Iran e Fernando Perez Quitian, Argentina
  • 2002: Alphan Sennaroglu (Turchia)
  • 2003: Robert Szipöcs (Ungheria)
  • 2004: Imrana Ashraf Zahid, Pakistan e Revati Nitin Kulkarni, India
  • 2005: Sarun Sumriddetchkajorn, Thailandia
  • 2006: Hector Manuel Moya-Cessa, Messico

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) A short history of ICO, dal sito ufficiale

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]