Insonnia familiare fatale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

L'insonnia familiare fatale (IFF) è una malattia da prioni, di derivazione da una mutazione autosomica dominante con degenerazione a carico dei nuclei del talamo e della corteccia cerebellare, dovuta a un gene PrPc mutato che ha facilità a ripiegarsi in modo errato nella forma prionica. Causando insonnia totale (impossibilità di dormire completamente)

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

È caratterizzata da insonnia progressiva, alterazioni del ritmo sonno-veglia, ipertensione, tachicardia, tachipnea, andatura atassica, disturbi comportamentali. Quando la malattia è in stadio avanzato, si presentano anche allucinazioni, demenza e paranoia.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

L'età di esordio varia dai 30 ai 60 anni.

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

La prognosi è sempre sfavorevole. Il decorso dura in media dai 7 ai 18 mesi prima del decesso.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione, Milano, Springer-Verlag, 2008. ISBN 978-88-470-0707-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina