Il clan dei Barker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il clan dei Barker
Il clan dei Barker.png
I membri del clan.
Titolo originale Bloody Mama
Paese di produzione USA
Anno 1970
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere gangster
Regia Roger Corman
Soggetto Don Peters, Robert Thorn
Sceneggiatura Robert Thorn
Fotografia John A. Alonzo
Montaggio Eve Newman
Effetti speciali A.D. Flowers
Musiche Guy Hemric, Don Randi, Bob Silver
Scenografia Michael Ross
Interpreti e personaggi

Il clan dei Barker (Bloody Mama) è un film del 1970 diretto da Roger Corman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I Barker sono una famiglia americana di campagna, formata da quattro fratelli, una mamma e un padre; proprio quest'ultimo verrà abbandonato dalla propria famiglia in cerca di fortuna nel campo malavitoso. Siamo alle porte della crisi della borsa degli anni trenta e in quegli anni le rapine alle banche erano all'ordine del giorno, e proprio i Barker si specializzano in questo tipo di crimini, arraffando qua e là qualche "centone"; tra gli altri crimini commessi è da ricordare anche il sequestro di persona con richiesta di riscatto a una ricca famiglia di industriali. Ma gli sfortunati e tristi avvenimenti portano prima alla morte del più piccolo dei fratelli per overdose e, in seguito a un intervento della polizia in uno dei loro nascondigli, anche alla morte degli altri fratelli, di un amico di famiglia e infine della madre, vedendo così svanire i sogni di ricchezza e di prosperità per la sua famiglia.

Commento[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è gangsteristico. Il ritratto è quello di una famiglia sanguinaria sostenuto da un buon ritmo e una buona caratterizzazione; come scriverà G.Turroni, il film è allo stesso tempo una satira nei confronti dei miti della società americana, condito da una pietà e da un moralismo tipici dell'epoca e un tentativo di utilizzare il cinema per narrare la storia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Ispirato a una storia vera

  1. ^ "Dizionario del cinema americano", di Fernaldo Di Giammatteo, Editori Riuniti, Roma, 1996, pag.66

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema