Guerra dei satelliti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra dei satelliti
Titolo originale War of the Satellites
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1958
Durata 66 min
Colore bianco e nero
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia Roger Corman, Roger Corman, Jack Rabin
Soggetto Irving Block, Jack Rabin
Sceneggiatura Lawrence L. Goldman
Produttore Irving Block, Roger Corman
Casa di produzione Allied Artists Pictures, Santa Cruz Productions
Fotografia Floyd Crosby
Montaggio Irene Morra
Effetti speciali Irving Block, Louis DeWitt, Jack Rabin
Musiche Walter Greene
Scenografia Daniel Haller
Trucco Stanley Orr
Interpreti e personaggi

Guerra dei satelliti (War of the Satellites) è un film di fantascienza statunitense del 1958 diretto da Roger Corman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che gli esseri umani hanno messo a punto un progetto per colonizzare lo spazio con l'immissione in orbita del primo satellite, una razza aliena, tecnologicamente avanzata e contraria ad una possibile diffusione della razza umana nello spazio, distrugge un satellite appena mandato in orbita dalla Terra con uno scudo costituito da una misteriosa forza.

Quindi gli alieni uccidono il dottor Pol Van Ponder, che è a capo del progetto e che aveva scoperto un modo per oltrepassare il misterioso scudo con un nuovo lancio, e lo sostituiscono con un clone. A scoprire l'inganno è Dave Boyer, assistente di Van Ponder. Gli alieni lanciano poi l'ultimatum alle Nazioni Unite e al governo americano per farli desistere dalla continuazione del progetto mettendo in una sorta di quarantena l'intera Terra tramite uno scudo spaziale. Gli alieni ritengono che l'umanità sia una razza ancora troppo immatura per poter colonizzare lo spazio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Allied Artists Pictures e dalla Santa Cruz Productions e diretto nel 1958 da Roger Corman con un budget stimato in 70.000 dollari.[1] Fu distribuito nel periodo del lancio del satellite Sputnik e la produzione intendeva sfruttare il clamore della notizia del lancio del primo satellite artificiale in orbita intorno alla Terra. Il trentaduenne Roger Corman interpreta in un cameo un ufficiale in una base missilistica.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guerra dei satelliti - Box office / incassi. URL consultato l'11 settembre 2011.
  2. ^ Guerra dei satelliti - Date di uscita. URL consultato l'11 settembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]