Francolinus francolinus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Francolino nero
Black Francolin.jpg
Francolinus francolinus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Galliformes
Famiglia Phasianidae
Sottofamiglia Perdicinae
Genere Francolinus
Specie F. francolinus
Nomenclatura binomiale
F. francolinus
(Linnaeus, 1766)
Sinonimi

Tetrao francolinus
Linnaeus, 1766

Sottospecie
  • F. f. francolinus
  • F. f. arabistanicus
  • F. f. asiae
  • F. f. bogdanovi
  • F. f. henrici
  • F. f. melanonotus

Il francolino nero (Francolinus francolinus Linnaeus, 1766), è un uccello appartenente alla famiglia Phasianidae, diffuso in Asia meridionale.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il francolino nero è un uccello lungo dai 33 ai 36 cm, con un'apertura alare di 50–55 cm ed un peso di 320-550 g; presenta dimorfismo sessuale, come molti altri Galliformes. Il maschio ha ventre, gola e addome neri con macchie bianche. Il dorso e la corta coda presentano sottili striature trasversali bianche su fondo nero. Collare e sottocoda sono bruno-rossicci, i lati del capo sono neri, mentre la nuca e le ali hanno un disegno bruno-castano. La macchia auricolare bianca è caratteristica del maschio. La femmina presenta un piumaggio piuttosto uniforme, che garantisce il mimetismo con il terreno, bruno-giallastro con fitte macchie scure sul ventre a forma di Y, più chiaro ai lati della testa, sul sopracciglio e sulla gola. La nuca presenta una fascia ruggine, meno estesa rispetto a quella del maschio[3][4].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Il francolino nero è un uccello stanziale e territoriale. Spesso è solitario in natura, specialmente durante il periodo riproduttivo mentre in cattività è più gregario[5].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il francolino nero si nutre di semi, piccole piante e bacche, invertebrati (lombrichi, molluschi, insetti e loro larve), piccoli rettili e anfibi.[3] e  piccoli topi[6]

Predatori[modifica | modifica wikitesto]

I principali predatori sono rappresentati da volpi, rapaci e cinghiali.[3]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Uova della sottospecie F. f. francolinus

Questa specie monogama si accoppia tra marzo e agosto e depone in un’unica covata circa 7-12 uova in un nido ricavato in una depressione del terreno[4]. Le uova, di colore variabile dal bruno chiaro al verde oliva, talvolta punteggiate di bianco[7], sono incubate dalla femmina per 18-19 giorni. I piccoli sono accuditi tutto l’inverno da entrambi i genitori. Durante il periodo riproduttivo il maschio emette richiami ad intervalli di 10-15 secondi, posizionandosi su una roccia o su un cumulo di terra per attrarre l’attenzione della femmina[3]. Durante il corteggiamento, il maschio raccoglie del cibo per presentarlo alla femmina, lasciandolo cadere ripetute volte. Se la femmina non risponde subito (accettando il cibo che il maschio le offre), il maschio intensifica i suoi sforzi, amplificando i movimenti della testa ed emettendo un canto ancora più sonoro[8][9].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa in Turchia, Cipro, Israele, Palestina, Siria, Giordania, Iraq, Armenia, Azerbaigian, Georgia, Iran, Turkmenistan, Afghanistan, Pakistan, India, Nepal e Bhutan; è stato inoltre introdotto in Portogallo, è incerta la sua presenza in Libano, e probabilmente è ormai estinto in Bangladesh e Arabia Saudita.[1]

Sembra privilegiare ecotoni di collina o di pianura, con presenza di praterie e in prossimità di aree paludose, o di corsi d’acqua e di delta fluviali[4], campi coltivati (spesso a colture cerealicole), vigneti e frutteti (in media fino a 400–600 m slm).

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La specie è politipica: si riconoscono su base morfologica e genetica le seguenti sottospecie, così distribuite[10]:

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List classifica Francolinus francolinus come specie a basso rischio (Least Concern).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) BirdLife International, Francolinus francolinus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Phasianidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 5 maggio 2014.
  3. ^ a b c d Cramp S. & Simmons K.E.L. (1980) The Birds of the Western Palearctic Volume II. Oxford University Press, Oxford, New York, pg 805-873.
  4. ^ a b c Madge S., McGowan P. (2002). Pheasants, partridges and grouses. A, C Black Ltd. (Eds.), London, UK, pg 192-194.
  5. ^ Baldacci U. (1964). Il francolino, sua reintroduzione in Europa. Nistri-Lischi Editori, Pisa, Italy
  6. ^ Ali S., Ripley S.D. (1980). Handbook of the birds of India and Pakistan, together with those of Bangladesh, Nepal, Bhutan and Sri Lanka. Oxford University Press, Oxford, UK; 21-25
  7. ^ Oates E. W. (1898). A manual of the game birds of India: part I- Land Birds. In: Messrs. A. J. Combridge, Co. (Eds), Bombay, Indian Union: 156-160
  8. ^ Stokes A.W., Warrington Williams H. (1971). Courtship feeding in Gallinaceous birds. Auk, 88: 543-559
  9. ^ Stokes A.W., Warrington Williams H. (1972). Courtship feeding calls in Gallinaceous birds. Auk, 89: 177-180
  10. ^ http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1055790312002631 Forcina et al. 2012. Molecular evolution of the Asian francolins (Francolinus, Galliformes): A modern reappraisal of a classic study in speciation.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]