Francisco Madero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francisco Madero
Francisco I Madero.jpg

Presidente del Messico
Durata mandato 6 novembre 1911 –
19 febbraio 1913
Predecessore Francisco León de la Barra
Successore Pedro Lascuráin

Dati generali
Partito politico Partito Costituzionale Progressista

Francisco Ignacio Madero (Parras de la Fuente, 30 ottobre 1873Città del Messico, 22 febbraio 1913) è stato un politico messicano. È considerato un paladino della democrazia messicana e propugnatore di profonde riforme sociali. È stato Presidente del Messico dal 6 novembre 1911 al 18 febbraio 1913.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1910 Francisco Ignacio Madero si candidò alle elezioni contro Porfirio Díaz; con il piano di San Luis iniziò l'insurrezione armata contro il Porfiriato, culminata con nella presa di Ciudad Juarez il 10 maggio 1911. Questa prima fase della rivoluzione messicana, prende il nome di "Insurrezione maderista", essendo lanciata e capeggiata proprio da lui. Maderisti si chiamarono inizialmente tutti coloro che, in nome del suo Piano de San Luis, cominciarono a combattere più o meno ai suoi ordini diretti, anche se dopo la sua morte si ritrovarono su posizioni differenti o addirittura ostili. Sotto la sua direzione politica, combatterono in quel periodo tutti quei personaggi destinati subito o negli anni seguenti a diventare leggende della Rivoluzione, alcuni dei quali diventeranno decisivi negli eventi futuri: Dynamite Devil, Peppino Garibaldi, Pascual Orozco, Alvaro Obregon, e naturalmente Pancho Villa.

La rivolta maderista riuscì a far cadere Dìaz e a portare Madero alla carica di presidente nel 1911, ma il fatto però che lo stesso Madero mantenesse sostanzialmente una struttura di potere simile alla precedente, in aggiunta alle mancate riforme agrarie e sociali promesse, provocò una nuova insurrezione guidata da Emiliano Zapata.

Madero a questo punto designò il generale Victoriano Huerta come capo per combattere la rivolta di Zapata, ma questi lo fece incarcerare e assassinare nel febbraio 1913, attuando così un contro-colpo di Stato conservatore passato alla storia come Decena Tragica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Messico Successore Flag of Mexico.svg
Francisco León de la Barra 6 novembre 1911 - 18 febbraio 1913 Pedro Lascuráin Paredes

Controllo di autorità VIAF: 2639327 LCCN: n50043634