Emilio Portes Gil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emilio Portes Gil
Emilio Portes, portrait.jpg

Presidente del Messico
Durata mandato 1 dicembre 1928 –
4 febbraio 1930
Predecessore Plutarco Elías Calles
Successore Pascual Ortiz Rubio

Dati generali
Partito politico Partito Rivoluzionario Istituzionale

Emilio Portes Gil (Ciudad Victoria, 3 ottobre 1890Città del Messico, 10 dicembre 1978) è stato un politico messicano.

È stato il 39° presidente del Messico dal 30 novembre 1928 al 5 febbraio 1930.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Uomo di legge e magistrato, nel 1916 divenne deputato al Congresso federale del Messico, dal 1925 al 1928 fu governatore dello Stato di Tamaulipas; dopo l'assassinio,il 17 luglio 1928, del presidente del Messico Álvaro Obregón, appena rieletto, Emilio Portes Gil venne nominato dal Congresso presidente provvisorio, carica che mantenne fino al 4 febbraio 1930. Durante la sua presidenza, il presidente messicano portò avanti la riforma agraria iniziata dai predecessori e pubblicò il nuovo Codice del lavoro. Dopo la scadenza del mandato, fu tra i fondatori del Partito Rivoluzionario Istituzionale, in cui confluirono tutte le anime della rivoluzione, ormai dominata dalla borghesia e dai ceti medi, di fu presidente per un quinquennio (1930 - 1935). Successivamente, Portes Gil fu il delegato messicano alla Società delle Nazioni e ministro degli Esteri tra il 1934 e il 1935 nel gabinetto del presidente Lázaro Cárdenas del Río. Morì a Città del Messico il 10 dicembre 1978.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Messico Successore Coat of arms of Mexico.svg
Plutarco Elías Calles 1928 - 1930 Pascual Ortiz Rubio

Controllo di autorità VIAF: 8571249 LCCN: n83157636