Franceschetto Cybo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Cybo (Napoli, 1450 circa – Roma, 25 luglio 1519) fu il figlio naturale (regolarmente legittimato) del pontefice Innocenzo VIII (Giovanni Battista Card. Cybo).

Stemma della famiglia Cybo

Coat of arms of the House of Cybo.svg


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, per motivi politici, la figlia di Lorenzo il Magnifico, Maddalena de' Medici e fu quindi cognato del pontefice Leone X (Giovanni Card. de' Medici), fratello di Maddalena. Insieme la coppia ricevette in appannaggio il Palazzo Pazzi, confiscato vent'anni prima ai responsabili della Congiura dei Pazzi.
Tuttavia, Franceschetto era un personaggio alquanto dissoluto e dedito al gioco a tal punto da avere più volte problemi finanziari. Grazie al padre, venne più volte favorito ad assumere cariche del Stato Pontificio, come quella di Capitano generale della Chiesa. Il padre Innocenzo VIII, nel 1484, lo nominò conte di Ferentillo, feudo che i suoi discendenti mantennero fino al 1730. Nel 1488 divenne governatore di Roma e delle armi della Chiesa. Nel 1490 venne infeudato di Cerveteri ed Anguillara, oltre ad ottenere il titolo di Conte del Sacro Palazzo Lateranense.[1]

Sempre nel 1490, cercò di impossessarsi del tesoro della Chiesa.

Nel 1492, a seguito della morte del padre, se ne andò da Roma e soggiornò tra la Toscana e Genova. Solo con l'elezione di papa Giulio II (1503), un alleato della sua fazione familiare, poté tornare a Roma. Dal nuovo papa ricevette ancora favori: ottenne dapprima l'investitura del Ducato di Spoleto, poi, nel 1515, diventò barone romano e nel 1516 nobile di Viterbo.

Morì nel 1519 d'indigestione a un pranzo offerto dal re di Tunisi Mulah Mohammed. È sepolto in San Pietro, accanto al sepolcro del padre Innocenzo VIII.

Ebbe in tutto sette figli, alcuni dei quali morti infanti, altri di grande importanza per la storia rinascimentale tra cui Innocenzo, cardinale e poi arcivescovo di Torino e Lorenzo che, sposando Ricciarda Malaspina creò il ramo collaterale dei Cybo Malaspina.[2]

  1. Lucrezia Cybo (1489-1492)
  2. Clarice Cybo (1490-1492) nata deforme, morì infante
  3. Innocenzo Cybo (1491-1550) cardinale e arcivescovo di Torino dal 1521 al 1548.
  4. Lorenzo Cybo (1500-1549) conte di Ferentillo, sposò Ricciarda Malaspina e da lui derivò la famiglia dei Cybo Malaspina
  5. Caterina Cybo (1501-1557), sposò il Duca di Camerino Giovanni Maria Varano
  6. Ippolita Cybo (1503-1503)
  7. Giovanni Battista Cybo (1505-1550)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tettoni, p.4
  2. ^ Tettoni, p.9

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Favetti, Ferentillo segreta. Storia di un Principato, Terni 2005.
  • L. Tettoni-F. Saladini, La famiglia Cybo e Cybo Malaspina, Massa 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]