Follie dell'anno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Follie dell'anno
EthelMermanNoBusinesstrailer.jpg
Molly Donahue
Titolo originale There's No Business Like Show Business
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1954
Durata 113 min
Colore De Luxe
Audio stereofonia a 4 tracce Western Electric
Rapporto 2,55 : 1 (CinemaScope)
Genere musicale, romantico, commedia
Regia Walter Lang
Soggetto Lamar Trotti
Sceneggiatura Phoebe Ephron, Henry Ephron,
Produttore Sol C. Siegel
Casa di produzione 20th Century Fox
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Leon Shamroy
Montaggio Robert L. Simpson (con il nome Robert Simpson)
Scenografia John DeCuir e Lyle R. Wheeler
Costumi Travilla e Miles White

Charles Le Maire direzione guardaroba / Sam Benson (non accreditato)

Trucco Ben Nye

Allan Snyder: per Miss Monroe (non accreditato)

Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Follie dell'anno (There's No Business Like Show Business) è un film del 1954 diretto da Walter Lang.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Terence e Molly Donahue, una coppia nella vita e nell'arte, divennero famosi grazie allo spettacolo I due Donahues, e grazie anche ai loro tre figli si esibiscono ancora davanti al pubblico con il nome corretto di I cinque Donahues. Quando giunge successo e ricchezza uno dei figli vuole intraprendere la carriera ecclesiastica facendosi prete, mentre un altro, Tim, s'innamora di un'attrice, Vicky Parker, che trascina lui e l'altra figlia in un nuovo spettacolo abbandonando i genitori che ritornano ad esibirsi in solitaria.

Dopo diversi anni e molte vicissitudini i cinque si incontrano nuovamente in una festa.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Nella produzione del film la 20th Century Fox aveva pensato ad un alto budget ma non corrispose poi al successo sperato.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Data di uscita[modifica | modifica sorgente]

Il film venne distribuito in vari paesi, fra cui:[1]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Marilyn Monroe all'interno del film canta diverse canzoni: Heatwave, Lazy, After You Get What You Want e A Man Chases a Girl. La Monroe venne poi sostituita da Dolores Gray nella colonna sonora, musiche e testi di Irving Berlin[2]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il film, anche se risulta eccessivamente prolisso e pesante è comunque piacevole nella visione,[3] riesce nell'intento di mostrare una famiglia unita nella buona e cattiva sorte, nel vincolo d'affetto che li lega.[4]

Definito come il peggiore dei film di Marilyn Monroe,[5] nell'esibirsi nella canzone Heatwave ricorda per movenze Carmen Miranda.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Info sulle date di uscita
  2. ^ Jack Raymond, Show music on record: from the 1890s to the 1980s, pag, F. Ungar, 1982, ISBN 978-0-8044-5774-3.
  3. ^ Laura, Luisa e Morando Morandini, Mauro Tassi, Il Morandini 2010, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-30176-5.
  4. ^ Segnalazioni cinematografiche, vol. 37, 1955, si veda anche Scheda su cinematografo.it
  5. ^ Enrico Giacovelli, Mariliyn Monroe vita carriera e film, pag 68, Lindau, 2009, ISBN 978-88-7180-861-1.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema