Fiorino olandese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiorino olandese
Nome locale Nederlandse gulden (NL)
1869 Dutch 2.5 guilders both.png
Moneta da 2,5 fiorini del 1869.
Codice ISO 4217 NLG
Stati Paesi Bassi Paesi Bassi (fino al 2002)
Antille Olandesi Antille Olandesi (fino al 1940)
Suriname Suriname (fino al 1962)
Belgio Belgio (fino al 1832)
Lussemburgo Lussemburgo (fino al 1839)
Simbolo ƒ
Frazioni 100 cent
Monete 5, 10, 25 ct., 1, 2½, 5ƒ
Banconote 10, 25, 50, 100, 250, 1000ƒ
Entità emittente De Nederlandsche Bank (banconote)
Koninklijke Nederlandse Munt (monete)
Sito web www.dnb.nl
Periodo di circolazione 1355 o 1581 - 28 febbraio 2002[1]
Sostituita da Euro dal 1º gennaio 1999
Tasso di cambio 1 EUR = 2,20371 NLG (31 dicembre 1998)
Lista valute ISO 4217 - Progetto Numismatica

Il fiorino olandese (Olandese: Nederlandse gulden) (NLG) è la valuta usata nei Paesi Bassi dal XV secolo fino alla sostituzione da parte dell'euro. Sono ancora in uso due monete derivate del fiorino olandese: ad Aruba (il Fiorino arubano) e a Curaçao e Sint Maarten (il Fiorino delle Antille olandesi) mentre nel Suriname il Fiorino surinamese (SRG) è stato sostituito dal Dollaro surinamese (SRD) il 1º gennaio 2004.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una banconota di 10 fiorini del 1930

L'origine del fiorino olandese va fatta risalire al XIII secolo, quando la moneta d'oro battuta a Firenze era largamente utilizzata per gli scambi in Europa. Progressivamente, questa moneta venne adottata e sviluppata localmente, assumendo il nome di "gulden", derivato dal tedesco "Goldene" che vuol dire "oro". Nel tempo, furono adottate altre monete derivate dal fiorino olandese. Una di queste è stata il "Rijksdaalder", con un valore di 2,5 fiorini e con il nome derivato dal tallero d'argento tedesco. Nel secondo dopoguerra, a causa di una crisi economica causata dai danni della seconda guerra mondiale che era appena finita, il fiorino si svalutò del 30%. Questo problema in seguito si risolse grazie agli aiuti provenienti dal piano Marshall. Il 1º gennaio 1999 entrò in vigore l'euro, il cui tasso di cambio irrevocabile con il fiorino era stato fissato il giorno precedente in 2,20371 fiorini olandesi per 1 euro. Da quel momento il fiorino rimase in vigore solo come espressione non decimale dell'euro, anche se monete e banconote continuavano ad essere denominate in fiorini. Per tutte le forme di pagamento "non-fisiche" (trasferimenti elettronici, titoli, ecc.), invece, da quella data si adottò solo l'euro. Il 1º gennaio 2002, con l'entrata in circolazione delle monete e banconote in euro, si aprì una fase di doppia circolazione, durata fino al 28 febbraio 2002. Le vecchie monete potevano essere cambiate fino al 1º gennaio 2007. Per le banconote è ancora possibile farlo fino al 1º gennaio 2032.

Monete[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 centesimi
  • 10 centesimi
  • 25 centesimi
  • 1 fiorino
  • 2 fiorini
  • 5 fiorini

Banconote[modifica | modifica wikitesto]

  • 5 fiorini (fino al 1988)
  • 10 fiorini
  • 25 fiorini
  • 50 fiorini
  • 100 fiorini
  • 250 fiorini
  • 1000 fiorini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In realtà nel periodo 1º gennaio 1999 - 28 febbraio 2002 il fiorino rimase in vigore solo come espressione non decimale dell'euro.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]