Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Simboli di valuta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Segni di punteggiatura

apostrofo ( ' ) ( )
parentesi ( ( ) ) ( [ ] ) ( { } ) ( 〈 〉 ) (< >)
due punti ( : )
virgola ( , )
lineetta ( ) ( ) ( ) ( )
tratto d'unione ( - ) ( )
punti di sospensione ( ) ( ... )
punto esclamativo ( ! )
punto fermo ( . )
punto esclarrogativo ( )
punto interrogativo ( ? )
virgolette ( « » ) ( ‘ ’ ) ( “ ” )
punto e virgola ( ; )
barra ( / )
spazio ( ) ( ) ( )
punto mediano ( · )

Altri segni tipografici

ampersand o e commerciale (et) ( & )
asterisco ( * )
tre asterischi o asterismo ( )
chiocciola o a commerciale (at) ( @ )
barra inversa ( \ )
punto elenco ( , più)
obelisco ( † ‡ )
grado ( ° )
indicatore ordinale ( º, ª )
cancelletto ( # )
primo () () ()
paragrafo ( § )
piede di mosca ( )
simboli monetari
      ( ¤ ) ( $ ) ( ¢ ) ( £ ) ( ¥ ) ( )
tilde ( ~ )
punto sovrascritto (˙)
macron o trattino alto ( ¯ )
trattino basso o underscore ( _ )
barra verticale o pipe ( | )
numero ( )
simbolo del copyright (©)
simbolo del marchio registrato (®)
tombstone ()

Ortografia · Segno diacritico · modifica

I simboli di valuta sono segni grafici comunemente usati come abbreviazione per i nomi delle valute. Sebbene internazionalmente si utilizzi ISO 4217 in sostituzione dei simboli di valuta, quest'ultimi sono adoperati più spesso, soprattutto negli stati dove sono comunemente adottate.

Sebbene molti dei simboli siano presenti come entità HTML[1] o come caratteri Unicode[2], alcuni simboli sono caduti in disuso in seguito all'introduzione dell'euro. In assenza di valuta, viene utilizzato il simbolo generico di valuta.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo del dollaro è stato uno dei primi simboli di valuta, derivato dal real da 8. Il simbolo della sterlina, usato anche per la lira italiana, deriva invece dalla L di libra. Numerosi simboli presentano delle linee orizzontali o verticali.[4] Nel caso dell'euro le linee parallele rappresentano la stabilità della moneta.[5]

Posizione del simbolo[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo di valuta può precedere o seguire la somma di denaro. In numerosi stati, in particolare quelli anglosassoni, è frequente trovare il simbolo prima della quantità: esempi di questo tipo si riscontrano con le valute in uso in Australia, Brasile, Danimarca, Regno Unito, Stati Uniti d'America e Svizzera. In altre nazioni viene specificato dopo, come se fosse un'unità di misura: esempi sono Romania, Norvegia, Svezia ed Ungheria. In alcuni casi, come l'escudo capoverdiano o il franco francese, la valuta sostituisce il separatore decimale.

Euro[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la commissione europea il simbolo € può essere posizionato prima o dopo la cifra.[6] Il Manuale interistituzionale di convenzioni redazionali prescrive l'utilizzo del codice EUR o del simbolo € dopo la cifra, ad eccezione delle lingue inglese, irlandese, lettone e maltese.[7]

Simboli di valuta nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Simboli di valuta nel mondo

Il seguente è un elenco di vari simboli usati per le valute:

Simbolo Valuta Note
¤ Simbolo generico usato soprattutto quando non è disponibile il simbolo corretto
؋ Afghani usato in Afghanistan
Austral usato in precedenza in Argentina
฿ Baht usato in Thailandia
Cedi usato in Ghana
¢ cent suddivisione del dollaro e di altre valute;
Colón usato in Costa Rica e in El Salvador
Cruzeiro usato in precedenza in Brasile
$ Dollaro usato anche per molte altre valute nelle Americhe, come i pesos, spesso confuso con il cifrão per l'escudo portoghese
Dracma usato in precedenza in Grecia
Đồng usato in Viet Nam
ECU sostituito dall'euro
Euro usato negli Stati dell'Unione europea che aderiscono alla moneta unica (Eurozona); usato anche in qualche piccolo Stato europeo che non fa parte dell'UE, e nelle regioni del Kosovo e del Montenegro
Franco francese usato in precedenza in Francia, ma poco utilizzato, favorendo perlopiù F, Fr. o FF; talvolta usato per il franco della comunità pacifica e il franco CFA
ƒ Fiorino moneta olandese usata prima dell'introduzione dell'euro, l'uso della f risale a quando la moneta si chiamava florin, parola rimasta nell'uso italiano
Guaraní usato in Paraguay più spesso simboleggiato da G. o Gs.
Grivnia usato in Ucraina
Kip usato in Laos
Lira usato in precedenza in Italia, San Marino, Città del Vaticano e Malta, talvolta in Turchia
Goldmark simbolo storico, non utilizzato per il marco tedesco
mill un decimo di cent
Naira usato in Nigeria
Pfennig centesimo di marco tedesco usato prima dell'introduzione dell'euro in Germania
Peseta usato prima dell'euro in Spagna e Andorra ma scarsamente utilizzato, dato che molti preferivano scrivere Pt. e Pts.
Peso filippino usato nelle Filippine
Riyal usato in Arabia Saudita
Riel usato in Cambogia
Rupia usato in India, Pakistan, Indonesia, Sri Lanka, Nepal, e nell'isola di Mauritius
Rupia in scrittura bengali
Taka in scrittura bengali
Rupia in scrittura gujarati
Rupia in scrittura tamil
Nuovo siclo usato in Israele
£ Sterlina britannica usata nel Regno Unito e nei suoi possedimenti ed ex possedimenti
Won usato in Corea del Nord e Corea del Sud
Tugrik usato in Mongolia
¥ Yen usato in Giappone per lo yen e in Cina per il renmimbi yuan

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Character entity references in HTML 4
  2. ^ (EN) Currency Symbols
  3. ^ (EN) Character histories: notes on some Ascii code positions
  4. ^ (EN) Kathryn Westcott, India seeks rupee status symbol su BBC News, 10 marzo 2009.
  5. ^ (EN) How to use the euro name and symbol
  6. ^ (EN) Where should the euro symbol be placed: ‘€ 100’ or ‘100 €’?. (archiviato dall'originale il 18 febbraio 2010).
  7. ^ (EN) Regole di scrittura dei riferimenti monetari

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

numismatica Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di numismatica