Facesitting

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Facesitting

Il facesitting,[1] noto anche come queening o kinging[2] quando a esercitarlo è rispettivamente una donna oppure un uomo, è una pratica sessuale nella quale uno dei partner si siede sul volto dell'altro partner, in modo da consentire o da forzare (a seconda dei casi) il contatto oro-genitale o oro-anale, giungendo all'adorazione dell'ano o di altre parti del corpo limitrofe ad esso (feticismo).

Il facesitting rappresenta anche una posizione alternativa per praticare il cunnilingus (oppure la fellatio) o l'anilingus. In questo modo, entrambe i partner possono contemporaneamente ricevere il sesso orale con una posizione del 69.

Gli umori e gli odori caratteristici della zona genitale e di quella anale contribuiscono a sviluppare l'eccitazione sessuale.

BDSM[modifica | modifica sorgente]

Un classico smotherbox

Il facesitting è spesso associato alle pratiche BDSM, ma tale collegamento non è sempre presente né è necessario, sebbene permanga una forte componente di dominazione e di umiliazione (tipicamente nel rapporto D/s) legata alla posizione di controllo da parte di chi sta seduto sulla faccia. In particolare, in ambito BDSM, il facesitting può anche essere usato come una pratica di smothering, ovvero può essere sfruttato per impedire la respirazione al sottomesso il quale può anche essere contemporaneamente sottoposto a bondage. Nel farting, in cui vengono emessi dei peti direttamente in faccia o in bocca, prevale invece una forte componente umiliatoria.

Un oggetto caratteristico è il cosiddetto smotherbox, una particolare scatola, solitamente realizzata in legno, che consente di immobilizzare la testa del sub e al contempo permette al Dom (master o mistress) una più comoda posizione seduta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Thomas Murray, The Language of Sadomasochism, Westport, Greenwood Press, 1989, p. 111, ISBN 0313264813.
  2. ^ Anil Aggrawal, Forensic and Medico-legal Aspects of Sexual Crimes and Unusual Sexual Practices, CRC Press, 2009, p. 147, ISBN 978-1-4200-4308-2.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

erotismo Portale Erotismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di erotismo