Episodi di Futurama (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Episodi di Futurama.

La prima stagione di Futurama è andata in onda originariamente negli USA dal 28 marzo al 18 maggio 1999 (primi 9 episodi), e dal 26 settembre all'11 novembre 1999 (ultimi 4 episodi) su Fox.

In Italia i primi due episodi sono stati trasmessi in anteprima in prima serata su Italia 1 il 6 gennaio 2000, i restanti episodi sono stati trasmessi dal 7 ottobre al 14 novembre dello stesso anno.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Codice di produzione Titolo Titolo originale Prima TV USA Stati Uniti Prima TV Italia Italia
1 1ACV01 Pilota spaziale 3000 Space Pilot 3000 28 marzo 1999 6 gennaio 2000
2 1ACV02 La serie è atterrata The Series Has Landed 4 aprile 1999 6 gennaio 2000
3 1ACV03 Io, coinquilino I, Roommate 6 aprile 1999 7 ottobre 2000
4 1ACV04 L'amore perduto nello spazio Love's Labour Lost In Space 13 aprile 1999 10 ottobre 2000
5 1ACV05 Paura del pianeta robot Fear of a Bot Planet 20 aprile 1999 12 ottobre 2000
6 1ACV06 Per un pesce di dollari For a Fishful of Dollars 27 aprile 1999 14 ottobre 2000
7 1ACV07 I miei tre soli My Three Suns 4 maggio 1999 17 ottobre 2000
8 1ACV08 Palla di immondizia A Big Piece of Garbage 11 maggio 1999 19 ottobre 2000
9 1ACV09 Un viaggio infernale Hell Is Other Robots 18 maggio 1999 21 ottobre 2000
10 1ACV10 Un volo da ricordare A Flight to Remember 26 settembre 1999 24 ottobre 2000
11 1ACV11 Università marziana Mars University 3 ottobre 1999 26 ottobre 2000
12 1ACV12 Attacco alieno When Aliens Attack 7 novembre 1999 28 ottobre 2000
13 1ACV13 Gusto a sorpresa Fry and the Slurm Factory 11 novembre 1999 14 novembre 2000

Pilota spaziale 3000[modifica | modifica sorgente]

L'ombra di Mordicchio accanto alla sedia nell'episodio Pilota spaziale 3000

Un fattorino portapizza di nome Fry si trova a consegnare una pizza in un centro criogenico, il 31 dicembre 1999. Per errore cade in una camera di ibernazione risvegliandosi 1000 anni dopo. Qui fa la conoscenza di Leela, impiegata nel centro criogenico e del robot con tendenze suicide Bender. Insieme a loro si mette alla ricerca di un lavoro trovandolo da un suo pro-pro-pronipote... il Professor Farnsworth, uno scienziato pazzo che dirige la ditta di spedizioni spaziali Planet Express.

  • Sottotitolo iniziale: IN COLOR (ediz. TV) / A COLORI (ediz. DVD)
  • Guest star: Dick Clark (voce di se stesso) e Leonard Nimoy (voce di se stesso).

La serie è atterrata[modifica | modifica sorgente]

Fry, Leela e Bender fanno conoscenza col resto dei dipendenti della Planet Express, il burocrate Hermes, Amy e il Dr. Zoidberg. La loro prima missione è la consegna di un pacco su un parco di divertimenti costruito sulla luna. Fry però non resiste alla tentazione di fare un giro sul satellite, e si avventura sul suolo lunare con Leela e Bender e riusciranno a trovare il luogo dove approdò Neil Armstrong.

Io, coinquilino[modifica | modifica sorgente]

Fry viene sfrattato dagli uffici della Planet Express, dove si era accampato provvisoriamente non avendo una casa. Troverà alloggio da Bender, ma la scomodità degli appartamenti da robot lo porterà in breve a un esaurimento nervoso. Fry inizia a cercare una nuova casa adatta alle esigenze umane, ma ha paura di ferire i sentimenti del suo amico robot abbandonandolo. Infine Fry dopo aver capito del dolore provato dal suo amico, decide di tornare a casa di Bender vivendo nel suo ripostiglio che scopre essere molto più grande dell'appartamento vero e proprio.

L'amore perduto nello spazio[modifica | modifica sorgente]

Fry, Leela e Bender vengono mandati in missione su Vergon 6 (pianeta minerario che era fatto quasi completamente di materia oscura, carburante molto importante per il funzionamento dei razzi, ma estratto fino allo svuotamento del pianeta perdendo così gran parte della sua massa) per salvare la fauna locale, in pericolo per l'imminente implosione del pianeta . La loro missione è ostacolata dal vanitoso capitano Zapp Brannigan, che per impedire il salvataggio mette in cella i tre inviati della Planet Express, accusati di violare il regolamento interplanetario. Zapp però si innamora di Leela, e la invita a cena tentando di sedurla. Dopo vari tentativi infruttuosi riesce a impietosire Leela con le lacrime e passa la notte assieme a lei. La mattina dopo Branningan permette la partenza della navicella verso Vergon 6 dove i tre inviati della Planet Express riescono a reperire tutti gli animali della lista con in più un piccolo animaletto nero che Leela decide di adottare chiamandolo Mordicchio. L' apparentemente innocuo Mordicchio invece si rivelerà un predatore, sbranando tutti gli altri animali stipati nell'astronave. Scoperta la strage, Leela si lascia impietosire dallo sguardo di Mordicchio e decide di tenerlo comunque come animale da compagnia.

  • Sottotitolo iniziale: presentato con C.C. (CONTROLLO CERVELLO) dove disponibile (ediz. TV) / IN CONTROLLO CEREBRALE SE DISPONIBILE (ediz. DVD)
  • Guest star: Lauren Tom, Phil LaMarr e Maurice LaMarche.

Paura del pianeta robot[modifica | modifica sorgente]

La ciurma della Planet Express deve fare una consegna su Chapek 9, pianeta abitato da soli robot e su cui gli umani sono fuorilegge. La consegna viene effettuata da Bender, che però non fa ritorno all'astronave ma invia un messaggio in cui chiede aiuto a Fry e Leela perché è stato imprigionato con l'accusa di simpatizzare per gli umani. Fry e Leela decidono di scendere sul pianeta a salvarlo, ma vengono scoperti e processati. Riusciranno a scappare grazie all'aiuto di Bender, che in realtà non si era mai trovato in pericolo.

Per un pesce di dollari[modifica | modifica sorgente]

Fry scopre che il suo vecchio conto in banca, grazie ai mille anni di interessi accumulati, è diventato milionario. Fry inizia a sperperare le sue ricchezze, in particolare compra a una cifra folle l'ultima confezione di acciughe sotto sale disponibile sulla terra (dato che si sono estinte nel 2200), superando il rilancio della potente produttrice di olio per robot Mamma. Mamma, interessata alla scatoletta perché può trarre una quantità enorme di olio per robot a partire dal DNA del pesce, non si dà per vinta e cerca in ogni modo di entrarne in possesso ma fallirà e dopo tante peripezie così la scatola rimarrà in possesso di Fry che la userà per preparare una pizza alle acciughe dissalate.

I miei tre soli[modifica | modifica sorgente]

Bender, non avendo ancora un ruolo ufficiale nella Planet Express, decide di diventare cuoco di bordo, per spirito di emulazione verso il famoso cuoco alieno Elzar, ma i risultati sono disastrosi. Nel frattempo la Planet Express, con il nuovo cuoco di bordo, parte per consegnare un pacco sul misterioso pianeta Trisol, abitato da alieni liquidi. Durante la consegna del pacco, Fry trova una bottiglia piena d'acqua e la beve, scoprendo poco dopo di aver bevuto l'imperatore del pianeta. Secondo le usanze dei Trisoliani ora il ruolo di imperatore spetta a lui. Durante la cerimonia di incoronazione però si scopre che il vecchio imperatore non è morto, ma è vivo all'interno dello stomaco di Fry e da lì chiede al suo popolo di farlo tornare in libertà aprendo la pancia a Fry. Fry allora fugge nella sala del trono assieme a Leela e Bender cercando un modo per far uscire l'ex-imperatore dal suo corpo senza conseguenze fisiche. Non trovando soluzione scoppia a piangere, e dalle sue lacrime riprende forma l'imperatore Trisoliano che gli concede di partire indenne.

Palla di immondizia[modifica | modifica sorgente]

Durante un congresso scientifico tenuto dal famoso inventore Ron Popeil, il Professor Farnsworth inventa lo Sniffoscopio, una sofisticata apparecchiatura in grado di captare gli odori dello spazio. L'invenzione viene inizialmente derisa, ma gli altri inventori cambieranno idea quando lo sniffoscopio individuerà una puzzolente palla di spazzatura spedita in orbita nel XX secolo, che ora sta per tornare al mittente scontrandosi con la terra. L'equipaggio della Planet Express parte per distruggerlo piazzando bombe su di esso, ma la missione fallisce. Sarà Fry a salvare la terra spiegando ai newyorkesi del XXX secolo come costruire una seconda palla di spazzatura identica alla prima da lanciare in orbita per respingere il pericoloso asteroide-rifiuto.

  • Sottotitolo iniziale: GLI ABITI DEL SIGNOR BENDER SONO DI ROBOTANY 500 (ediz. TV) / GUARDAROBA DI BENDER DI ROBOTANY 500 (ediz. DVD)
  • Guest star: Ron Popeil (voce di se stesso) e Nancy Cartwright (voce del pupazzo di Bart Simpson).

Un viaggio infernale[modifica | modifica sorgente]

Durante un concerto dei Beastie Boys Bender incontra il suo vecchio amico Fender, che lo inizia alla dipendenza da sovraccarichi elettrici (una droga per i robot). Per uscire dalla dipendenza Bender si iscrive alla setta di Robotology, cambiando completamente carattere e diventando profondamente religioso. Fry e Leela decidono di far rinsavire Bender e lo portano a Atlantic City per metterlo di fronte alle tentazioni della vecchia vita: alcool, fumo, gioco d'azzardo e pornografia. Bender cede facilmente e torna quello di un tempo rinnegando i simboli della sua vecchia religione, ma la notte stessa arriverà il Robodiavolo spiegandoli che a causa del contratto firmato con Robotology è costretto ad andare all'inferno con lui per essere punito dei suoi peccati. Saranno Fry e Leela a trovare l'ingresso per l'inferno dei robot e a salvare Bender dalla condanna eterna.

Un volo da ricordare[modifica | modifica sorgente]

Tutta la ciurmaglia della Planet Express presenzia al viaggio inaugurale della lussuosa astronave da crociera Titanic, e nascono nuovi amori: Bender conosce una ricca contessina robotica, Fry tenta di provarci con Leela e Kif, il sottoposto di Zapp Brannigan, si strugge inutilmente per Amy. Quando l'inettitudine di Brannigan causa l'avvicinamento del Titanic a un buco nero Kif verrà frettolosamente eletto capitano e dovrà cercare di sistemare tutto... Nel frattempo Bender è intento in una storia d'amore con la contessa De La Roca, un'evidente parodia del film "Titanic"

Università marziana[modifica | modifica sorgente]

Fry si iscrive all'Università di Marte, ma nonostante corsi di studio basati sulla vita nel XX secolo i suoi voti sono sempre un disastro; per punizione il professore gli affianca Guenter, una scimmia super-intelligente risultato di un suo esperimento, come compagno di stanza. Guenter ha molto più successo di Fry nella vita da college, ma ben presto il peso della sua intelligenza lo farà impazzire.
Intanto Bender diventa amico di una confraternita di robot nerd e cerca di farli diventare "fichi" sbirciando in camere femminili.

  • Sottotitolo iniziale: TRASMESSO IN MARZIANO Prossimamente
  • Guest star: Tress MacNeille (voce di Guenter), Lauren Tom (voce di Chrissy) e Dave Herman (voce di Meiderneyer/Fat-Bot/rettore Vernon).
  • Peculiarità: Molte scene, come quella in cui Bender cade dalla scala mentre spia il dormitorio femminile, la fraternità robotica che combina guai in continuazione e viene messa sotto libertà vigilata, la competizione fra le varie fratellanze e la parata finale, sono ispirate al famoso film commedia Animal House.

Attacco alieno[modifica | modifica sorgente]

Gli abitanti di Omicron Perseo 8 seguono i programmi TV terrestri 1000 anni dopo la loro messa in onda. Fry nel 1999 danneggiò il trasmettitore e così l'ultimo episodio della famosa serie televisiva L'avvocatessa single (ispirata ad Ally McBeal) non venne mai mandato in onda. Liure, regnante di Omicron Perseo 8, sbarca sulla Terra con una flotta di astronavi, minacciando di distruggere mezzo mondo se quell'episodio non sarà trasmesso. A quel punto ai membri della Planet Express non resta che girare la loro personale versione del telefilm con un finale altrettanto alternativo...

Gusto a sorpresa[modifica | modifica sorgente]

Fry vince un concorso che gli consente di visitare la fabbrica dove viene prodotto lo Slurm assieme ad altri fortunati: tuttavia la gita si trasforma in un incubo quando accidentalmente lui e i suoi amici della Planet Express scoprono come viene prodotta in realtà la bibita, e i responsabili tentano di eliminarli.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]