Elisabetta Guglielmina di Württemberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisabetta Guglielmina di Württemberg.
Ducato di Württemberg
Württemberg
Armoiries duché de Wurtemberg 1733.svg

Eberardo I
Eberardo II
Ulrico I
Figli
Cristoforo
Ludovico
Federico I
Giovanni Federico
Eberardo III
Guglielmo Ludovico
Eberardo Ludovico
Carlo I Alessandro
Carlo II Eugenio
Ludovico Eugenio
Federico II Eugenio
Federico II
Modifica

Elisabetta Guglielmina di Württemberg (Treptow an der Rega, 21 aprile 1767Vienna, 18 febbraio 1790) Era l'ottava dei dodici figli di Federico Eugenio, duca di Württemberg e di Federica Dorotea di Brandeburgo-Schwedt. Sua sorella maggiore Sofia Dorotea di Württemberg era imperatrice di Russia in quanto moglie di Paolo I di Russia. Fu la prima delle quattro mogli di Francesco II d'Asburgo-Lorena.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

All'età di quindici anni venne chiamata a Vienna dall'imperatore Giuseppe II, e venne educata nel prestigioso Salesianerinnenkloster, dove si convertì al cattolicesimo. Ricevette una raffinata educazione anche in campo musicale.

Le intenzioni di Giuseppe II erano quelle di farle sposare il nipote Francesco, figlio del granduca Pietro Leopoldo di Toscana. Le nozze avvennero il 6 gennaio 1788 a Vienna, ed Elisabetta divenne così arciduchessa d'Austria e principessa d'Ungheria, Croazia e Boemia. Esiste a questo proposito un aneddoto curioso sul giorno delle sue nozze: uno dei paggi, figlio di un'illustre famiglia nobile boema, inciampò nel lungo strascico di Elisabetta e venne, per questo, duramente rimproverato dall'imperatore. Era il futuro feldmaresciallo Josef Radetzky.

In quel periodo l'imperatore Giuseppe era seriamente ammalato, e la giovane Elisabetta si preoccupò molto della salute del suo benefattore. Verso la fine del 1789 Elisabetta rimase incinta, ma la sua gravidanza fu funestata dal peggioramento delle condizioni dell'imperatore e dalle notizie poco rassicuranti che provenivano dalla Francia.

Il 15 febbraio all'imperatore venne data l'estrema unzione e, alla vista dell'agonia di Giuseppe II, la giovane arciduchessa svenne tra le braccia del marito.

Tre giorni dopo, il 18 febbraio, nacque una gracile bambina chiamata Ludovica Elisabetta, che morì dopo sedici mesi di vita.

Elisabetta morì poche ore dopo il parto, precedendo di tre giorni Giuseppe II.

È sepolta nella Cripta Imperiale a Vienna.

Essendo morta prima dell'ascesa al trono del marito, Elisabetta non divenne imperatrice consorte del Sacro Romano Impero

Francesco si risposò con Maria Teresa di Borbone-Napoli, (1772 – 1807), figlia di Ferdinando I delle Due Sicilie e della sua consorte l'arciduchessa Maria Carolina d'Asburgo-Lorena (1752-1814), da cui ebbe undici figli e l'erede al trono.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta Guglielmina del Württemberg è uno dei personaggi secondari del film Amadeus di Milos Forman. Il suo ruolo nella pellicola è più che marginale, non pronuncia neanche una battuta ed è inquadrata solo due volte: la prima accanto all'imperatore durante la prima rappresentazione di Die Entführung aus dem Serail ("Il ratto dal serraglio"), la seconda a cavallo con Giuseppe II in un parco. Seppur marginale, la sua presenza è importante quando l'imperatore valuta l'ipotesi di assumere Wolfgang Amadeus Mozart come suo insegnante di musica. L'ipotesi cadrà in seguito agli intrighi di Antonio Salieri.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta Guglielmina e Francesco ebbero una figlia:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta Guglielmina di Württemberg Padre:
Federico II Eugenio di Württemberg
Nonno paterno:
Carlo I Alessandro di Württemberg
Bisnonno paterno:
Federico Carlo di Württemberg-Winnental
Trisnonno paterno:
Eberardo III di Württemberg
Trisnonna paterna:
Anna Caterina di Salm-Kyrburg
Bisnonna paterna:
Eleonora Giuliana di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonno paterno:
Alberto II di Brandeburgo-Ansbach
Trisnonna paterna:
Sofia Margherita di Oettingen-Oettingen
Nonna paterna:
Maria Augusta di Thurn und Taxis
Bisnonno paterno:
Anselmo Francesco di Thurn und Taxis
Trisnonno paterno:
Eugenio Alessandro di Thurn und Taxis
Trisnonna paterna:
Anna Adelaide di Fürstenberg-Heiligenberg
Bisnonna paterna:
Maria Ludovica Anna di Lobkowicz
Trisnonno paterno:
Ferdinando Augusto Leopoldo di Lobkowicz
Trisnonna paterna:
Maria Anna di Baden-Baden
Madre:
Federica Dorotea di Brandeburgo-Schwedt
Nonno materno:
Federico Guglielmo di Brandeburgo-Schwedt
Bisnonno materno:
Filippo Guglielmo di Brandeburgo-Schwedt
Trisnonno materno:
Federico Guglielmo I di Brandeburgo
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Bisnonna materna:
Giovanna Carlotta di Anhalt-Dessau
Trisnonno materno:
Giovanni Giorgio II di Anhalt-Dessau
Trisnonna materna:
Enrichetta Caterina d'Orange
Nonna materna:
Sofia Dorotea di Prussia
Bisnonno materno:
Federico Guglielmo I di Prussia
Trisnonno materno:
Federico I di Prussia
Trisnonna materna:
Sofia Carlotta di Brunswick-Lüneburg
Bisnonna materna:
Sofia Dorotea di Hannover
Trisnonno materno:
Giorgio I del Regno Unito
Trisnonna materna:
Sofia Dorotea di Celle

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 13206447 LCCN: no2010072948