E venne il giorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
E venne il giorno
Evenneilgiorno-Shyamalan.png
Una scena del film
Titolo originale The Happening
Paese di produzione USA, India
Anno 2008
Durata 91 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere catastrofico, thriller
Regia M. Night Shyamalan
Soggetto M. Night Shyamalan
Sceneggiatura M. Night Shyamalan
Produttore Barry Mendel, Sam Mercer
Produttore esecutivo Zarina Screwvala, Ronnie Screwvala, Gary Barber, Roger Birnbaum
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Tak Fujimoto
Montaggio Conrad Buff IV
Musiche James Newton Howard
Scenografia Jeannine Oppewall
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

E venne il giorno (The Happening) è un film del 2008, scritto, diretto e prodotto da M. Night Shyamalan.

Il film è uscito nelle sale italiane, come negli Stati Uniti, venerdì 13 giugno 2008.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ad un tratto, al Central Park di New York, le persone presenti cadono in uno stato confusionale e ad una ad una, si tolgono inspiegabilmente la vita. Inizialmente si pensa sia colpa di un attacco biochimico terroristico, ma man mano che le morti si propagheranno per tutto il Nord Est degli Stati Uniti, quest'ipotesi verrà accantonata.

A Filadelfia Elliot Moore, un insegnante liceale di scienze, e sua moglie Alma, accompagnati dall'amico Julian con la figlia Jess, decidono di lasciare la città e prendere un treno per Harrisburg. Durante il viaggio giunge notizia dell'espansione del contagio ad altre grandi città del nord-est e la cosa è talmente grave da costringere il treno a fermarsi, lasciando tutti a piedi alla stazione di un paesino di campagna. Presa coscienza della gravità della situazione, tutti cercano di fuggire più lontano possibile, mentre Julian, per raggiungere la moglie con la quale ha perso i contatti, decide di accettare un passaggio verso Princeton, e quindi affida sua figlia Jess ad Elliot e Alma, che invece salgono sull'auto di una coppia di vivaisti del luogo. Sono questi, per primi, a suggerire l'ipotesi secondo la quale la terribile neurotossina sarebbe prodotta dalle piante, in reazione a qualcosa che le minaccia.

Mentre Julian e i suoi compagni di viaggio entrano nella zona contaminata andando incontro al suicidio, Elliot e i suoi sono costretti a cambiare il percorso previsto dopo aver visto dei morti sulla strada, e finiscono per fermarsi ad un incrocio dove da tutte le direzioni fuggono al contagio che sembra ormai accerchiarli. Di comune accordo decidono di proseguire a piedi verso i campi dopo aver capito che la minaccia, partita dalle metropoli, sta attaccando via via centri sempre più piccoli. Divisi in due gruppi, dopo un po' quello più consistente è raggiunto dal contagio e tutti i suoi componenti, ad uno ad uno, si tolgono la vita utilizzando la pistola di un soldato.

I superstiti, terrorizzati, si sparpagliano per le campagne, ed Elliot, Alma e Jess corrono insieme a due ragazzini verso una casa che però è sprangata. In cerca di un po' di cibo per la bambina, incontrano l'ostilità del proprietario dell'abitazione che, sentendosi minacciato, spara e uccide i due giovani. I tre rimasti riprendono a muoversi, questa volta verso un'altra casa che sembra abbandonata ma dove in realtà trovano una signora anziana che non ha alcun contatto con il mondo esterno. La signora offre loro un pasto, li ospita per la notte, e il giorno dopo, uscita di casa, si toglie la vita. Elliot pensa che sia la fine e poco dopo, per raggiungere Alma e la bambina, rifugiatesi nella stanza diversa da quella in cui si trova Elliot, esce di casa andando incontro al destino. Ma l'attacco delle tossine si è esaurito e il pericolo è scampato.

Poco tempo dopo la vita sembra tornata alla normalità con Jess che è amorevolmente curata da Elliot ed Alma. Intanto uno scienziato in televisione ipotizza la possibilità che quanto accaduto sia stato solamente un avvertimento della natura contro l'uomo, giudicato da essa una minaccia per il pianeta intero. La scena si sposta in Francia, nel parco del Palazzo delle Tuileries di Parigi, dove qualche tempo dopo similmente si ripete l'angosciante scena avvenuta a Central Park.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

M. Night Shyamalan e Mark Wahlberg all'anteprima spagnola del film.

Nel gennaio del 2007, Shyamalan, accantonò il progetto dell'adattamento cinematografico in live action di Avatar - La leggenda di Aang, e scrisse una sceneggiatura intitolata The Green Effect, così girò vari Studios per proporre il suo progetto, ma dopo il mezzo flop di Lady in the Water gli Studios si sono dimostrati poco interessati alla realizzazione del film. Shyamalan tornò a Filadelfia per riscrivere in parte la sceneggiatura e in seguito la 20th Century Fox credette al progetto, reintitolato The Happening.

Nell'agosto del 2007 inizia la produzione della pellicola, che ha debuttato negli Stati Uniti venerdì 13 giugno 2008, e il venerdì 13 non è un caso ma una scelta voluta.

All'inizio del film si fa riferimento alla frase attribuita ad Einstein "Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita." riguardo alla quale, tuttavia, secondo quanto riportato da snopes.com, non esisterebbe una fonte originale, né alcun riferimento in nessun documento prima del 1994. In quell'anno, è stata usata per la prima volta su di un volantino distribuito a Bruxelles dall'Unione Nazionale Apicoltori francesi in rivolta a causa della concorrenza del miele d'importazione. Il personaggio Joey, che nel film appare solamente come nome sul display del cellulare della moglie del protagonista, nei titoli di coda è indicato come interpretato dal regista, M. Night Shyamalan. Nella scena in cui Alma ripone il quadretto con la foto, nello zaino di Jess, si nota chiaramente il logo de L'ultimo dominatore dell'aria, opera successiva del regista.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

La pellicola ha guadagnato negli USA 64.506.874 di dollari, mentre in Italia ha totalizzato 2.435.233 di euro. In tutto il mondo, ha guadagnato poco più di 164 milioni di dollari.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]