Danijel Žeželj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Danijel Zezelj)

Danijel Žeželj (Zagabria, 7 dicembre 1966) è un fumettista, illustratore e pittore croato.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Frequenta l'Accademia di Belle Arti di Zagabria, la sua città. Durante questo periodo, inizia ad interessarsi di fumetti e, come per molti artisti moderni, le sue prime opere compaiono in varie riviste e fanzine croate. Tra gli autori che più lo hanno influenzato si annoverano Magnus e Bunker con il loro Alan Ford, artisti del calibro di Moebius, Liberatore, Tamburini, Tardi, Eisner, Bilal, Crumb, ma gli autori che più lo indirizzarono nella sua scelta di fare fumetto furono Munoz e Sampayo. Fu anche fortemente influenzato dalla pittura e dalla scultura rinascimentali, dal barocco, con i suoi chiaroscuri, e anche dai movimenti artistici d'avanguardia dell'Europa d'inizio secolo: come afferma egli stesso, è «entrato nel campo dei fumetti dal lato visivo»[1].

Conclusi gli studi, abbandona l'ambiente accademico ed inizia a pubblicare i suoi fumetti in numerose riviste dell'allora Jugoslavia. I suoi lavori si diffondono in altri paesi europei, soprattutto in Germania e in Italia, e, nel 1991, prima dell'inizio della guerra, Žeželj decide di trasferirsi proprio in Italia.

Per Grifo Edizioni pubblica opere come Sophia, Sun City, Il ritmo del Cuore, che conta una introduzione di Federico Fellini, Geronimo, quindi collabora anche con la Liberty Press, realizzando opere come Blues (una raccolta di tre racconti brevi), e, su testi di Ade Capone, Pagliacci, sulla guerra dei Balcani, e Nei Tuoi Occhi, sulla più piccola ma non meno crudele guerra tra gang.

Artista poliedrico, esplora le contaminazioni tra fumetti e nuove tecnologie in alcuni progetti multimediali nei quali le sue illustrazioni si uniscono alla musica e nella realizzazione di Cd-Rom. Dopo aver pubblicato numerose opere in Italia ed in Francia, nel 1995 abbandona il vecchio continente e si trasferisce negli Stati Uniti d'America, a Seattle, dove inizia a collaborare con uno studio di disegnatori. Le sue opere europee e il suo lavoro d'illustratore per numerosi quotidiani e riviste americane lo portano a prestare la sua opera per la Vertigo, la linea adulta e indipendente della DC Comics, per la quale ha realizzato numerosi progetti, pubblicati in lingua italiana dalla Magic Press.

Nel 2001 ha fondato a Zagabria la casa editrice e laboratorio grafico Petikat assieme a Boris Greiner e Stanislav Habjan.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Oltre la città del sole, Fucine Mute Webmagazine.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 50906056