Daniel Ellsberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniel Ellsberg

Daniel Ellsberg (Chicago, 7 aprile 1931) è un ex militare ed economista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato con lode ad Harvard, nel 1964 divenne uno dei "geniacci del Pentagono" (i brillanti giovani reclutati da Robert McNamara, segretario della difesa dal 1961 al 1968). Dal 1966 fu in servizio in Vietnam come assistente del gruppo contrinsurrezionale guidato da Edward Lansdale. Inizialmente sostenitore della guerra in Vietnam, ne divenne oppositore per i danni arrecati alla popolazione civile, di cui si sentiva corresponsabile con il suo silenzio. Dall'ottobre del 1969, per contribuire a un archivio commissionato da McNamara nel 1967, cominciò a fotocopiare un dossier di 7000 pagine coperto da segreto di stato che rivelava le strategie del governo americano in merito alla guerra in Vietnam[1]. Nel 1971 consegnò questo materiale al New York Times sotto il nome di Pentagon Papers, dando vita a una controversia politica nazionale. La pubblicazione di estratti del documento da parte del quotidiano sfociò in un'ingiunzione richiesta dal presidente Nixon, tesa a bloccarne le pubblicazioni. Nel frattempo il Washington Post cominciò a sua volta a riportare i contenuti del documento e la vicenda finì in corte suprema dove venne bloccata l'ingiunzione e ribadito il diritto alla libertà di stampa.[2]

Come economista, ha dato un notevole contributo alla teoria delle decisioni con il paradosso di Ellsberg[3].

Attivista liberal, membro della Campaign for Peace and Democracy, nel 2006 ha ottenuto il Right Livelihood Award per la pace[4]. Negli ultimi tempi ha espresso posizioni in favore di WikiLeaks e a sostegno di Julian Assange[5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scott Timberg, Daniel Ellsberg's role in leak of Pentagon Papers gets a second look in Los Angeles Times, 5 ottobre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  2. ^ (EN) What Were the Pentagon Papers? in Wisegeek.com. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  3. ^ Daniel Ellsberg, Risk, Ambiguity, and the Savage Axioms in Quarterly Journal of Economics, vol. 75, nº 4, 1961, pp. 643–669, DOI:10.2307/1884324, JSTOR 1884324.
  4. ^ Right Livelihood Award Daniel Ellsberg 2006
  5. ^ "With Rumored Manhunt for Wikileaks Founder and Arrest of Alleged Leaker of Video Showing Iraq Killings, Obama Admin Escalates Crackdown on Whistleblowers of Classified Information" democracynow.org, June 17, 2010
  6. ^ "WikiLeaks Founder to Release Massacre Video" www.thedailybeast.com, Philip Shenon, June 16, 2010

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 17349534 LCCN: n50010032

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie