Colletidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Colletidae
Colletes cuniculariusm.jpg
Colletes cunicularius
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Apoidea
Famiglia Colletidae
Lepeletier, 1841
Sottofamiglie

Colletidae Lepeletier, 1841 è una famiglia di insetti imenotteri apoidei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Colletes daviesanus
(Colletinae)
Hylaeus communis
(Hylaeinae)

Sono apoidei di dimensioni medio-piccole (lunghezza 5–15 mm), spesso con livrea scura o in talune specie nera.
Una delle principali sinapomorfie della famiglia è una glossa corta, più larga che lunga, bilobata o troncata, che si espande all'apice in una struttura simile a un pennello.[1]

Alcune specie (Colletinae) presentano una fitta peluria che ricopre il corpo, di colore dorato chiaro o bianco, altre (Hylaeinae) sono glabre, uniformemente nere, con evidenti marcature bianche o gialle sulla faccia.[2]

Le specie delle sottofamiglie Euryglossinae e Hylaeinae sono prive delle strutture specializzate per la raccolta del polline presenti nella maggior parte delle api.

Nervatura alare[modifica | modifica wikitesto]

La nervatura alare dei Colletidi si caratterizza per:[3]

  • il lobo jugale (lj) delle ali posteriori più lungo della cella submediana.
  • la vena basale (B) retta o quasi.
  • la seconda e la terza cellula submarginale (sm) grosso modo delle stesse dimensioni.

Un carattere distintivo del genere Colletes è la seconda vena ricorrente (Rc2) con decorso sigmoide.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Colletidae ha una distribuzione cosmopolita, con la maggiore concentrazione di biodiversità in Sud America e Australia: oltre la metà delle specie di api australiane appartiene a questa famiglia. In Europa sono presenti solo i generi Colletes e Hylaeus.[4]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Colletes sp. che scava il nido nella sabbia.

Sono una delle 4 famiglie di apoidei (le altre sono Andrenidae, Halictidae e Apidae) in cui sono presenti specie con abitudini crepuscolari, attive cioè dopo il calare del sole; tali specie hanno ocelli particolarmente sviluppati.

Sono api solitarie che scavano il loro nido nella sabbia, o in fusti vuoti di piante, o in gallerie scavate da insetti nel legno, o nei nidi abbandonati di altre api e vespe. Le singole celle vengono impermeabilizzate grazie all'applicazione di una secrezione che, seccando, assume una consistenza membranosa. Spesso mostrano comportamenti comunitari, con più femmine che costruiscono i nidi l'uno vicino all'altro, occupandosi però ciascuna della propria prole.

La maggior parte dei generi di questa famiglia depone le uova all'interno di masse polliniche liquide o semiliquide; alcuni colletidi privi di apparati di raccolta ingoiano il polline per poi rigurgitarlo all'interno del nido.[5]

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli insetti del genere Colletes sono frequentemente chiamati in causa quali insetti impollinatori di orchidee del genere Ophrys. Tale relazione è legata ad una somiglianza chimica tra le secrezioni cefaliche di questi insetti e alcune sostanze volatili prodotte dalle specie del genere Ophrys[6][7].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente, basandosi principalmente sulla somiglianza del loro apparato buccale con quello dei Crabronidae, si è ritenuto che i Colletidi fossero una delle famiglie più "primitive" di api, ma recenti studi molecolari hanno smentito questa ipotesi, riconoscendo i Melittidae come il gruppo basale di tutte le api.[8]

La famiglia Colletidae comprende 6 sottofamiglie, 54 generi e circa 2250 specie:[9]

I generi Ctenocolletes e Stenotritus, in passato considerati come una sottofamiglia (Stenotritinae) della famiglia Colletidae, attualmente sono collocati in una famiglia a sé stante (Stenotritidae).[8]

Alcune specie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michener 2000, p.126
  2. ^ Chew P, Family Colletidae in Brisbane Insects and Spiders (Queensland, Australia).
  3. ^ VanDyk J, Family Colletidae in Bug Guide.
  4. ^ Michener 2000, pp.216-17
  5. ^ Ricciarelli D'Albore G., Intoppa F., Fiori e api. La flora visitata dalle api e dagli altri apoidei in Europa, Bologna, Calderini Edagricole, 2000, p.17, ISBN 9788820646134.
  6. ^ Borg-Karlson, A.K., Chemical and ethological studies of pollination in the genus Ophrys (Orchidaceae) in Phytochemistry 1990; 29: 1359-87.
  7. ^ Mant J. et al., Cuticular hydrocarbons as sex pheromone of the bee Colletes cunicularius and the key to its mimicry by the sexually deceptive orchid, Ophrys exaltata in Journal of Chemical Ecology, 2005; 31(8): 1765-1787.
  8. ^ a b Danforth B.N., Sipes S.J., Fang S. & Brady S.G., The history of early bee diversification based on five genes plus morphology in PNAS 2006; 103(41): 15118-15123.
  9. ^ (EN) Colletidae in Hymenoptera Online (HOL), Ohio State University. URL consultato il 16 ottobre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michener C.D., The Bees of the World, Johns Hopkins University Press, 2000, ISBN 0801861330.
  • Brothers D.J. 1999. Phylogeny and evolution of wasps, ants and bees (Hymenoptera, Chrysidoidea, Vespoidea and Apoidea) Zoologica Scripta 28: 233–250.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi