Ormyridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ormyridae
Immagine di Ormyridae mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Terebrantia
Superfamiglia Chalcidoidea
Famiglia Ormyridae
Förster, 1856
Generi

Gli Ormiridi (Ormyridae Förster, 1856) rappresentano una piccola famiglia di insetti (Hymenoptera Chalcidoidea) comprendente specie parassitoidi.

Generalità[modifica | modifica sorgente]

Gli Ormiridi sono filogeneticamente e morfologicamente affini ai Torimidi, dai quali si distinguono per alcuni dettagli morfologici come ad esempio il corpo più tozzo, l'ovopositore breve, i notauli più superficiali sul mesoscuto, il maggiore sviluppo dell'epipygium.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Hanno un corpo tozzo, convesso, fortemente sclerotizzato, non particolarmente sviluppato in lunghezza (1-7 mm). Il colore è in genere verde o bluastro, spesso con riflessi metallici.

Il capo porta antenne brevi, il torace presenta sculture sotto forma di solchi superficiali. Le coxe posteriori sono in genere più lunghe di quelle anteriori. Le ali sono simili a quelle dei Torimidi, con vena postmarginale e vena stigmale abbozzate e uncus che tocca il margine anteriore dell'ala.

L'addome è subsessile a causa del peziolo molto breve e il dorso del gastro mostra particolari sculture dei tergiti. L'ovopositore è piuttosto breve e in genere non sporge dall'addome. Nell'ultimo urite delle femmine è presente uno sclerite allungato, detto epipygium, che sporge fra i cercoidi.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Gli Ormiridi sono parassitoidi associati a insetti galligeni, principalmente Imenotteri Cinipidi. La letteratura cita anche relazioni di parassitismo con Ditteri galligeni e con forme fitofaghe di Imenotteri Euritomidi. Nelle regioni tropicali sono state identificate specie associate ai Ficus, probabilmente parassitoidi di Imenotteri Agaonidi.

Sistematica e filogenesi[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una famiglia piuttosto piccola, collegata filogeneticamente ai Torimidi. In passato gli Ormiridi rientravano, al rango di sottofamiglia, nell'ambito dei Torimidi formando un raggruppamento parafiletico.

La famiglia comprende circa 120 specie ripartite in tre generi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Viggiani Gennaro. Lotta biologica ed integrata. Liguori editore. Napoli, 1977. ISBN 88-207-0706-3

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi